Invalidità: come contestare il verbale dell’Inps
Lo sai che?
8 Ago 2016
 
L'autore
Ditelo Voi
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Invalidità: come contestare il verbale dell’Inps

Come impugnare il verbale sfavorevole del riconoscimento dell’invalidità Inps: il procedimento è stato innovato prevedendo anziché un ricorso ordinario il procedimento di accertamento tecnico preventivo.

 

L’invalido che chieda il riconoscimento della propria invalidità (ai fini dei benefici previdenziali, assistenziali e lavorativi) deve passare da una visita medica effettuata da una apposita commissione.

Dopo la visita egli riceve a domicilio un verbale con indicazione della percentuale di invalidità riconosciuta, che molto spesso è al di sotto delle aspettative del paziente.

 

La lettera, che giunge a domicilio, reca con sé una comunicazione accompagnatoria da parte del dirigente responsabile: da tale momento inizia a decorrere il termine di 6 mesi per proporre un ricorso al giudice contro la percentuale riconosciuta dalla commissione. Scaduto il termine, il malato decade dalla possibilità di adire le vie legali e può solo riproporre l’iter amministrativo da capo chiedendo eventualmente un aggravamento.

 

Se tuttavia l’invalido decide di ricorrere al giudice, inizia un procedimento avanti al Tribunale, sezione “lavoro e previdenza” denominato “Accertamento tecnico preventivo previdenziale[1].

Il procedimento è più rapido rispetto alla previgente disciplina del ricorso ordinario e viene esperito con il patrocinio di un avvocato. Esso inizia con una istanza con cui viene richiesta la nomina di un medico come consulente tecnico ausiliario del Giudice che provvederà a convocare l’utente a visita medica.

In questa sede ognuno potrà farsi assistere dai propri medici di fiducia e produrre nuovi documenti medici.

 

Dopo 30 giorni circa, il medico invierà la propria perizia alle parti attraverso posta elettronica certificata, in attesa di ricevere osservazioni sul proprio elaborato nei successivi 15 giorni; se non ci sono eccezioni o al termine dell’esame di queste, la perizia viene dallo stesso depositata telematicamente in Tribunale.

L’elaborato peritale contiene tutti gli accertamenti medici effettuati ed anche la data in cui l’invalidità si è manifestata.

 

Il Giudice poi darà un altro termine di 30 giorni per trasformare questo rito celere in un rito ordinario se una delle parti deciderà di opporsi alla perizia medica.

 

Qualora invece le parti restino silenti, il Giudice concluderà il processo emettendo un decreto di omologa della perizia rendendola definitiva.

 

Il pronunciamento del Giudice è immediatamente esecutivo e non può essere impugnato se non per ricorso per Cassazione; se pertanto la perizia medica è favorevole, l’ente previdenziale riconoscerà il grado di invalidità ed inizierà ad erogare le prestazioni con le mensilità arretrate.

 

In pratica, alla ricezione del verbale si deve tramite avvocato impugnare entro sei mesi il verbale e sottoporsi ad una ulteriore visita medica da un consulente del Tribunale provando a ribaltare il verdetto della commissione medica.

 

Avv. DANIELE CONTRISCIANI – daniele.contrisciani@fastwebnet.it

 


[1] Art. 445 bis cod. proc. civ.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti