Infortunio a scuola: cosa fare?
Lo sai che?
10 Ago 2016
 
L'autore
Ditelo Voi
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Infortunio a scuola: cosa fare?

Scuola e sicurezza degli alunni: quali tutele in caso di infortunio durante l’orario scolastico?

 

Gli istituti scolastici, sovente, ai fini dell’ammissione dello studente,  richiedono una tassa di iscrizione comprensiva di costi di assicurazione. Infatti, la legge obbliga le scuole a sottoscrivere una polizza assicurativa con l’Inail per ogni alunno, a copertura degli infortuni subiti durante le attività di laboratorio o quelle di educazione fisica. Per gli altri tipi di infortuni la scuola sarà pertanto onerata a provvedere alla stipula di una polizza assicurativa integrativa.
Ciò in forza del contratto di iscrizione [1] e del conseguente obbligo, gravante sull’istituto scolastico, di tutelare l’incolumità degli alunni, predisponendo le opportune misure di vigilanza per tutto il tempo in cui questi fruiscono della prestazioni scolastiche, in ossequio a quello che può definirsi un “contratto di protezione” [2].

 

L’obbligo di custodia degli alunni comprende anche la garanzia dell’idoneità dei locali messi a disposizione dall’istituto scolastico, al fine di evitare che l’allievo possa incorrere in danni della propria persona sia all’interno dell’edificio che nelle pertinenze scolastiche [2](come giardini, palestre, cortili, ecc.) [3].

 

In caso di infortunio dello studente, pertanto, sarà possibile agire contro l’istituto scolastico al fine di ottenere il dovuto risarcimento dei danni subiti.
In pratica sarà necessario, nell’immediatezza del sinistro, documentare l’accaduto e procedere all’immediata comunicazione del sinistro all’istituto scolastico tramite raccomandata con avviso di ricevimento. Sarà il dirigente scolastico a dover provvedere alla comunicazione dell’infortunio all’INAIL competente per territorio, tramite procedura telematica SIDI, ed alla compagnia assicuratrice.

 

Sotto il profilo della prova, il danneggiato dovrà semplicemente dimostrare che il fatto si è verificato durante l’orario scolastico. Spetterà invece all’amministrazione scolastica dimostrare di avere esercitato la sorveglianza sugli studenti con la dovuta diligenza al fine di impedire il fatto dannoso. In altri termini, l’infortunio non verrà risarcito ove la scuola provi di avere predisposto tutte idonee misure di vigilanza e custodia, dimostrando l’assoluta imprevedibilità ed l’inevitabilità del fatto.
Risulterà utile ai fini del risarcimento conservare tutta la documentazione medica e fiscale inerenti le lesioni conseguenza del sinistro.

 

Avv. DOMENICA MARIA FORMICAavv.formica@live.it


[1] Cass. sent. n. 3680 del 15/02/2011
[2] Cass. sent. n. 577 del 11/01/2008
[3] Cass. sent. n. 19160 del 06/11/2012
[4] Cass. sent. n. 22752 del 04/10/2013

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti