Come trovare gratis sentenze su internet
Lo sai che?
25 Lug 2016
 
L'autore
Maura Corrado
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Come trovare gratis sentenze su internet

Giuristi, avvocati e comuni cittadini si affidano alla rete per cercare sentenze, atti e provvedimenti. Internet offre un valido aiuto, con una serie di strumenti efficaci. Vediamoli.

 

A  chi non è mai capitato di voler/dover cercare delle sentenze su internet?

I motivi possono essere i più vari: a un avvocato può servire per scrivere un atto o per studiare una questione prospettatagli da un cliente; un comune cittadino può avere la necessità di leggere una sentenza che tratta di un caso simile al suo, per capire cosa dice la legge a proposito.

 

Fino a qualche anno fa non era così scontato trovare quello che serviva: ancora oggi, molti siti sono a pagamento o disponibili solo se si è avvocati o comunque addetti ai lavori.

 

 

Sentenze su internet: come trovarle?

Il metodo più efficace per reperire su internet una sentenza che ci interessa è quello di scrivere direttamente su Google gli estremi della stessa, cioè il numero e la data in cui è stata emessa. Ad esempio: “Cass., n. 123, del 23.01.2016” oppure “Cass., n. 123/2016”. Si può scrivere anche il nome del ricorrente, se la sentenza è “famosa”: ad esempio, scrivendo “Englaro”, troveremo subito la sentenza sulla ragazza rimasta per anni in coma vegetativo a seguito di un incidente e per la quale i genitori hanno scelto l’eutanasia.

Così facendo, ci sono buone possibilità di arrivare alla soluzione diretta.

 

C’è da dire che, di recente, quella che prima era una ricerca davvero affannosa ed estenuante, è diventata una pratica più semplice. La stessa rete, infatti, ci viene in aiuto, mettendo a disposizione molteplici strumenti. Vediamo quali.

 

  1. Consulta le banche dati giuridiche

Puoi trovare le massime (la massima di una sentenza consiste in una o più brevi frasi che riassumono sinteticamente il principio di diritto affermato nella sentenza stessa, seguito talvolta da una breve descrizione della fattispecie concreta su cui il giudice si è pronunciato), i testi integrali di sentenze e di atti normativi vigenti e non, i riferimenti bibliografici di note a sentenza e di commenti alle leggi, oltre che i testi aggiornati dei Codici, su banche dati come Italgiureweb della Cassazione, Leggi d’Italia DEA, Pluris, Dejure, Fisconline, Foro Italiano, LexisNexis Academic: sono davvero valide, in quanto consentono vari canali di ricerca, tra cui il riferimento normativo o giurisprudenziale, l’argomento o parola chiave, l’ente emanante, le parti.

Le banche dati sono disponibili sia online (di solito in abbonamento) o su formato cartaceo.

 

  1. Trova la documentazione disponibile gratuitamente su internet

Nel caso in cui non sia abbia a disposizione una banca dati o, comunque, si voglia reperire materiale da consultare gratuitamente, basta qualche click:

  • sulla pagina web della Camera dei Deputati puoi trovare le leggi a partire dalla XIII Legislatura, i progetti di legge oltre che una ampia documentazione relativa all’attività parlamentare;
  • la legislazione regionale è disponibile sui siti delle assemblee legislative di ciascuna regione;
  • sul sito gazzettaufficiale.it, a cura dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, si possono consultare gratuitamente le varie serie della Gazzetta Ufficiale, pubblicate negli ultimi sessanta giorni. La Gazzetta Ufficiale è uno strumento di diffusione, informazione e ufficializzazione di testi legislativi, atti pubblici e privati che devono giungere con certezza a conoscenza dell’intera comunità. Il sito è facile da consultare, chiaro e tempestivamente aggiornato;
  • i testi integrali dei Codici sono reperibili online su numerosi siti giuridici, ad esempio: Codice Civile, Codice Penale, Codice di Procedura Civile, Codice di Procedura Penale;
  • sul sito della Corte Costituzionale o su Consulta Online puoi trovare i testi integrali delle sentenze, così come sulla pagina della Corte dei Conti;
  • la Corte di Cassazione rende disponibili i testi integrali e le massime ufficiali;
  • sul sito La Giustizia Amministrativa puoi trovare il testo integrale delle sentenze di TAR e Consiglio di Stato;
  • la versione elettronica dei testi della Corte di giustizia delle Comunità europee (a partire dal 1953) e del Tribunale di primo grado (a partire dal 1990) sono disponibili tramite la ricerca sul portale comunitario EUR-Lex;
  • JurisWiki è una piattaforma open (aperta a tutti) dove è possibile trovare le sentenze, le ordinanze e i decreti delle corti italiane già disponibili online. Il tutto gratis, senza il bisogno di dover perder tempo sui motori di ricerca, né di smarrirsi setacciando tra le centinaia di pagine web settoriali che pubblicano già i testi. Un sistema che ingloba ora 612,201 documenti, tra cui 417,774 provvedimenti della Corte di Cassazione, 175.190 del Consiglio di Stato e 19,237 della Corte Costituzionale;
  • altro importantissimo strumento è Normattiva, il portale della legge vigente. Si tratta di una banca dati pubblica consultabile da chiunque, sia esso un normale cittadino o un professionista. In particolare, è la prima in Italia in un panorama che vede(va) la presenza di sole banche dati private, anche estere. È gratuita e aggiornata costantemente.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti