Tech Pubblicato il 30 agosto 2016

Tech Aggiornamento Windows 10 non più gratuito

> Tech Pubblicato il 30 agosto 2016

Il sistema operativo di Microsoft è gratis solo per chi ha fatto l’aggiornamento entro fine luglio o per chi compra un nuovo pc o un tablet. Ecco quanto costa.

Tutte le belle cose finiscono presto. Come la possibilità di aggiornare gratis il pc a Windows 10. Chi non l’ha fatto entro la fine di luglio 2016 e vuole lasciare la versione 7 o 8 per passare a Windows 10 dovrà mettere mano al portafoglio. Quanto costa? Si paga 149 euro per Windows 10 Home e 279 euro per Windows 10 Pro.

Quindi non si potrà più avere questo sistema operativo gratis? “Ni”. L’installazione a pagamento interesserà tutti gli utenti che non hanno colto l’occasione del primo anno di rilascio gratuito di Windows 10. Chi, invece, ce l’ha già sul proprio pc, continuerà a utilizzarlo senza pagare alcunché e potrà usufruire per sempre delle sue funzionalità e degli aggiornamenti di sicurezza. Inoltre, Windows 10 sarà gratis per chi acquisterà un computer o un tablet anche in futuro e per chi utilizza le tecnologie di accessibilità, come i lettori di schermo a tastiera braille per i non vedenti. E’ la stessa Microsoft a confermarlo così sul suo sito:

Come avrete sentito, l’aggiornamento gratuito a Windows 10 per utenti che utilizzando Windows 7 o Windows 8.1 è scaduto il 29 Luglio, ma vogliamo chiarire che questa data non sarà applicata agli utenti che utilizzando tecnologie assistive. Stiamo continuando a credere nella nostra visione sull’accessibilità di Windows 10, e vogliamo assicurarci che gli utenti delle tecnologie assistive abbiano l’opportunità di aggiornare a Windows 10 gratuitamente”.

La buona notizia arriva, però, dal mercato dei cellulari. Microsoft ha confermato che l’upgrade a Windows 10 Mobile del dispositivi Windows Phone 8.1 compatibili continuerà ad essere gratuito.

Windows 10: perché non è gratis?

La strategia di Microsoft di far pagare l’aggiornamento di Windows 10 su tablet o pc lascia perplesso più di un addetto ai lavori, convinti del fatto che il tempo degli aggiornamenti a pagamento sia passato. Guardando la concorrenza, ad esempio, Apple mette a disposizione gratuitamente da anni le nuove versioni di Mac Os X per chi già possiede un dispositivo della casa di Cupertino. E, considerando che nel mercato mobile gli utenti pretendono degli aggiornamenti gratis, il caso di Windows 10 per pc e tablet resta più unico che raro.

E’ un problema finanziario? Non si direbbe, visto che quello che Microsoft incassa dalle licenze di privati per i sistemi operativi è una piccola parte rispetto a quello che porta a casa ogni anno il colosso fondato da Bill Gates, tra hardware, licenze alle aziende, cloud, e quant’altro. Inoltre, l’aggiornamento gratuito a Windows 10 potrebbe consentire a Microsoft di arrivare al traguardo del miliardo di utenti che si è prefissato nel 2015. Infine, c’è un altra questione strategica che dovrebbe indurre Microsoft a concedere l’aggiornamento gratuito di Windows 10. Basti pensare ai numeri raggiunti nell’ultimo trimestre del 2015 sui videogiochi: 5 miliardi e mezzo di dollari. In tre mesi. Questo mercato non sarebbe in ulteriore aumento se Microsoft acquistasse più utenti concedendo loro la possibilità di aggiornare gratuitamente il proprio sistema operativo?

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK