Graduatoria di concorso: annullamento solo per chi fa ricorso
Lo sai che?
22 Ago 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Graduatoria di concorso: annullamento solo per chi fa ricorso

Bandi di gara e concorsi pubblici: in caso di impugnazione della graduatoria, l’annullamento vale solo per chi ha fatto causa alla pubblica amministrazione.

 

Se, a seguito di un bando di gara per un pubblico concorso, all’esito dei risultati finali e della pubblicazione della graduatoria, qualcuno dei partecipanti fa ricorso perché ritiene di non essere stato adeguatamente valutato, il giudice può annullare la predetta graduatoria. Ma attenzione: l’annullamento vale solo per chi ha presentato ricorso e non per tutti gli altri comunque pregiudicati dalla medesima valutazione dell’amministrazione. È quanto chiarito dal Consiglio di Stato con una recente sentenza [1].

 

Qualora il Tar – si legge nella sentenza in commento – annulli una graduatoria di un concorso pubblico, accogliendo il ricorso di chi abbia lamentato l’illegittimità dei criteri applicati per la redazione della graduatoria, a parità di punteggio tra i candidati, l’annullamento si deve intendere disposto nei soli confronti di coloro che abbiano proposto il ricorso, poi accolto.

 

Secondo il Consiglio di Stato, la posizione dei candidati – da un lato, quelli che hanno proposto ricorso contro la graduatoria; dall’altro quelli che non hanno agito – è scindibile e non è strettamente collegata. Pertanto la graduatoria diventa inoppugnabile per coloro che non hanno proposto l’impugnazione della stessa davanti al giudice. Si tratta di una acquiescenza con cui si dimostra, sostanzialmente, di accettare il risultato della gara.

 

Quindi, chi voglia contestare i criteri di aggiudicazione di un pubblico concorso e che abbia appunto partecipato al bando, farà meglio a farsi assistere da un avvocato e a partecipare all’azione giudiziale davanti al Tar per l’annullamento delle graduatorie, non potendo altrimenti sperare che l’eventuale risultato positivo, ottenuto da chi ha proposto ricorso, possa sortire effetti positivi anche per lui che invece non ha agito in via giudiziale.

 


[1] Cons. St. sent. n. 3005/16 del 6.07.2016.

 

Autore immagine: Pixabay.com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti