Lotterie: quanto mi tassano e quando incasso
Lo sai che?
25 Lug 2016
 
L'autore
Carlos Arija Garcia
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Lotterie: quanto mi tassano e quando incasso

Sulla vincita sopra i 500 euro al lotto, al Superenalotto o con un Gratta e Vinci si versano le tasse. I premi modesti si pagano subito, gli altri dopo un mese.

 

Una vincita sostanziosa alla lotteria la festeggiano sempre in due: il fortunato giocatore e lo Stato. Il primo, perché moltiplica i pochi soldi che ha speso in una giocata al lotto o al Superenalotto o acquistando un Gratta e Vinci. Il secondo perché porta in cassa il 6% della vincita del primo, se questa supera i 500 euro.

 

 

Quante tasse si pagano sulla vincita

Dal 1 gennaio 2012 [1] le vincite superiori ai 500 euro vengono tassate al 6%. La tassazione riguarda solo la parte eccedente i 500 euro. Ad esempio, se si vincono 2.000 euro, l’aliquota del 6% verrà applicata solo su 1.500 euro. Quindi, il giocatore porterà a casa 500 euro più il 94% di 1.500 euro (cioè, in totale, 1.910 euro). Gli altri 90 euro andranno allo Stato. Questo calcolo interessa il lotto e le altre lotterie a premi: Superenalotto, Win for Life, Win for Life Gold, SiVinceTutto, Gratta e Vinci, Enalotto e Superstar. L’importo viene trattenuto dal concessionario che gestisce i giochi in qualità di sostituto d’imposta e finisce subito nelle casse dell’Erario. Non è previsto l’obbligo di dichiarare la vincita nel 730 o nel modello Unico, in quanto si tratta di un sistema di tassazione con la ritenuta alla fonte a titolo di imposta.

 

 

Come e quando si incassa la vincita al Superenalotto

Il pagamento di una giocata vincente al Superenalotto è vincolato all’importo della vincita:

  • se il premio è uguale o inferiore a 520 euro, può essere ritirato entro 60 giorni dal giorno successivo alla giocata in una qualsiasi ricevitoria abilitata presentando la ricevuta originale e integra. Verrà pagato subito in contanti o con assegno bancario non trasferibile. Altrimenti, dopo 60 giorni ma entro e non oltre 90 giorni, si può chiedere il pagamento presentando la ricevuta presso gli uffici Sisal nelle sedi di:
    • Via A. Tocqueville, 13 – 20154 Milano
    • Viale Sacco e Vanzetti, 89 – 00155 Roma.
  • se il premio è compreso tra 520 euro e 5.200 euro, può essere ritirato entro 60 giorni nella ricevitoria in cui è stata effettuata la giocata tramite bonifico bancario o assegno non trasferibile. Oppure dopo 60 giorni ma entro e non oltre 90 giorni negli uffici sopracitati;
  • se il premio è compreso tra 5.200 euro e 52.000 euro, può essere ritirato entro 60 giorni solo con bonifico bancario e dopo la prenotazione del pagamento presso una ricevitoria appositamente abilitata al pagamento di questo tipo di vincite. In alternativa, ci si può rivolgere dal 60° al 90° giorno agli uffici Sisal già citati. Il pagamento avverrà entro 30 giorni dalla data di consegna della ricevuta;
  • se il premio è compreso tra 52.000 euro e 1.000.000 di euro, prima di offrire da bere agli amici bisogna presentare la ricevuta di gioco entro e non oltre 90 giorni presso gli uffici premi di Sisal nelle sedi indicate. Anche in questo caso verrà pagato entro 30 giorni;
  • se il premio è uguale o superiore a 1.000.000 di euro, finito il giramento di testa bisogna presentare la ricevuta presso i soliti uffici. Entro 31 giorni si potrà comprare lo champagne.

Naturalmente, ci sono delle commissioni di incasso da pagare. Rispondono alla seguente tabella:

  • per vincite uguali o inferiori a 100 euro: nessuna commissione;
  • da 100,01 a 300 euro: 1,03 euro;
  • da 300,01 a 1.000 euro: 3,10 euro;
  • da 1.000,01 a 5.200 euro: 6,20 euro;
  • fino a 52.000 euro: 5,16 euro per le prenotazioni del bonifico.

 

 

Come e quando si incassa un Gratta e Vinci

Vediamo, invece, come avviene il pagamento di un Gratta e Vinci fortunato:

  • fino a 500 euro di vincita, il Gratta e Vinci viene pagato presso qualsiasi punto vendita autorizzato;
  • da 501 a 10.000 euro, è prevista la validazione del biglietto presso una qualsiasi ricevitoria. Questa operazione prevede il pagamento tramite assegno circolare presso un’agenzia della banca Intesa SanPaolo oppure attraverso bonifico bancario o postale. E’ necessario fare la prenotazione, presentandosi con documento di identità ed, eventualmente, l’Iban presso una ricevitoria. Qui verranno registrati gli estremi del biglietto, i dati del vincitore e la modalità di pagamento scelta dal fortunato giocatore. Al vincitore sarà consegnata una ricevuta di prenotazione che deve essere presentata al momento dell’incasso. Il biglietto fortunato rimane al rivenditore.
  • Per i premi superiori ai 10.000 euro, le vincite vanno chieste all’Ufficio premi Lotterie Nazionali.l, in viale del Campo Boario 56/D – 00154 Roma. La richiesta può essere fatta con plico raccomandato oppure presso uno sportello della banca Intesa SanPaolo, che provvederà a inoltrare il biglietto nell’ufficio delle Lotterie.

In qualsiasi caso, la vincita deve essere reclamata entro 45 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’avviso di cessazione della lotteria. Cioè dalla data in cui la dea Fortuna ha baciato il vincitore.


[1] D.D. 12 ottobre 2011 “Attuazione delle disposizioni contenute nell’art. 2, comma 3, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito nella legge 14 settembre 2011, n. 148, in materia di giochi pubblici.

 

Autore immagine: Pixabay

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti