Professionisti Pubblicato il 9 agosto 2016

Articolo di

Professionisti Cosa è la prescrizione presuntiva?

> Professionisti Pubblicato il 9 agosto 2016

La prescrizione presuntiva si fonda su una presunzione di avvenuto pagamento del debito, ma è ammessa la prova contraria.

La prescrizione presuntiva ha una fondamento del tutto diverso dalla prescrizione estintiva. Essa è prevista dal legislatore per facilitare i rapporti quotidiani, che, in ragione della loro frequenza, necessitano di maggiore “snellezza”. Ad esempio, nei rapporti tra commercianti e clienti, albergatori e ospiti ecc., l’estinzione del debito avviene normalmente nell’immediatezza del rapporto. Pertanto l’ordinamento ritiene che, trascorso un lasso di tempo relativamente breve senza alcuna contestazione, il debito non sussista più.

Come dice la parola stessa, tale prescrizione è presuntiva, quindi si presume l’avvenuto pagamento: il creditore può provare comunque che esso non ha avuto luogo. Pertanto, mentre le regole generali richiedono che la prova del pagamento ricada sul debitore, nel caso della prescrizione presuntiva si verifica un’inversione dell’onere della prova.

La prescrizione presuntiva non opera quindi nel campo del diritto sostanziale (come invece quella estintiva), bensì nel campo del diritto processuale, riguardando la materia dell’onere probatorio.

Il-Recupero-dei-Crediti

La prescrizione presuntiva nasce allo scopo di “snellire” i rapporti patrimoniali quotidiani.

Alla base di tale istituto si trova la presunzione che il debitore abbia adempiuto la propria obbligazione, lasciando al creditore l’onere di provare che ciò non è accaduto.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK