HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 7 settembre 2016

Articolo di

Lo sai che? Alla mensa scolastica sì alla merenda fatta dalla mamma

> Lo sai che? Pubblicato il 7 settembre 2016

È diritto delle famiglie lasciare i figli a scuola, anche durante l’orario della mensa, senza però pagare il servizio pubblico e dotando i ragazzi di cibi preconfezionati o precotti a casa.

È ormai rivoluzione nelle mense scolastiche: dopo l’innovativa sentenza dello scorso giugno con cui la Corte di Appello di Torino [1] aveva riconosciuto il diritto delle famiglie a lasciare i propri figli a scuola anche durante l’orario della mensa, senza dover per forza pagare il costoso servizio pubblico, ma lasciando ai ragazzi un pasto precucinato a casa, ora lo stesso precedente viene condiviso da altri fori. Ed è ancora il capoluogo piemontese a ripetere il medesimo principio: con una recente sentenza [2], difatti, il Tribunale di Torino ha anch’esso stabilito che i genitori ben possono ben scegliere tra mensa scolastica e pasto preconfezionato o precotto a casa, ma da consumare all’interno dell’istituto, durante l’orario destinato alla refezione per tutti gli altri alunni.

Il principio alla base di questo nuovo orientamento è che anche nel “tempo mensa” viene impartita quell’«istruzione inferiore» prescritta come obbligatoria e gratuita dalla Costituzione [3]. Anche quando si mangia si vive un momento di socialità e il diritto a partecipare all’istruzione che pure viene impartita in quei momenti ai bambini delle elementari e ai ragazzi delle medie non può essere condizionato all’adesione a servizi a pagamento come la refezione organizzata dal singolo istituto. E visto che non si può lasciare gli studenti digiuni, l’unica alternativa è consentire che si portino il pasto da casa e lo consumino a scuola.

Sapevate, del resto, che i nostri codici prevedono – unico caso in tutta Europa – il “rapporto di abituale commensalità” come una situazione di amicizia consolidata tra due soggetti? Sicché, ad esempio, nel caso in cui il giudice sia solito “mangiare” insieme a uno degli avvocati dovrà necessariamente astenersi dal decidere la causa.

Alla riapertura delle scuole, quindi, le famiglie potranno scegliere, da quest’anno, se sostenere i costi del servizio pubblico o cucinare da casa il pasto che i propri figli consumeranno tuttavia a scuola, mentre tutti gli altri compagni mangiano i piatti stabiliti invece dallo chef della mensa.

note

[1] C. App. Torino, sent n. 1049/16.

[2] Trib. Torino, ord. 13.08.2016.

[3] Art. 34 Cost.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK