Posso usare l’immagine di un personaggio famoso?
Lo sai che?
14 Ago 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Posso usare l’immagine di un personaggio famoso?

Posso utilizzare la fotografia di un attore famoso ormai morto per pubblicizzare una attività commerciale e in particolare l’inaugurazione di un negozio?

 

La pubblicazione di una foto rappresentante un personaggio famoso, anche se ormai deceduto, è vietata dalla legge se non c’è stata prima l’autorizzazione dell’interessato o dei suoi eredi. È quindi necessario che chi voglia utilizzare una foto riproducente un’altra persona si procuri prima il relativo consenso.

 

Questo principio è condiviso da tutta la giurisprudenza secondo cui la riproduzione dell’immagine è un diritto riservato al titolare dell’immagine stessa e non viene meno né con la morte di quest’ultimo, né col fatto che l’utilizzo sia limitato a un ristretto ambito territoriale (si pensi a un volantino diffuso nel quartiere per pubblicizzare l’apertura di un negozio). Con la conseguenza che chi utilizza la fotografia di un personaggio del cinema, della musica, del teatro – a prescindere dal fatto che lo faccia per scopo di lucro o meno – deve sempre pagare i relativi diritti al diretto interessato se ancora in vita o ai suoi eredi.

Quanto sopra vale anche per i personaggi di cartoni animati e fumetti, sempre che l’opera sia ancora coperta dal diritto d’autore.

 

Comunque, ha più volte spiegato la Cassazione, l’immagine fotografica di un personaggio famoso non può essere pubblicata senza il consenso dell’interessato se non ricorre un concreto interesse dell’opinione pubblica alla pubblicazione [1]. È, pertanto, illegittima la pubblicazione senza il consenso dell’interessato dell’immagine di un noto attore, tratta da un film altrettanto famoso, allo scopo di pubblicizzare una manifestazione politica, a nulla rilevando che l’attore abbia ceduto a terzi i diritti di sfruttamento dell’opera cinematografica.

 

In assenza del consenso dell’interessato la riproduzione dell’immagine è lecita solamente se giustificata dalla notorietà o dall’ufficio pubblico ricoperto, da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici e culturali o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti o cerimonie di interesse pubblico o svoltesi in pubblico, salvo sempre la necessità di evitare pregiudizio all’onore, al decoro, alla reputazione della persona ritratta. Il motivo di esclusione non sussiste ove lo scopo di un filmato sia promozionale o pubblicità.

 

Inoltre, sempre in mancanza del consenso dell’interessato, l’utilizzazione dell’immagine di persona famosa, effettuata a fini di lucro, costituisce lesione del diritto esclusivo sul proprio ritratto.

 

Qualora venisse abusivamente riprodotta in opuscolo pubblicitario la fotografia di immagine altrui, nel difetto delle circostanze che ne rendano lecita la pubblicazione senza consenso, si lederebbe il diritto alla riservatezza e si causerebbe un danno morale, risarcibile in via equitativa. Se poi la pubblicazione avviene per scopi di lucro, ossia a scopo commerciale, è possibile richiedere anche il risarcimento del danno patrimoniale [2].

Alla parte lesa spetta, al di là del risarcimento, il diritto alla rimozione della pubblicazione e alla soppressione del materiale pubblicitario già stampato, nonché all’inibizione della stessa azione per il futuro. Questo diritto può essere esercitato attraverso un ricorso al tribunale in via d’urgenza [3].

 


[1] Cass. sent. n. 21172/2006. C. App. Genova sent. dell’11.06.2002; Trib. Forlì sent. del 9.10.2002; Trib. Roma sent. del 22.11.2002; Trib. Roma sent. dl 28.02.2003; Trib. Roma sent. del 24.04.2002.

[2] Trib. Milano sent. del 9.01.2004.

[3] Art. 700 cod. proc. civ.

 

Autore immagine: Pixabay.com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti