Mantenimento: inutile vendere la casa durante la causa con l’ex
Lo sai che?
14 Ago 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Mantenimento: inutile vendere la casa durante la causa con l’ex

L’azione revocatoria può essere esperita anche se il debito non è ancora certo: basta l’eventualità come la pendenza di una causa con l’ex moglie per il pagamento del mantenimento.

 

Inutile vendere la casa durante la causa con l’ex moglie volta a determinare l’assegno di mantenimento: anche se il credito della donna è ancora eventuale e, peraltro, neanche certo nell’ammontare, quest’ultima può comunque agire con l’azione revocatoria per rendere inefficace l’atto di cessione dell’immobile. È quanto chiarito dalla Cassazione con una recente sentenza [1].

 

Secondo la giurisprudenza, per far revocare il trasferimento di un bene (una vendita, una donazione, ecc.), compiuto dal debitore per evitare su di esso il pignoramento, il diritto del creditore non deve essere necessariamente “certo”. Se anche pende una causa tra debitore e creditore, volta a verificare l’esistenza del diritto di quest’ultimo e il suo ammontare, è possibile esercitare ugualmente la cosiddetta revocatoria.

L’azione revocatoria è uno strumento giudiziale che consiste in una domanda, rivolta al giudice, affinché questo dichiari priva di effetti la cessione di un bene, come – nel caso più frequente – una casa. Il modo più sicuro, infatti, che ha il debitore per sottrarre al pignoramento del creditore un proprio immobile è di venderlo. Ma la vendita può essere appunto revocata nel giro di cinque anni dal rogito, a condizione che si dimostri:

  • l’inesistenza, all’interno del patrimonio del debitore, di altri beni di pari o superiore valore assoggettabili a pignoramento;
  • la consapevolezza, da parte dell’acquirente, che il suo acquisto avrebbe leso gli interessi dei creditori. Una consapevolezza che risulta facile dimostrare quando l’acquirente risulti essere un familiare o un parente stretto che necessariamente doveva essere al corrente della situazione debitoria del venditore.

Una volta revocata la vendita, il creditore può pignorare la casa del debitore, come se non fosse mai uscita dal patrimonio del debitore.

 

Questo tipo di azione è consentito a qualsiasi creditore, ivi compresa la ex moglie. E, poiché come detto, la revocatoria può essere intrapresa anche quando il credito non è ancora certo, alla donna è consentito agire nonostante il giudizio di separazione non sia ancora concluso e, quindi, benché il suo diritto credito al mantenimento non sia certo e liquido.

 

Il diritto non tutela, quindi, solo il credito, ma anche la semplice “aspettativa” del credito, situazione quest’ultima idonea a determinare l’insorgere della qualità di creditore.


La sentenza

Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza 8 aprile – 18 luglio 2016, n. 14649
Presidente Ambrosio – Relatore Vincenti

Ritenuto in fatto

1. – Con atto di citazione del gennaio 2004, R.R. esperì azione revocatoria ordinaria contro il coniuge T.E. e gli aventi causa da quest’ultimo, T.M. e T.P.M. , sostenendo che gli atti di compravendita da costoro posti in essere (E. aveva, infatti, venduto alla sorella M. la quota del 50% di un’unità immobiliare oggetto di comunione ordinaria sita in (…) e al padre P.M. un motociclo ed una autovettura) avessero recato pregiudizio alle sue ragioni creditorie, avendo l’attrice avviato processo per la separazione personale giudiziale e vantando nei confronti del marito crediti per più titoli.
I convenuti, nel costituirsi in giudizio, chiesero il rigetto della domanda e, in via riconvenzionale, che fossero dichiarati estinti i crediti vantati dalla R. per avvenuta compensazione con i crediti del marito, altresì avanzando richiesta di rendiconto per avere l’attrice gestito e incassato, in virtù di un mandato conferitole dopo il matrimonio, i proventi derivanti dall’attività professionale di medico dentista svolta, a partire dal 1995 e per diversi anni, dal coniuge presso l’Associazione Medidental.
L’adito Tribunale di Milano, con

Mostra tutto

[1] Cass. sent. n. 14649/16 del 18.07.2016.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
 
Commenti