Mantenimento: non lo evita chi vende o dona i propri immobili
Lo sai che?
31 Lug 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Mantenimento: non lo evita chi vende o dona i propri immobili

Separazione e divorzio: per evitare l’assegno di mantenimento all’ex coniuge non basta svuotare il conto corrente o dimostrare di non avere case e terreni, se questi sono stati venduti dopo la separazione.

 

Inutile fare i furbi: non scampa all’assegno di mantenimento da versare all’ex coniuge chi svuota il proprio conto corrente e/o vende tutti gli immobili di proprietà (case, appartamenti o terreni). Il fatto di essersi sbarazzati dei propri beni dopo la sentenza di separazione o di divorzio non basta per ottenere una modifica delle condizioni economiche e chiedere al giudice una riduzione dell’assegno di mantenimento. Difatti, il tribunale è chiamato ad analizzare non solo la situazione economico-patrimoniale attuale dell’ex coniuge, ma anche quella pregressa se da essa trapela un comportamento fraudolento volto a far apparire una povertà invece insussistente. È quanto chiarito dal Tribunale di Roma con una recente sentenza [1].

 

 

Vendere o donare i propri beni non salva dall’assegno di mantenimento

La vendita o la donazione dei propri beni per evitare di renderli pignorabili all’ex moglie o marito, titolare dell’assegno di mantenimento, non serve a un granché. E questo per diverse ragioni. Analizziamole.

 

L’azione revocatoria

Innanzitutto, se il coniuge con il reddito superiore cede i propri beni già durante la causa di separazione (ad esempio li vende o li dà in donazione), l’ex può già agire con l’azione revocatoria e far dichiarare inefficace la cessione. E ciò nonostante il giudizio tra i due sia ancora in corso e la misura dell’assegno di mantenimento non sia stata ancora stabilita in via definitiva. Infatti, basta una situazione di potenziale debito per legittimare il futuro creditore ad agire con la revocatoria. Di tanto avevamo già parlato nell’articolo “Vendere o donare casa quando si è un debito è inutile”.

 

Il mantenimento si calcola anche sulla base dei beni venduti

Secondo il tribunale di Roma, la misura dell’assegno di mantenimento non deve tenere conto soltanto della situazione di reddito attuale del coniuge se questi, in precedenza, si è spogliato di tutti gli immobili non facendo trovare alcuna somma, a titolo di corrispettivo, sul conto corrente. Non c’è peraltro bisogno che la vendita sia fittizia: basta il solo fatto di aver conseguito un reddito e averlo fatto sparire subito dopo. È chiaro l’intento fraudolento nei confronti dell’ex coniuge.

 

Il pignoramento in corso non è pregiudicato dalla donazione

In caso di donazione di un immobile, se l’ex coniuge inizia il pignoramento entro un anno da tale donazione (iscrivendolo nei pubblici registri immobiliari) detto bene può essere ugualmente aggredito e messo all’asta, senza bisogno di avviare prima una causa o una revocatoria. Facciamo un esempio. Giovanni si separa da Carla. Il 1° gennaio Tizio regala la propria casa alla nuova compagna Marta. Caia, entro il 31 dicembre dello stesso anno avvia il pignoramento su tale casa: lo può ben fare, nonostante la proprietà sia ormai passata a Marta.


[1] Trib. Roma, sent. n. 6742/2015.

 

Autore immagine: Pixabay.com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti