Noemi Secci
Noemi Secci
29 Ago 2016
 
Le Rubriche di LLpT


Le Rubriche di LLpT
 

Pensione con Salvacondotto raggiungibile grazie al riscatto

La pensione anticipata per i nati nel 51 e nel 52 può essere raggiunta anche da chi non possiede tutti i contributi, riscattando i periodi scoperti.

 

La pensione anticipata con  Salvacondotto per i nati sino al 31 dicembre 1952 può essere ottenuta anche se gli anni di contributi posseduti al 31 dicembre 2012 sono meno di 20 (requisito necessario per le donne) o di 35 (requisito necessario per gli uomini).

È necessario, però, che i periodi mancanti al raggiungimento del requisito contributivo siano anteriori al 31 dicembre 2012 e che siano riscattati prima della presentazione di domanda di pensione: in pratica, il lavoratore può beneficiare del Salvacondotto, accedendo così alla pensione con 64 anni e 7 mesi di età, anche se nel 2012 non possedeva il requisito contributivo richiesto, purché lo perfezioni prima della domanda di pensione e purché i contributi, anche se riscattati in ritardo, siano temporalmente collocati prima del 31 dicembre 2012. Ma procediamo con ordine.

 

 

Pensione con Salvacondotto: chi può beneficiarne

Il cosiddetto Salvacondotto per i nati nel 1951 e 1952, previsto dalla Legge Fornero [1], consiste nella possibilità di pensionarsi a 64 anni di età (incrementati, dal 2016, a 64 anni e 7 mesi per effetto degli adeguamenti alla speranza di vita) ai lavoratori dipendenti del settore privato (le cui pensioni sono liquidate a carico dell’assicurazione generale obbligatoria –Ago- e delle forme sostitutive della medesima) che possiedono:

  • 35 anni di contributi collocati prima del 31 dicembre 2012, se uomini;
  • 20 anni di contributi collocati prima del 31 dicembre 2012, se donne.

 

Inoltre, gli interessati non devono risultare privi d’impiego alla data del 28 dicembre 2011 (quest’ultimo requisito, frutto di un’interpretazione “distorta” della norma da parte di un messaggio dell’Inps [2], è a tutt’oggi piuttosto discusso).

 

 

Salvacondotto: contributi riscattabili

Come abbiamo detto, per il lavoratore che si ritrova privo del requisito contributivo alla data del 31 dicembre 2012 non è tutto perduto: ciò che è rilevante per ottenere il Salvacondotto, difatti, è il periodo nel quale possono essere collocati i contributi. In questo modo, se Tizio possiede, al 31 dicembre 2012, 30 anni di contributi, ma può riscattare 5 anni di laurea, può accedere al Salvacondotto, una volta inoltrata all’Inps la domanda di riscatto e saldato il relativo onere.

Possono essere riscattati, oltre agli anni di laurea:

  • i periodi lavorati all’estero in Paesi non convenzionati;
  • le lauree brevi e i titoli di studio ad esse equiparati;
  • l’astensione facoltativa per maternità che si colloca al di fuori del rapporto di lavoro;
  • gli anni di praticantato effettuati dai Promotori finanziari;
  • i periodi di attività lavorativa per i quali non risultano versati i contributi dal datore di lavoro;
  • i periodi non lavorati e privi di contribuzione previsti da specifiche disposizioni di legge (ad esempio determinati periodi di aspettativa non retribuita e non coperta da contributi volontari), se successivi al 31 dicembre 1996;
  • i periodi di lavoro svolto con contratto part time;
  • i periodi di lavoro socialmente utili;
  • ulteriori periodi di riscatto previsti da specifiche disposizioni di legge: ad esempio, sono riscattabili i periodi di formazione successivi al 31 dicembre 1996, se finalizzati ad ottenere titoli, attestati o competenze professionali richieste per l’assunzione o per la progressione in carriera;
  • i periodi di Servizio Civile reso dal 1° gennaio 2009.

 

Per ottenere la pensione anticipata con salvacondotto, è fondamentale che, qualunque sia la tipologia di periodo riscattato, questo si collochi anteriormente al 31 dicembre 2012: non importa, dunque, la data in cui è effettuato il riscatto, ma la collocazione temporale dei contributi.


[1] D.L. 201/2011.

[2] Inps Mess. n. 219/2013.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti