HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 28 luglio 2016

Lo sai che? Come deve avvenire il traino di veicoli in avaria

> Lo sai che? Pubblicato il 28 luglio 2016

Il Codice della Strada vieta quasi sempre il traino fai-da-te. Mai in autostrada e superstrada. Negli altri casi, bisogna rispettare certe condizioni.

Auto in panne: che fare? Chiamare il carro attrezzi o tirar fuori dal baule una corda, una catena, una doppia cinghia e chiamare un amico per farci trainare dal meccanico più vicino? La prima soluzione è la più cara (a meno che l’assicurazione o una tessera dell’Aci coprano questa eventualità). Ma è quella che potrebbe far risparmiare una multa. Perché il Codice della Strada vieta nella maggior parte dei casi il traino dell’auto fai-da-te. In altre parole, il costo del carro attrezzi potrebbe essere inferiore rispetto alla multa.

Traino dell’auto: cosa dice il Codice della Strada

Il Codice della Strada stabilisce in modo generico il divieto di traino di un’auto da parte di un altro automezzo. La disposizione [1] prevede non la colpevolezza di uno solo degli interessati ma la complicità di chi traina e di chi viene trainato. Entrambi, infatti, potrebbero vedersi arrivare una sanzione amministrativa da 74 euro a 296 euro. Si consideri che il costo medio di un carro attrezzi può arrivare a 1,50 euro al chilometro. Quindi, 74 euro di multa equivalgono ad una cinquantina di chilometri. 296 euro di multa equivalgono a circa 197 chilometri. Hai voglia a trainare…

Ci sono, però, delle eccezioni, sempre dettate dal Codice della Strada. Il traino di un veicolo è, infatti, consentito in condizioni particolari alle vetture da rimorchio [2]. Ma anche alle auto private nel caso in cui:

  • non riescano a circolare per avaria o per mancanza di qualche pezzo essenziale (la macchina ha perso la marmitta, il motore è scoppiato, ecc). Attenzione, però: se il guasto o l’incidente è avvenuto su un’autostrada o su una superstrada, bisogna chiamare il carro attrezzi: il traino dell’auto è vietato;
  • il Codice della Strada autorizzi la Polizia alla rimozione forzata del veicolo [3]. Il caso più diffuso, il divieto di sosta che comporta un grave intralcio alla circolazione, alla manutenzione prevista dal Comune o alla pulizia delle strade. O, ancora, che impedisce a chi ha pagato un permesso per avere un passo carrabile (e solo a lui) di uscire dal proprio box. In questi casi, sarà qualcun altro a chiamare il carro attrezzi.

Come si deve trainare un auto in avaria

Siamo sicuri di sapere come si deve trainare un auto in panne o ci si affida all’istinto e al luogo comune (“cosa vuoi insegnarmi, pensi che non l’abbia mai fatto…?”) senza considerare cosa prevede il Codice della Strada?

Non basta il senso pratico: ci sono delle regole [4] da seguire per non incappare in una multa.

In primo luogo, il modo in cui agganciare i due veicoli: devono essere ben saldi tra di loro con una fune, una catena, un cavo, una barra rigida o un attrezzo simile.

Secondo, bisogna segnalare quel collegamento. Gli altri automobilisti devono avvistarlo facilmente. Si immagini cosa può succedere di notte se un terzo automobilista, ignaro della fune, del cavo o della catena, tenta di compiere un sorpasso tra l’auto in panne e quella che la sta trainando. E’ opportuno, quindi, foderare l’attrezzo che collega le due auto con una plastica lucida o con un materiale fosforescente.

Terzo avvertimento: il veicolo trainato deve avere accese le quattro frecce. Altrimenti, se ad esempio la batteria è a terra o l’impianto elettrico non funziona correttamente, deve avere sulla parte posteriore il triangolo rosso oppure il pannello quadrato a strisce bianche e rosse che di solito viene utilizzato per il trasporto di materiali sporgenti. Insomma, chi arriva dietro il veicolo deve avvertire immediatamente che c’è una situazione anomala.

Tre precauzioni fondamentali, insomma. Sia per una questione di buon senso, soprattutto nei confronti degli altri automobilisti, sia per evitare delle sanzioni: chi non rispetta queste disposizioni e viene “pizzicato” dalla Polizia, deve pagare una multa dagli 80 euro ai 318 euro. Cioè, e facendo i conti di prima, quello che potrebbe costare un carro attrezzi per muovere la macchina da 53 km a 212 km. Hai voglia a trainare…

note

[1] Art. 63 cod. str.

[2] Artt. 10, 61, 62, 105 cod. str.

[3] Art. 159 cod. str.

[4] Art. 165 cod. str.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK