La polizia municipale può elevare multe in un altro Comune?
Lo sai che?
22 Ago 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

La polizia municipale può elevare multe in un altro Comune?

 

Gli agenti della Polizia Municipale possono elevare le multe solo nell’ambito del territorio del Comune di appartenenza e limitatamente al tempo in cui sono in servizio.

 

Se l’auto della polizia supera di un centimetro il confine del Comune di appartenenza non può più elevare multe anche se si accorge di una contravvenzione “in flagranza”. Questo significa che se la violazione del codice della strada dovesse essere commessa nel territorio di un Comune diverso, il vigile urbano nulla potrebbe fare e l’eventuale multa è da considerarsi nulla. Non solo: una volta finito l’orario di servizio, la multa del vigile urbano è nulla. È quanto chiarito dalla Cassazione con una sentenza del 2008 [1] che contraddice, in parte, anche quanto dichiarato da una recente pronuncia del Tribunale di Trento [2] secondo cui la multa del vigile in borghese sarebbe invece sempre valida (leggi, a riguardo, l’altro articolo di oggi sul tema: “Un vigile in borghese fuori servizio può fare multe?”).

 

La Suprema Corte ha chiarito che gli appartenenti alla polizia municipale [3] hanno la qualifica di agenti di polizia giudiziaria solo nel territorio del Comune di appartenenza e limitatamente al tempo in cui sono in servizio. Ciò a differenza di altri corpi, quali la Polizia di Stato, i Carabinieri, la Guardia di finanza ecc., i cui appartenenti operano su tutto il territorio nazionale e sono sempre in servizio: essi, quindi, possono fare multe ovunque si trovino e sconfinare dal territorio di un Comune ad un altro, eventualmente gettandosi all’inseguimento dell’auto del trasgressore, senza subire limitazioni geografiche.

 

Al contrario gli appartenenti al corpo della Polizia municipale possono accertare tutte le violazioni in materia di sanzioni amministrative e fra queste anche le multe relative alla circolazione stradale purché si trovino nell’ambito territoriale dell’ente di appartenenza ed a condizione che siano effettivamente in servizio.


La sentenza

Cassazione civile, sez. II, 03/03/2008, (ud. 05/07/2007, dep.03/03/2008),  n. 5771

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

S.S. proponeva opposizione avverso il verbale di contestazione, redatto dalla Polizia Municipale di Reggio Emilia e notificato ad essa opponente quale proprietaria del veicolo, per violazione dell’art. 158 C.d.S.. La S. eccepiva tra l’altro che l’infrazione non era stata immediatamente contestata e che l’agente accertatore si trovava a bordo della propria autovettura in abiti borghesi.

La Polizia Municipale di Reggio Emilia, costituitasi, chiedeva il rigetto dell’opposizione sostenendone l’infondatezza.

Con sentenza 29/10/2003 il giudice di pace di Reggio Emilia accoglieva l’opposizione ed annullava il verbale impugnato osservando: che, a norma dell’art. 183 reg. C.d.S., gli agenti preposti alla regolazione del traffico e gli organi di polizia stradale di cui all’art. 12 del codice citato, quando operano sulla strada devono essere visibili a distanza mediante l’uso di appositi capi di vestiario o dell’uniforme; che, ai sensi della L. n. 65 del 1986, art. 1, Comuni sono obbligati ad adottare un regolamento comunale del servizio di polizia municipale che deve contenere disposizioni intese a stabilire che le attività vengano svolte in uniforme o in

Mostra tutto

[1] Cass. sent. n. 5771/2008.

[2] Trib. Trento sent. n. 470/16.

[3] Ai sensi dell’art. 57 c.p.p. e 5 l. 7 marzo 1986 n. 65.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti
24 Ago 2016 Kunta Kinte

Come al solito la cassazione ha fatto un pastrocchio…… gli agenti sanzionano in base alla qualifica di “Polizia Stradale” con le sanzioni al cds la qualifica di Polizia Giudiziaria non centra un tubo (salvo casi particolari e ben definiti) la qualifica di agente di polizia stradale vale 24h su 24 al contrario della qualifica di polizia giudiziaria. sono 30 anni che la cassazione non riesce a capire questa differenza !! Pertanto un agente della Polizia Locale può sanzionare anche fuori servizio…….. ovviamente NON fuori territorio….. anche se, in presenza di violazione molto grave potrebbe fare idonea segnalazione al Comando interessato.