Coltellino svizzero: è arma?
Lo sai che?
3 Set 2016
 
L'autore
Maura Corrado
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Coltellino svizzero: è arma?

Il coltellino svizzero è potenzialmente idoneo a trasformarsi in un’arma impropria. È lecito portarselo dietro? Come utilizzarlo legalmente? Quando diventa uno strumento offensivo?

 

Per molti è del tutto naturale avere con sé un coltellino multiuso; pensiamo ai coltellini svizzeri: c’è chi li utilizza come portachiavi, c’è chi ce li ha a portata di mano in auto, c’è chi lo tiene appeso alla cintura come un qualsiasi gioiello.

 

 

Coltellino multiuso: è lecito portarselo dietro?

Ma è lecito portarsi appresso un coltellino multiuso?

 

È vero che c’è una lama piccola ma esso si compone di svariati altri utensili: cacciavite, cavatappi, perforatore, ecc…, tutti potenzialmente idonei a trasformarsi in un’arma impropria [1], andando, quindi ben oltre il fine originario per cui sono stati creati.

 

 

Armi improprie: quali sono?

La legge è chiara nell’affermare che sono considerati armi gli strumenti da punta e da taglio la cui destinazione naturale è l’offesa alla persona (come pugnali, stiletti e simili) [2]. Al contrario, non sono considerate armi gli strumenti da punta e da taglio che, pur potendo occasionalmente servire all’offesa, hanno una specifica e diversa destinazione: ad esempio, gli strumenti da lavoro e quelli destinati ad uso domestico, agricolo, scientifico, sportivo, industriale.

 

Alla domanda se strumenti di tal genere possono essere portati con sé, sempre la legge stabilisce che non possono essere portati fuori della propria abitazione armi, mazze ferrate o bastoni ferrati, sfollagente (o manganello), noccoliere (o tirapugni).

 

È proprio in questo contesto che si inserisce il concetto di armi improprie: per arma impropria si intende uno strumento atto ad offendere, ma che (a differenza di un’arma comune o arma propria) non ne ha lo scopo tipico. Rientrano nella categoria delle armi improprie diversi oggetti in grado di arrecare lesioni come le armi contundenti, ma anche mazze, tubi, catene, bulloni, sfere metalliche, martelli, spranghe, coltelli.

 

 

Armi improprie: quando le si può portare con sé?

Strumenti tali possono essere portati fuori dall’abitazione quando ciò sia giustificato da particolari esigenze [3]. Ad esempio, se Tizio sta andando nel bosco a tagliare la legna, è lecito che porti in auto un’accetta; allo stesso modo, se Caio sta andando da un amico a riparargli un tubo che cola, è lecito che si porti dietro un cacciavite. Così come è sempre lecito il porto dello stesso coltello quando si va a caccia o a fare una escursione in montagna.

 

Attenzione: come si è detto, occorre, quindi una giustificazione specifica e ben determinata e non, invece una necessità generica: significa che non basta dire “Porto il coltellino multiuso perché potrebbe servirmi”.

 

Non solo: tale giustificato motivo del porto di oggetti di questo genere non ricorre ogni qualvolta il nostro ipotetico Tizio abbia bisogno per una ragione X o Y del coltellino o del cacciavite (ad esempio, “Mi serve per aggiustare la cassa dello stereo in macchina). Le sue particolari esigenze devono essere perfettamente corrispondenti a regole comportamentali lecite, considerata anche la natura dell’oggetto, le modalità in cui si verificano i fatti, le condizioni soggettive del portatore, i luoghi in cui l’oggetto deve essere usato, la sua normale funzione. [4]

 

Coltellino multiuso: quando diventa un’arma impropria?

Ma allora, sulla base di quanto appena detto, se ne deduce che anche un bicchiere di vetro diventa strumento atto ad offendere ed è da considerare un’arma (che se utilizzata potrebbe giustificare l’applicazione delle circostanze aggravanti previste nel codice penale [5]); inoltre, il porto di un oggetto non destinato – per sua natura – ad offendere, diventa illecito quando viene meno il collegamento immediato con la sua funzione, divenendo, così, arma impropria. Nell’esempio del coltellino multiuso, la sanzione è quella dell’arresto da sei mesi a due anni e dell’ammenda da 1.000 euro a 10.000 euro.

 

In conclusione, qualsiasi oggetto atto ad offendere di cui il porto da parte nostra non sia giustificato, è reato. Per esempio, basta avere con noi un bel cacciavite e non essere in grado di giustificarne la presenza in tasca per essere accusati di porto abusivo di armi.

 

In teoria, se non svolgiamo un lavoro particolare che ci impone di attrezzarci con determinati strumenti (quali coltelli, roncole, catene varie, cacciaviti) e non siamo in orario di lavoro e non stiamo per utilizzare per il nostro lavoro tali strumenti, noi semplici cittadini non possiamo portarci addosso nemmeno un paio di forbici da asilo con punte arrotondate.


La sentenza

Corte di Cassazione, Sez. I Penale

Sentenza 14 febbraio 2013, n. 7331 

 

RITENUTO IN FATTO

Con sentenza del 20/12/2011, la Corte di appello di Catanzaro confermava la sentenza del Tribunale di Lamezia Terme che aveva dichiarato (OMISSIS) della contravvenzione di cui alla Legge n. 110 del 1975, articolo 4, e, previa concessione delle attenuanti generiche, lo aveva condannato alla pena di giorni venti di arresto ed euro 100,00 di ammenda, con i benefici di legge.

 

Il reato era stato contestato in relazione al rinvenimento da parte dei Carabinieri di un coltello nell’autovettura dell’imputato. La Corte rilevava che il coltello era stato trovato in ora notturna e in zona isolata in un vano allocato tra i sedili anteriori e, quindi, immediatamente disponibile per il conducente. L’imputato aveva giustificato l’agitazione osservata dai militari con la sua necessita’ di assumere una bustina di medicinale: ma cio’ era inverosimile, in quanto egli era appena uscito da una pizzeria, dove avrebbe potuto assumerla e tenendo conto che, nell’autovettura, non era stato rinvenuto liquido per sciogliere la medicina; la Corte riteneva, poi, irragionevole

Mostra tutto

[1] Secondo quanto previsto dalla l. n. 110, del 18 aprile 1975.

[2] Art. 45, disp. att. T.U.L.P.S.

[3] Art. 4, l. n. 110, del 18 aprile 1975.

[4] Cass, sez. I Pen., sent. n. 7331, del 14.02.2013.

[5] Art. 585, co. 2, cod. pen.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti