Versamenti in banca, possibile l’accertamento fiscale
Lo sai che?
11 Ago 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Versamenti in banca, possibile l’accertamento fiscale

Indagini bancarie: sui professionisti la Cassazione fa marcia indietro; può scattare la presunzione di evasione fiscale.

 

Se il professionista non riesce a giustificare la provenienza dei soldi contanti versati in banca può scattare l’accertamento fiscale. È quanto ha chiarito l’altro ieri la Cassazione [1] a soli quattro giorni da una sentenza di segno diametralmente opposto [2].

 

Qualche giorno fa la Suprema Corte aveva sposato una tesi favorevole ai contribuenti titolari di attività di tipo professionale: nei confronti di costoro, non andrebbe applicata la norma di legge [3] secondo cui prelievi e versamenti non giustificati si “presumono” reddito e, quindi, vanno tassati. La questione era stata affrontata già due anni fa dalla Corte Costituzionale [4] che aveva dichiarato l’incostituzionalità della norma, sempre riguardo ai professionisti, ma solo con riferimento ai prelievi e non anche ai versamenti. Invece, la Suprema Corte aveva proteso per una interpretazione più allargata dell’inapplicabilità della legge [5]. Ora però il ripensamento.

 

A distanza, dunque, di circa una settimana, i giudici di legittimità cambiano idea: gli accrediti ingiustificati sui conti bancari del professionista si presumono essere incassi, ossia reddito. Per cui, se non interviene una prova contraria a scalfire tale presunzione, essi vanno tassati. In pratica, se il professionista non è in grado di giustificare la provenienza del denaro, l’indagine bancaria può dar luogo a un accertamento fiscale e a un recupero a tassazione delle somme depositate.

 

Non deve essere dunque l’Agenzia delle Entrate – come aveva sostenuto pochi giorni fa la Cassazione – a provare che gli accrediti sul conto corrente riguardano importi incassati per l’attività professionale, ma spetta al contribuente difendersi e fornire la prova, ossia motivare il versamento.

 

In definitiva – si legge in sentenza – con riferimento ai versamenti effettuati dai professionisti sui propri conti correnti resta invariata la presunzione legale [6] posta dalla legge a favore del fisco: presunzione che fa ritenere tali accrediti, quando non giustificati, come reddito non dichiarato.


[1] Cass. sent. n. 16697/16 del 9.08.2016

[2] Cass. sent. n. 16440/16 del 5.08.2016

[3] Art. 32 Dpr 600/73. La norma dispone una presunzione legale in favore del fisco, secondo la quale i versamenti e i prelevamenti non giustificati possono essere considerati ricavi

[4] C. Cost. sent. n. 228/2014.

[5] Art. 32 Dpr 600/73. La norma dispone una presunzione legale in favore del fisco, secondo la quale i versamenti e i prelevamenti non giustificati possono essere considerati ricavi.

[6] Tale presunzione, data la fonte legale, non necessita dei requisiti di gravità, precisione e concordanza richiesti dall’articolo 2729 cod. civ. invece per le presunzioni semplici. Spetta al contribuente dimostrare che gli elementi desumibili dalla movimentazione bancaria non sono riferibili ad operazioni imponibili, fornendo, a tal fine, una prova non generica, ma analitica, con indicazione specifica della riferibilità di ogni versamento bancario, in modo da dimostrare come ciascuna delle operazioni effettuate sia estranea a fatti imponibili.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
 
 
Commenti