Si può guardare la tv in streaming gratis?
Lo sai che?
9 Set 2016
 
L'autore
Maura Corrado
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Si può guardare la tv in streaming gratis?

Guardare la tv in streaming è facile e, soprattutto, gratuito. Basta scegliere i siti giusti, badando che siano legali. Ecco un elenco di siti sicuri e a costo zero. Buona visione!

 

 

Guardare la tv in streaming: si può gratis?

Guardare film o partite di calcio in streaming è, ormai, molto frequente ma non tutti sanno che tale condotta non è sempre legale. Ciò non vuol dire, tuttavia, che non sia possibile farlo senza violare la legge.

Anzi: non solo è possibile vedere film in streaming ma è anche possibile farlo gratis in maniera del tutto legale e senza bisogno di scaricare programmi particolari.

Nella maggior parte dei casi, si tratta di siti web che si finanziano con le pubblicità e che, a volte, richiedono di effettuare una breve registrazione gratuita tramite e-mail o profilo Facebook.

 

E allora, tutto quello che serve è un pc o un cellulare, una connessione ADSL mediamente veloce e un divano: in questo modo, si potrà scegliere tra decine di film, sia italiani che internazionali, di qualsiasi genere e tipo.

In alcuni casi sono necessari plugin come Flash Player e Microsoft Silverlight (si tratta di riproduttori che permettono di visualizzare video e contenuti multimediali direttamente nel browser), ma ormai il loro utilizzo sta diventando sempre più marginale,

 

 

Guardare la tv in streaming gratis: dove?

Vediamo su quali siti è possibile guardare la tv in streaming gratuitamente.

 

VVVVID è fra i migliori servizi di streaming gratuiti. Nel suo catalogo sono compresi numerosi film appartenenti a vari generi, epoche e nazionalità, dagli horror nipponici fino alle storiche commedie con Bud Spencer e Terence Hill. Sono disponibili anche numerose serie TV.

I contenuti sono quasi tutti in lingua italiana e sono visibili utilizzando qualsiasi browser (Internet Explorer, Chrome, Mozilla), anche da iPhone/iPad e dispositivi Android, tramite apposite app.

Per accedere ai film di VVVVID, basta collegarsi alla pagina iniziale del servizio, creare un account gratuito attraverso l’apposito modulo o cliccando sul pulsante di Facebook.

 

Attualmente, il migliore e più usato sito per guardare film in streaming gratis è PopCorn TV: anche in tal caso, l’offerta è molto vasta e include, addirittura, soap opera e contenuti per bambini.

Per utilizzarlo, non è richiesta alcuna registrazione e basta usare uno qualsiasi dei browser più diffusi. PopCorn Tv è disponibile anche sotto forma di applicazione per smartphone o tablet e i suoi contenuti possono essere visualizzati anche sui dispositivi portatili.

 

Contenuti in streaming sono disponibili anche sul sito di molte emittenti televisive:

  • il sito internet della Rai offre una collezione abbastanza interessante di film streaming gratis, con pellicole italiane e internazionali;
  • film interessanti si possono trovare anche sul sito Rai Cinema Channel, con una serie di film realizzati appositamente per il Web;
  • anche Paramount Channel, canale gratuito del digitale terrestre e del satellite dedicato al mondo del cinema, offre un’ampia selezione di film da guardare gratis in qualsiasi momento, senza alcuna registrazione e anche da smartphone e tablet;
  • Video Mediaset è il sito ufficiale di Mediaset che, previa una rapida registrazione gratuita, permette di vedere i principali canali dell’azienda in streaming. È disponibile anche sotto forma di app per Android, iPhone e Windows Phone;
  • TV8 e CieloTV, due emittenti appartenenti al gruppo Sky Italia. Collegandoti al loro sito internet puoi visualizzare tutto il loro palinsesto in diretta streaming.

 

 

Guardare la televisione in streaming è legale?

Chi guada la televisione in streaming, collegandosi con un sito pirata, cioè privo delle autorizzazioni da parte del titolare dei contenuti, non commette reato. Dunque, anche se il suo indirizzo IP di collegamento viene individuato dalla polizia postale, nessun illecito (amministrativo o penale) gli potrà mai essere contestato. Come infatti abbiamo già chiarito nell’articolo “Cosa rischia chi guarda film in streaming, l’unica sanzione che scatta per la messa in onda, su internet, di video, film o programmi TV in streaming non autorizzati, è nei confronti del titolare del sito pirata. La legge sul diritto d’autore [1] sanziona penalmente, e in modo chiaro ed espresso, solo chi installa, per uso pubblico o privato, apparati o parti di apparati atti alla decodificazione di trasmissioni audiovisive ad accesso condizionato, effettuate via etere, via satellite, via cavo, in forma sia analogica, sia digitale. La pena è la reclusione da sei mesi a tre anni e la multa da 2.582 euro a 25.822. La stessa legge sul diritto d’autore [2] punisce, con la reclusione da sei mesi a tre anno e con una multa da 2.582 a 15.493 euro chiunque trasmetta o diffonda in pubblico opere destinate al circuito televisivo o cinematografico.

 

La legge però non sanziona l’attività di chi si collega a un sito pirata per vedere TV o film in streaming gratis e in violazione del copyright.


[1] Art. 171-octies Legge Diritto d’Autore: “1. Qualora il fatto non costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 2.582 a euro 25.822 chiunque a fini fraudolenti produce, pone in vendita, importa, promuove, installa, modifica, utilizza per uso pubblico e privato apparati o parti di apparati atti alla decodificazione di trasmissioni audiovisive ad accesso condizionato effettuate via etere, via satellite, via cavo, in forma sia analogica sia digitale. Si intendono ad accesso condizionato tutti i segnali audiovisivi trasmessi da emittenti italiane o estere in forma tale da rendere gli stessi visibili esclusivamente a gruppi chiusi di utenti selezionati dal soggetto che effettua l’emissione del segnale, indipendentemente dalla imposizione di un canone per la fruizione di tale servizio.

La pena non è inferiore a due anni di reclusione e la multa a euro 15.493 se il fatto è di rilevante gravità.

[2] Art. 171-ter Legge Diritto d’Autore: “1. È punito, se il fatto è commesso per uso non personale, con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 2.582 a euro 15.493 chiunque a fini di lucro: a) abusivamente duplica, riproduce, trasmette o diffonde in pubblico con qualsiasi procedimento, in tutto o in parte, un’opera dell’ingegno destinata al circuito televisivo, cinematografico, della vendita o del noleggio, dischi, nastri o supporti analoghi ovvero ogni altro supporto contenente fonogrammi o videogrammi di opere musicali, cinematografiche o audiovisive assimilate o sequenze di immagini in movimento;…”.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti