Carta d’identità: come ottenerla se non si ha una residenza
Lo sai che?
17 Ott 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Carta d’identità: come ottenerla se non si ha una residenza

Cittadini senza fissa dimora: qual è la procedura per ottenere il documento d’identità dal Comune?

 

Anche chi non ha una residenza, cioè chi è senza fissa dimora, ha il diritto di ottenere la carta d’identità e gli altri documenti per i quali la residenza anagrafica costituisce una condizione necessaria [1]. La richiesta di iscrizione anagrafica, difatti, secondo quanto chiarito dal Ministero dell’interno [2], costituisce un diritto soggettivo del cittadino e non può essere vincolata ad alcuna condizione; in caso contrario, si limiterebbe la libertà di spostamento e di stabilimento dei cittadini sul territorio nazionale, violando la Costituzione [3].

Ma qual è la procedura per ottenere l’iscrizione all’anagrafe dei residenti e conseguentemente ottenere la carta d’identità, nel caso in cui manchi la residenza?

 

 

Iscrizione all’anagrafe senza fissa dimora: come ottenerla

Per ottenere l’iscrizione all’anagrafe dei residenti, se non hai una fissa dimora, devi innanzitutto indicare un domicilio. Puoi indicare, ad esempio, l’abitazione di un parente, il bar dove ti rechi tutte le mattine a prendere un caffè o, ancora, un ufficio postale nel quale hai una casella personale. L’importante è che presso l’indirizzo indicato tu possa essere rintracciabile [4].

Devi poi recarti presso gli uffici dell’anagrafe del Comune, per compilare il modulo di dichiarazione di residenza, nel quale devi indicare di essere senza fissa dimora, specificando il domicilio al quale inviare la posta e le comunicazioni ufficiali.

In particolare, nel compilare la dichiarazione di residenza, devi sostituire la dicitura «dichiara di avere trasferito la propria dimora abituale al seguente indirizzo» con la seguente dicitura: «dichiara di avere stabilito il proprio domicilio al seguente indirizzo».

Devi poi allegare:

  • l’assenso delle eventuali persone coinvolte con l’indirizzo di domicilio dichiarato (ad esempio, se indichi come domicilio la casa di un parente devi produrre il suo assenso, anche se non stai trasferendo lì la residenza);
  • i documenti utili a dimostrare il tuo domicilio nel territorio (ad esempio, se indichi come domicilio l’ufficio postale in cui possiedi una casella personale devi allegare il relativo contratto stipulato con Poste Italiane);
  • se non possiedi la documentazione idonea, nella sezione «Allega i seguenti documenti» devi almeno descrivere la tua situazione personale e le relazioni esistenti con il territorio comunale; in caso contrario, l’ufficiale dell’Anagrafe deve dichiarare la tua domanda irricevibile, perché non può verificare il possesso del domicilio nel territorio comunale.

 

 

Carta d’identità senza residenza: come ottenerla

Una volta iscritto all’anagrafe come persona senza fissa dimora, puoi richiedere la carta d’identità come qualsiasi residente.

Puoi richiederla al Comune presentando:

  • 3 foto in formato tessera;
  • il modulo di richiesta (reperibile presso gli sportelli del Comune o scaricabile dal suo sito web);
  • un valido documento di riconoscimento; se non hai un documento, è necessaria la presenza di due testimoni muniti di documento di identità valido; in mancanza di testimoni, è consegnata dai vigili urbani presso il domicilio indicato;
  • perché la carta d’identità sia valida per l’espatrio, devi compilare un’autocertificazione in cui dichiari che non sussiste nessuna condizione che impedisce il rilascio del passaporto.

 


[1] Art.2, Co.4, L. 1228/1954.

[2] Min. Interno, Circ. n. 8/1995.

[3] Art. 16 Cost.

[4] Min. Interno, Circ. n. 19/2009.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti