Professionisti Pubblicato il 12 agosto 2016

Articolo di

Professionisti Come si svolge il pignoramento mobiliare?

> Professionisti Pubblicato il 12 agosto 2016

Nell’espropriazione mobiliare l’ufficiale giudiziario cerca i beni da pignorare presso la casa del debitore e negli altri luoghi a lui appartenenti.

Nel pignoramento mobiliare presso il debitore l’ufficiale giudiziario, munito del titolo esecutivo e del precetto, può ricercare le cose da pignorare nella casa del debitore e negli altri luoghi a lui appartenenti. Può anche ricercarle sulla persona del debitore, osservando, in tal caso, le opportune cautele per rispettarne il decoro.

Quando è necessario aprire porte, ripostigli o recipienti, vincere la resistenza opposta dal debitore o da terzi, oppure allontanare persone che disturbano l’esecuzione del pignoramento, l’ufficiale giudiziario provvede secondo le circostanze, richiedendo, laddove occorra, l’assistenza della forza pubblica.

Vi sono comunque cose impignorabili per espressa disposizione di legge, individuate dagli artt. 514 e ss. c.p.c., tra cui ricordiamo:

— le cose sacre e quelle che servono all’esercizio del culto;

— l’anello nuziale, i vestiti, la biancheria, i letti, i tavoli per la consumazione deipasti con le relative sedie, gli armadi guardaroba, i cassettoni, il frigorifero, le stufe ed i fornelli di cucina anche se a gas o elettrici, la lavatrice, gli utensili di casa e di cucina unitamente ad un mobile idoneo a contenerli, in quanto indispensabili al debitore ed alle persone della sua famiglia con lui conviventi; sono tuttavia esclusi i mobili, meno i letti, di rilevante valore economico, anche per accertato pregio artistico o di antiquariato;

— i commestibili e i combustibili necessari per un mese al mantenimento del debitore e delle altre persone indicate nel numero precedente;

— le armi e gli oggetti che il debitore ha l’obbligo di conservare per l’adempimento di un pubblico servizio;

— le decorazioni al valore, le lettere, i registri e in generale gli scritti di famiglia, nonché i manoscritti, salvo che formino parte di una collezione;

— le cose dichiarate impignorabili da speciali disposizioni di legge.

Sono poi previste regole particolari in relazione a cose mobili relativamente pignorabili o pignorabili in determinate circostanze (artt. 515 e 516 c.p.c.).

Scopo della procedura suddetta è alienare coattivamente il bene o i beni pignorati

per consentire al creditore di soddisfare il suo diritto sul ricavato.

Il-Recupero-dei-Crediti

L’ufficiale giudiziario, munito di titolo esecutivo e precetto, esegue l’espropriazione mobiliare ricercando le cose da pignorare presso la casa del debitore, nei luoghi a lui appartenenti e, se necessario e nei limiti del rispetto della riservatezza della persona, anche sul debitore stesso.

Quando lo reputi necessario, inoltre, l’ufficiale giudiziario può richiedere l’intervento della forza pubblica.

La legge esclude la pignorabilità di determinati beni.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK