Vacanze e soggiorni coi cofanetti regalo. Attenti alle truffe
Lo sai che?
11 Set 2016
 
L'autore
Alessio Fortuna
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Vacanze e soggiorni coi cofanetti regalo. Attenti alle truffe

A volte questi doni prepagati nascondono brutte soprese. Meglio conoscere i propri diritti.

 

I cofanetti regalo offrono viaggi e soggiorni in città d’arte, località turistiche, ovvero cene in ristoranti o prove di guida su pista. Sono un ottimo regalo ma possono nascondere delle trappole.

 

Il più famoso, nonché tra i primi ad apparire sul mercato, è lo Smartbox, e funziona così: si acquista presso le grandi librerie, le agenzie di viaggio, i megastore di elettronica, ovvero online. Chi lo riceve deve semplicemente scegliere cosa fare tra le proposte che si trovano all’interno o sul retro, prenotare e poi pagare con il voucher presente all’interno. O almeno così dovrebbe essere. Infatti, spesso le società che gestiscono questi cofanetti regalo sono state condannate dall’autorità Antitrust per pratiche commerciali scorrette circa le informazioni presenti sul prodotto e l’applicazione di condizioni più restrittive per il diritto di recesso rispetto a quanto previsto dal Codice del consumo.

Pertanto, è bene che chi sceglie di acquistarlo conosca bene quali sono i suoi diritti per tutelarsi.

 

Innanzitutto, tranne non sia diversamente stabilito, la responsabilità spetta al venditore. In caso di disservizi, il cliente dovrà pertanto rivolgersi a chi gli ha venduto il cofanetto, il quale dovrà fornire la dovuta assistenza e, nel caso, sostituire il prodotto o rimborsarne il prezzo. Quindi, se il ristorante nel quale avete scelto di cenare vi offre un menù differente da quanto pattuito, dovete denunciare la cosa direttamente al venditore. Se invece, ad esempio, dopo aver preso contatto vi accordate direttamente con l’albergatore per avere una suite invece di una camera pagando la differenza, in caso di disservizio la responsabilità sarà del gestore dell’albergo.

 

Altra cosa cui prestare attenzione è la data di scadenza. Ogni cofanetto, infatti, riporta sul retro la data entro cui poter usufruire dell’offerta. E’ di solito possibile avvalersi di una proroga se si avvisa in anticipo, ma spesso questo servizio ha un costo ulteriore.

 

Prima dell’acquisto, è inoltre bene leggere le informazioni riportate sul cofanetto. Nel caso siano fumose o approssimative sarebbe meglio rinunciare all’acquisto per evitare spiacevoli soprese. Ad esempio, è bene sapere che alcuni albergatori non accetteranno prenotazioni in particolari periodi o di sabato, oppure addebiteranno servizi extra non richiesti.

 

Infine, qualora si acquisti il cofanetto online, il cliente gode di quattordici giorni di tempo dalla conclusione del contratto per rispedire indietro il cofanetto e farsi rimborsare in caso di ripensamento. A tal fine, nel sito del venditore deve essere messo a disposizione un modulo in un’area dedicata. In mancanza, sarà comunque sufficiente una semplice lettera inviata tramite raccomandata A/R e per mail certificata (PEC). Se si acquista da internet, è sempre buona premura alla consegna verificare che il pacco sia integro e il cofanetto contenga il voucher per pagare il servizio. Altrimenti, si può contestare subito l’anomalia al momento della firma del documento di trasporto e chiedere la sostituzione.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti