HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 10 settembre 2016

Articolo di

Lo sai che? Incidenti alle giostre: chi ne risponde?

> Lo sai che? Pubblicato il 10 settembre 2016

Incidenti sulle giostre, nei parco giochi o al luna park, sono fonte di liti tra genitori e gestori degli impianti. La domanda è: chi deve vigilare? Il risarcimento è sempre dovuto?

Particolarmente frequenti, soprattutto durante la bella stagione, sono i casi di incidenti all’interno di parco giochi e luna park. Vittime, come è facile immaginare, sono i bambini, mentre a fare la voce grossa, con richieste risarcitorie e lamentale più o meno significative, i genitori.

Facile intuire che, in questi casi la domanda ricorrente è: se mio figlio cade dalle giostre e si fa male chi ne risponde? Su chi ricade la responsabilità? Meglio fare chiarezza prima di avventurarsi in liti e giudizi tanto lunghi quanto inutili.

 

Incidenti alle giostre: chi ne risponde?

Su tale questione, da sempre dibattuta, è intervenuta la Corte di Cassazione, prendendo spunto dal caso di un bambino caduto da un cavallo a dondolo in un parco giochi comunale. I genitori, a seguito dell’incidente, chiedevano la condanna del Comune al risarcimento dei danni subiti dal figlio.

La Suprema Corte, però, è decisa nel sostenere che un adulto, e a maggior ragione un genitore, che accompagna un bambino in un parco giochi deve avere ben presenti i rischi che ciò comporta, non potendo poi invocare l’altrui responsabilità, una volta che la caduta dannosa si è verificata. Ciò in quanto proprio il genitore è tenuto a considerare l’esistenza di una situazione di pericolo [1].

Nessuna condanna del Comune, quindi, anche perché la caduta di un bambino da una giostra è un evento certamente prevedibile ed evitabile con un grado normale di diligenza. In poche parole, la Corte sostiene che, se i genitori del bambino avessero adeguatamente vigilato sul figlio in presenza di attrezzature che, per natura, hanno un certo grado di pericolosità, l’incidente non si sarebbe verificato [2].

D’altra parte, se è vero che il bene, nel caso oggetto di esame, è pubblico, è vero anche che la giostra ha solo costituito l’occasione e non la causa dell’incidente. La situazione di pericolo, dunque, essendo visibile e prevedibile, richiede un grado di attenzione più elevato.

Come si intuisce, due sono gli aspetti decisivi su cui la decisione si basa:

  1. la possibilità per l’utente danneggiato (in tal caso i genitori che fanno le veci del figlio minore) di percepire o prevedere, con l’ordinaria diligenza, una situazione di possibile pericolo derivante dall’utilizzo del bene;
  2. il dovere di cautela da parte del soggetto che entra in contatto con la cosa.

Incidenti alle giostre: chi è responsabile al luna park?

Discorso analogo se l’incidente avviene al luna park: il genitore conserva il dovere di sorveglianza nei confronti del minore anche quando paga un biglietto d’ingresso per un’area giochi.

In tale ipotesi, la questione è più complessa: infatti, si possono configurare due tipologie di responsabilità: quella contrattuale, derivante dall’acquisto del biglietto, e quella extracontrattuale – causata da dolo o colpa grave – dei gestori.

Il principio di fondo, tuttavia, non si differenzia di molto da quanto detto a proposito del parco giochi comunale: il pagamento di un biglietto d’ingresso non determina, in automatico, che la tutela del bambino sia contrattualmente affidata ai gestori delle attrazioni. Se così fosse, questi ultimi sarebbero tenuti a vigilare su ogni singolo bambino presente nell’area, mentre, invece, essi sono solo tenuti a mettere a disposizione attrezzature funzionanti. In pratica, il gestore del luna park deve solo preoccuparsi di garantire la non pericolosità dei giochi e la loro manutenzione, avvertendo gli utenti, ad esempio, tramite apposita cartellonistica, su eventuali limitazioni all’accesso delle strutture e informandoli sulle modalità per l’utilizzo in sicurezza [3].

Incidenti alle giostre: come effettuare la manutenzione?

Ad ogni modo, per fornire regole comuni e innalzare il livello di protezione dei più piccoli contro i rischi di infortunio durante il gioco, non manca una serie di norme dedicate proprio a tutte le attrezzature installate nelle aree da gioco a uso individuale e collettivo come altalene, scivoli, giostre, attrezzature oscillanti.

Nello specifico, si distingue tra manutenzione ordinaria e manutenzione correttiva [4].

La prima tiene conto delle condizioni locali e delle istruzioni del fabbricante che possono influire sulla frequenza di ispezione necessaria. Tra le misure preventive che la norma suggerisce di adottare sono importanti in particolare: la riverniciatura e il ritrattamento delle superfici; la manutenzione di eventuali pavimentazioni ad assorbimento di impatto; la lubrificazione dei giunti; la pulizia; la rimozione di vetri; la manutenzione delle aree libere.

La manutenzione correttiva dovrebbe, invece, comprendere misure per correggere i difetti o per ristabilire i necessari livelli di sicurezza delle attrezzature e delle pavimentazioni. Ci si riferisce, ad esempio, alla sostituzione degli elementi di fissaggio, alla saldatura o risaldatura, alla sostituzione delle parti usurate e alla sostituzione dei componenti strutturali difettosi.

note

[1] Cass., sent. n. 18167, del 25.08.2014.

[2] Pur dovendosi applicare l’art. 2051 cod. civ. (“Danno cagionato da cosa in custodia”), prima il Tribunale, poi la Corte avevano rilevato che “le giostre erano state installate di recente ed erano pienamente conformi alla normativa in tema di sicurezza, tanto che non rappresentavano alcun potenziale pericolo per l’incolumità fisica dei bambini”.

[3] Trib. Genova, Sez. II Civ., sent. n. 652, del 24.02.2015.

[4] UNI EN 1176-7.

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE  SEZIONE III CIVILE

Sentenza 29 maggio – 25 luglio 2014, n. 18167 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

sul ricorso 30161-2008 proposto da:

C.A.C. (OMISSIS), S.L. (OMISSIS), elettivamente domiciliati in ROMA, VIA PRATI FISCALI 258, presso lo studio dell’avvocato PIERGIORGIO BERARDI, rappresentati e difesi dall’avvocato SISTI NICOLA ANTONIO giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrenti –

contro

COMUNE FOSSACESIA (OMISSIS);

– intimati –

Nonchè da:

COMUNE FOSSACESIA (OMISSIS), in persona del Sindaco e legale rappresentante p.t. dott. D.G.E.C., elettivamente domiciliato in ROMA, C.SO VITTORIO EMANUELE II 142, presso lo studio dell’avvocato DAMIANO FORTI, rappresentato è difeso dagli avvocati MINUTOLO EMANUELA, MINUTOLO ANTONINO giusta procura a margine del controricorso e ricorso incidentale;

– ricorrente incidentale –

e contro

C.A.C. (OMISSIS), S.L. (OMISSIS);

– intimati –

avverso la sentenza n. 969/2007 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA, depositata il 22/11/2007 R.G.N. 1553/2003;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 29/05/2014 dal Consigliere Dott. FRANCESCO MARIA CIRILLO;

udito l’Avvocato NICOLA ANTONIO SISTI;

udito l’Avvocato FRANCESCO SAMPERI per delega;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. PRATIS Pierfelice che ha concluso per il rigetto di entrambi i ricorsi.

Svolgimento del processo

S.L. e C.A.C., nella qualità di esercenti la potestà sul figlio minore S.G., convennero in giudizio, davanti al Tribunale di Lanciano, il Comune di Fossacesia, affinchè fosse condannato al risarcimento dei danni conseguenti ad una caduta del figlio minore mentre si trovava all’interno dei giardini comunali.

Esposero gli attori che in tale circostanza il bambino, mentre stava giocando su un cavallo a dondolo, sorvegliato dalla mamma, era scivolato battendo il viso sui grossi bulloni metallici esistenti sull’attrezzo, riportando la frattura del pavimento orbitario sinistro, con conseguenze dannose anche di carattere permanente.

Costituitosi il Comune convenuto, il Tribunale rigettò la domanda, compensando le spese.

Proposto appello da parte dei genitori soccombenti, la Corte d’appello di L’Aquila, con sentenza del 22 novembre 2007, ha respinto il gravame, confermando la sentenza impugnata e condannando gli appellanti alle spese.

Ha osservato la Corte territoriale che in base all’espletata istruttoria potevano darsi per dimostrati sia il fatto storico che era all’origine del danno – ossia la presenza del piccolo all’interno dei giardini comunali nella data indicata – sia l’attrezzo sul quale l’evento dannoso si era verificato, costituito da un bilancino a dondolo con molla.

Tali elementi, però, non erano sufficienti ad accogliere la domanda.

Pur dovendosi applicare, nella specie, l’art. 2051 cod. civ., la Corte abruzzese ha rilevato che il giardino comunale in questione era di estensione limitata e che le attrezzature site all’interno del medesimo “erano state installate di recente ed erano pienamente conformi alla normativa speciale in tema di sicurezza, di tal che non rappresentavano alcun potenziale pericolo per l’incolumità fisica dei bambini”. Tanto premesso, la sentenza ha anche aggiunto che gli appellanti non avevano fornito una prova sufficiente circa l’esistenza del nesso di causalità tra la res ed il danno da loro lamentato, avendo fornito una ricostruzione apodittica dei fatti, non supportata da prove, che erano state tardivamente articolate con l’atto di appello. Era anzi da affermare – in base alle deposizioni testimoniali – che l’incidente era da ricondurre ad insufficiente attenzione da parte della madre, sicchè il danno non poteva essere ascritto a responsabilità del Comune.

Contro la sentenza della Corte d’appello di L’Aquila propongono ricorso S.L. e C.A.C., con unico atto affidato a tre motivi.

Resiste il Comune di Fossacesia con controricorso.

Motivi della decisione

Con il primo ed il secondo motivo di ricorso si lamentano, in riferimento all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5), insufficiente e contraddittoria motivazione su circostanze decisive della controversia.

Rilevano i ricorrenti (primo motivo) che la motivazione sarebbe contraddittoria in quanto la sentenza, pur partendo da premesse corrette sul fatto storico dell’incidente e sul tipo di attrezzo ludico che lo aveva determinato, non ne avrebbe poi tratto le logiche conseguenze in ordine alla sufficienza della prova circa l’esistenza del nesso di causalità.

Con il secondo motivo, poi, si afferma che la sentenza avrebbe proposto “una serie di illazioni (più che motivazioni) assolutamente carenti ed al limite della omissione”. Essa, infatti, non avrebbe tenuto presente che sull’attrezzo in questione vi era un cartellino che segnalava il divieto per i bambini di età inferiore a tre anni e superiore a sette, sicchè il piccolo G., che all’epoca aveva quasi sei anni, ben poteva utilizzarlo senza l’assistenza dei genitori.

Con il terzo motivo di ricorso si lamenta, in riferimento all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3), violazione e falsa applicazione dell’art. 2051 c.c.

Secondo i ricorrenti, la giurisprudenza di questa Corte ha da tempo affermato che la responsabilità per le cose in custodia ha carattere oggettivo ed è sufficiente, perchè venga riconosciuta, la sussistenza di un nesso causale tra la cosa in custodia e il danno.

Nel caso in esame, la Corte d’appello non avrebbe valutato che il Comune di Fossacesia aveva la concreta possibilità di esercitare la vigilanza, sicchè sarebbe stato suo onere dimostrare l’eventuale sussistenza del caso fortuito.

I tre motivi, che possono essere trattati congiuntamente per la stretta connessione che li caratterizza, sono tutti privi di fondamento.

La sentenza impugnata, con motivazione congrua e del tutto priva di vizi logici, ha ricostruito i fatti di causa accertando le seguenti circostanze: 1) che i giochi siti nei giardini pubblici del Comune di Fossacesia – e, in particolare, quello sul quale è avvenuto l’incidente – erano in perfette condizioni di manutenzione; 2) che mancava la prova del nesso di causalità, da porre a carico del danneggiato anche nel caso di cui all’art. 2051 cod. civ.; 3) che la ricostruzione degli attori era apodittica, siccome non supportata da prove adeguate; 4) che la responsabilità del fatto era da ricondurre a probabile disattenzione della madre del piccolo G..

A fronte di simile motivazione, è evidente che i primi due motivi di ricorso – i quali prospettano, entrambi, censure di vizio di motivazione – sono tutti volti ad ottenere un nuovo esame del merito, perchè pretendono che questa Corte pervenga ad una diversa e non consentita ricostruzione del fatto in sede di giudizio di legittimità. Quanto al rilievo riguardante l’esistenza, sul gioco in questione, di un cartellino che ne attestava il divieto di uso ai bambini di età inferiore ai tre anni e maggiori di sette, si tratta di una questione che non risulta essere stata posta al giudice di merito; e, ove anche così non fosse, il rilievo sarebbe inammissibile, sotto questo profilo, per violazione del principio di autosufficienza, non avendo indicato nè dove nè come tale profilo sia stato effettivamente posto nella sede competente.

Residua il solo terzo motivo, col quale si prospetta la violazione dell’art. 2051 c.c.

Al riguardo, va detto che la più recente giurisprudenza è andata ponendo in evidenza, in ordine all’applicazione delle due diverse ipotesi di cui agli artt. 2043 e 2051 cod. civ., due aspetti di fondamentale importanza: da un lato il concetto di prevedibilità dell’evento dannoso e dall’altro quello del dovere di cautela da parte del soggetto che entra in contatto con la cosa. Questa Corte ha definito il concetto di prevedibilità come concreta possibilità per l’utente danneggiato di percepire o prevedere con l’ordinaria diligenza la situazione di pericolo ed ha evidenziato che, ove tale pericolo sia visibile, si richiede dal soggetto che entra in contatto con la cosa un grado maggiore di attenzione, proprio perchè la situazione di rischio è percepibile con l’ordinaria diligenza (v. le sentenze 22 ottobre 2013, n. 23919, e 20 gennaio 2014, n. 999, le quali si pongono, peraltro, nel solco di un orientamento consolidato).

Ma, anche in una fattispecie nella quale trovava applicazione l’obbligo di custodia di cui all’art. 2051 cod. civ., con diverse e più gravi regole probatorie a carico del danneggiante, questa Corte ha evidenziato che all’obbligo suddetto “fa pur sempre riscontro un dovere di cautela da parte di chi entri in contatto con la cosa”; sicchè, quando “la situazione di possibile pericolo comunque ingeneratasi sarebbe stata superabile mediante l’adozione di un comportamento ordinariamente cauto da parte dello stesso danneggiato, potrà allora escludersi che il danno sia stato cagionato dalla cosa, ridotta al rango di mera occasione dell’evento” (sentenza 17 ottobre 2013, n. 23584; sul concetto di cosa come occasione dell’evento si veda pure la sentenza 5 dicembre 2008, n. 28811).

3.3. La responsabilità civile conseguente ai danni riportati dai bambini all’interno di un parco giochi è venuta in altre circostanze all’esame di questa Corte.

Sono da richiamare, in proposito, la sentenza 6 agosto 1997, n. 7276, che riguardava il caso di un minore caduto da un’altalena in un giardino comunale; la sentenza 21 maggio 2013, n. 12401, relativa alla diversa ipotesi di una caduta dal dondolo di una giostra collocata nel parco giochi all’interno di un ristorante, e la recentissima sentenza 26 maggio 2014, n. 11657, relativa alla caduta da uno scivolo all’interno di un parco comunale in ora notturna.

Nella prima pronuncia la Corte ha escluso la responsabilità del Comune, ai sensi dell’art. 2051 cod. civ., sul semplice rilievo che l’altalena, pur presentando in astratto qualche elemento di pericolosità, era comunque adeguata agli standard dei manufatti del genere destinati ai parchi giochi. La seconda sentenza, invece, ha stabilito che la messa a disposizione di un parco giochi, a perfetta regola d’arte, da parte del titolare di un ristorante non implica, a carico di costui, alcun obbligo di sorveglianza sui minori che usano dette attrezzature. Nell’ultima e più recente pronuncia, questa Corte ha specificato che la caduta di un bambino (in quel caso, di cinque anni di età) da uno scivolo è un evento certamente prevedibile ed evitabile con un grado normale di diligenza.

In tutti i casi richiamati, peraltro, si è affermato che l’utilizzo delle strutture esistenti in un parco giochi – a meno che non risulti provato che le stesse erano difettose e, come tali, in grado di determinare pericoli anche in presenza di un utilizzo assolutamente corretto (il che non è, nella specie, sulla base di quanto detto) – non si connota, di per sè, per una particolare pericolosità, se non quella che normalmente deriva da simili attrezzature, le quali presuppongono, comunque, una qualche vigilanza da parte degli adulti.

In altri termini, un genitore (o, comunque, un adulto) che accompagna un bambino (nella specie, di quasi sei anni di età) in un parco giochi deve avere ben presenti i rischi che ciò comporta, non potendo poi invocare come fonte dell’altrui responsabilità, una volta che la caduta dannosa si è verificata, l’esistenza di una situazione di pericolo che egli era tenuto doverosamente a calcolare.

Nessuna violazione di legge, dunque, sussiste nella sentenza impugnata.

Il ricorso, pertanto, è rigettato.

A tale pronuncia segue la condanna dei ricorrenti, in solido, al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, liquidate in conformità ai soli parametri introdotti dal decreto ministeriale 10 marzo 2014, n. 55, sopravvenuto a disciplinare i compensi professionali.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna i ricorrenti, in solido fra loro, al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, liquidate in complessivi Euro 3.200, di cui Euro 200 per spese, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Terza Sezione Civile, il 29 maggio 2014.

Depositato in Cancelleria il 25 agosto 2014.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK