Usucapire il fondo rustico? Solo 5 anni se c’è la donazione
Professionisti
11 Ago 2016
 
L'autore
Ditelo Voi
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Usucapire il fondo rustico? Solo 5 anni se c’è la donazione

Per usucapire la piccola proprietà rurale bastano 15 anni, ne occorrono solo 5 anni in presenza di titolo astrattamente idoneo a trasferire la proprietà.

 

Può capitare di possedere dei fondi rustici per diversi anni con la paura di vedersene privati da sedicenti proprietari che avanzano pretese. Ebbene, nel caso dei fondi rustici il nostro codice civile prevede una usucapione speciale [1]: per divenire proprietari del fondo rustico sono necessari 15 anni di possesso pacifico, pubblico, interrotto ed indisturbato di tale bene.

 

Nel caso invece in cui il fondo rustico sia acquistato in buona fede da chi non ne era il legittimo proprietario a mezzo di un contatto di vendita trascritto ma nullo, l’usucapione si compierà con il trascorrere di soli 5 anni dall’atto di trascrizione.

 

Al fine di poter beneficiare dei termini ridotti previsti dalla normativa è necessario che il terreno che ci interessa abbia i requisiti previsti dalla legge per essere qualificato come fondo rustico. Tali requisiti sono fondamentalmente due:

  1. a) il fondo rustico si deve trovare ubicato in un Comune classificato dalla legge come montano (per effettuare tale verifica sarà sufficiente controllare gli appositi elenchi predisposti);
  2. b) qualora il fondo non si trovi in un Comune classificato montano, è necessario che lo stesso fondo abbia un reddito dominicale iscritto nel catasto che non superi complessivamente €. 180,76, come richiesto dalla normativa [2].

 

Deve trattarsi, in ogni caso, di un fondo che sia destinato alla produzione di prodotti agricoli.

 

Oltre alla vendita, tra gli atti che possono trasferire la proprietà  e che possono far decorrere il termine di 5 anni per acquistare il fondo agricolo, vi è anche la donazione da parte di chi non sia il reale proprietario del bene, purché debitamente trascritta. Ed infatti, la donazione da parte di chi non è il proprietario del bene, ma assume di esserlo per aver usucapito a sua volta il bene, è tale da poter essere considerato un titolo astrattamente idoneo a trasferire la proprietà a chi la acquista in buona fede.

 

Sebbene l’orientamento giurisprudenziale sia diviso in merito alla qualificazione della donazione del bene non usucapito giudizialmente come nulla o solo inefficacie, La Corte di Cassazione ha statuito che in ogni caso tale donazione possa essere un coelemento della fattispecie acquisitiva a titolo originario della proprietà.

 

Ed infatti, è stato chiarito dalla Suprema Corte [3] che al fine della usucapione abbreviata, l’elemento essenziale affinché questa possa verificarsi è l’idoneità del titolo a trasferire la proprietà in astratto e non in concreto. In altre parole, ciò che conta è che il donante dichiarando in sede di donazione di essere il legittimo proprietario del fondo rustico, abbia assunto agli occhi del donatario la veste del titolare del diritto che stava trasferendo.

 

Avv. St. ELEONORA GUGLIELMOTTI  – ele.guglielmotti@gmail.com


In pratica

Per usucapire un fondo rustico occorrono 15 anni anziché i 20 previsti per tutti gli altri beni immobili, nel caso in cui vi sia la presenza di un titolo astrattamente idoneo a trasferire la proprietà basterà aver posseduto il bene in modo pacifico, pubblico ininterrotto ed indisturbato per 5 anni anziché 10.

[1] Art. 1159 – bis cod. civ.

[2] R.D.L. n. 589 del 04.04.1939, convertito nella legge n. 976 del 29.06.1939.

[3] Cass.sent n. 21227/2010.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti