Cosa rischio a dare il mio codice Iban?
Lo sai che?
11 Set 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Cosa rischio a dare il mio codice Iban?

Truffe: il codice Iban indica gli estremi del conto corrente intestato al cliente di una banca e serve unicamente per poter effettuare versamenti di denaro sul conto.

 

Ci arrivano spesso richieste di lettori in cui ci viene richiesto di chiarire i rischi nel comunicare il codice Iban. Il titolare di un conto corrente può trovarsi costretto a fornire gli estremi del codice Iban tutte le volte in cui un terzo gli deve effettuare un pagamento o un rimborso: si pensi al datore di lavoro, a un cliente o anche a un amico che deve ricevere un pagamento e non possiede un proprio conto di appoggio. È possibile dormire sonni tranquilli nel momento in cui si comunica il proprio codice Iban oppure c’è il rischio di frodi?

 

L’Iban è solo il codice identificativo di un conto corrente, così come la targa lo è per un’auto. Grazie al codice Iban è possibile solo effettuare pagamenti a favore dell’intestatario del conto. Non è invece possibile addebitare spese o effettuare prelievi non autorizzati a carico di quest’ultimo. Insomma, con l’Iban si può solo “dare” e non “prendere”.

 

Difatti, la possibilità che qualcuno possa prelevare dal nostro conto corrente delle somme passa per altri strumenti che non consistono certo nella comunicazione dell’Iban. Ad esempio:

  • è possibile effettuare un addebito su un conto nel momento in cui si firma un Rid: si tratta di un modulo con cui si autorizza la propria banca ad effettuare un pagamento periodico in favore di un altro soggetto, senza bisogno di successivi e specifici ordini (R.I.D. sta infatti per “rapporto interbancario diretto”). In pratica la banca sa che, ad ogni scadenza individuata dal cliente (ad esempio, il 1° di ogni mese) dovrà prelevare una somma dal suo conto e versarla sul conto di un altro soggetto. Questo metodo avviene spesso per il pagamento del canone di affitto, che va versato sempre nella stessa misura e alla medesima scadenza. Il Rid. deve essere firmato espressamente dal titolare del conto e consegnato alla propria banca oppure inviato per via telematica, tramite home-banking;
  • è possibile prelevare somme da un conto corrente nel momento in cui si conoscono le credenziali di accesso alla relativa home-banking, ossia al pannello di controllo su internet che consente di effettuare operazioni online. In verità le tecniche degli hackers si sono raffinate in tutti questi anni e riescono a trarre nella rete del phishing sempre più persone. Ma difendersi è davvero molto semplice e richiede un minimo di accortezza: dotare il proprio computer di un antivirus; non comunicare mai a terzi le proprie credenziali di accesso all’home banking; non accedere mai al proprio pannello di controllo da link presenti su email, ma aprire autonomamente il browser (ad esempio Explorer) e digitare l’indirizzo sulla barra in alto.

 

Una banca non può mai autorizzare un pagamento o un addebito a carico di un conto con la semplice comunicazione dell’Iban. Diversamente, se così fosse, tutti i clienti di una società, che devono effettuare pagamenti in favore di quest’ultima, e che quindi hanno ottenuto il relativo Iban alle cui coordinate bonificare l’importo, potrebbero il giorno dopo riprendersi i soldi, magari comunicando detto codice a terzi e amplificando così il rischio di truffe.

 

Solo a titolo esaustivo, ricordiamo anche che è sempre possibile annullare un bonifico bancario una volta eseguito, magari per errore. Per conoscere la procedura leggi “Come annullare un bonifico bancario”.

 

In ultimo, ricordiamo che quand’anche il soggetto titolare del conto sia debitore di un altro soggetto e questi stia tentando di effettuare nei suoi confronti un pignoramento del conto corrente bancario, non è conoscendo l’Iban che egli potrebbe procedere e assicurarsi il blocco dei soldi. E ciò per due ragioni:

  • innanzitutto, il pignoramento del conto non richiede necessariamente gli estremi dell’Iban, ben potendo avvenire anche solo conoscendo la banca di appoggio e null’altro (leggi “È possibile rintracciare l’Iban del debitore?”);
  • in secondo luogo, prima di procedere al pignoramento, il creditore deve procurarsi quello che gli avvocati chiamano “titolo esecutivo”, ossia un documento che accerti il credito fatto valere. Si può trattare di una sentenza, un decreto ingiuntivo, un assegno o una cambiale protestati. Egli deve poi consegnare questi documenti all’ufficiale giudiziario del tribunale che procede alla verifica di due circostanze: 1) la correttezza di tutte le notifiche (ivi compreso il cosiddetto atto di precetto, che è un’intimazione finale con cui si preannuncia il pignoramento e si danno altri 10 giorni di tempo per pagare); 2) l’esistenza del predetto titolo esecutivo. Infine la notifica del pignoramento viene sempre comunicata al debitore che, comunque, può sempre procedere a effettuare opposizione.

 

Quand’anche – in via del tutto fantasiosa – conoscendo l’Iban di un conto fosse possibile prelevare una somma per bonificarla su un altro conto, di tale movimentazione bancaria resterebbe sempre traccia, sicché sarebbe sempre possibile risalire al beneficiario truffatore. Ma ripetiamo: è un’ipotesi scolastica, che non trova riscontri nella realtà.

 

Per sintetizzare, nel momento in cui si comunica il proprio Iban, l’unico “rischio” – se così lo vogliamo chiamare – è quello di ricevere un pagamento, ma non di vederselo addebitato a propria insaputa. Quindi, potremo tranquillamente comunicare il nostro Iban al datore di lavoro, a un cliente o a qualsiasi altro creditore. Molte società sono solite addirittura pubblicare il proprio codice Iban sulla home page del proprio sito o nella pagina contatti, a dimostrazione che non si deve temere nulla.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti