Guidare con braccio fuori dal finestrino: c’è la multa
Lo sai che?
25 Lug 2016
 
L'autore
Carlos Arija Garcia
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Guidare con braccio fuori dal finestrino: c’è la multa

Lo dice il Codice della Strada, anche se in modo indiretto: chi guida senza tenere il volante con le due mani rischia una sanzione e 1 punto sulla patente.

 

Il caldo non è una scusa: chi guida con il braccio fuori dal finestrino, o anche solo con il gomito fuori, come spesso succede d’estate, rischia una multa. Il Codice della Strada non contiene un divieto esplicito su questo tipo di atteggiamento ma, attraverso altri articoli, lo sanziona indirettamente.

L’automobilista “beccato” con il braccio fuori dal finestrino deve, infatti, rispondere di mancato rispetto dei canoni di sicurezza alla guida. Il Codice della Strada [1] impone che il conducente “deve mantenere sempre il controllo della propria vettura e avere la capacità di porre in essere tutte le manovre necessarie in condizione di guida”. Tradotto: con una mano sola non sempre è possibile compiere una manovra di emergenza o mantenere il veicolo in condizioni di sicurezza se c’è qualche imprevisto. La sanzione amministrativa prevista per chi viola questa norma va dai 41 ai 168 euro.

Il Codice precisa ancor di più questo concetto insistendo sul fatto che il conducente “deve avere ampia libertà di movimento al fine di porre in essere le manovre necessarie per la guida [2]. Se ne deduce che nemmeno questo è possibile con una mano sola.

E ancora: c’è un obbligo esplicito di guidare con entrambi le mani anche quando si fa o si riceve una telefonata [3]. Ecco perché vengono considerati leciti l’auricolare o l’impianto a viva voce (purché il conducente non abbia problemi di udito e le apparecchiature non richiedano l’uso delle mani) ma non è lecito parlare con il cellulare in mano. Per la guida, servono tutte e due le mani sul volante. Averne una impegnata al telefonino o fuori dal finestrino è ritenuto illecito allo stesso modo e per lo stesso motivo.

Da ricordare anche che guidare con il braccio fuori dal finestrino, oltre che antieconomico, è anche pericoloso. Ci sono stati dei casi, infatti, in cui qualche automobilista è finito in ospedale con il braccio rotto perché un altro veicolo lo ha urtato durante un sorpasso o prendendo una curva. Come abbiamo visto, chi ha il braccio fuori ha torto in partenza. Quindi, in questo caso, oltre alla beffa il danno.

 

 

Guida con braccio fuori dal finestrino: il precedente

Qualcuno ci è già cascato. E’ successo a Genova, in piena estate, a mezzogiorno, con 35 gradi a picco. Il malcapitato conducente stava guidando in città con il finestrino abbassato ed il gomito appoggiato fuori. Suo malgrado, ha incrociato una pattuglia dei Carabinieri che usciva in retromarcia da un parcheggio. Per evitare la collisione, ha suonato il clacson e continuato la sua marcia. Poco dopo, i militari lo hanno fermato e gli hanno contestato la violazione al Codice della Strada per guida con il braccio fuori dal finestrino. Risultato: 85 euro di multa e 1 punto in meno sulla patente.

Ma non è finita qui. La rabbia, che è una brutta consigliera, ha portato il conducente a pubblicare un post su Facebook con tanto di foto del verbale. In pochi minuti sono arrivati frasi ingiuriose contro le forze dell’ordine. L’automobilista, però, ha commesso un grosso passo falso: non ha oscurato i nomi dei Carabinieri riportati sul verbale. Ciò vuol dire che, oltre alla multa per guidare con il braccio fuori dal finestrino ed il punto perso sulla patente, rischia la denuncia per violazione della privacy dei due Carabinieri che lo hanno fermato.


[1] Art. 141 co. 2 Cod. della Strada.

[2] Art. 169 Cod. della Strada.

[3] Art. 173 Cod. della Strada.

 

Autore immagine: Pixabay

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti
26 Lug 2016 Pasqualino Favilla

Ma sto ca…….di governo non sa più dove prendere soldi per arricchirsi? E’ proprio vero, più ne hanno e più ne vogliono.
Un consiglio a tutti gli Italiani, se volete mandare a fa……….questo Governo votate NO al referendum di Ottobre, perchè se no tra un po ci farà pagare pure l’ aria che respiriamo.