Parente malato o anziano: chi può fare l’amministratore di sostegno?
Lo sai che?
22 Set 2016
 
L'autore
Maria Monteleone
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Parente malato o anziano: chi può fare l’amministratore di sostegno?

L’amministratore di sostegno assiste chi, per problemi fisici o psichici anche temporanei, non riesce a curare autonomamente i propri interessi: può essere nominato amministratore il coniuge, i genitori, i figli, i fratelli e le sorelle, i parenti entro il quarto grado.

 

La persona che, a causa di un’infermità o di una menomazione fisica o psichica, non riesce, anche temporaneamente, a provvedere in maniera autonoma ai propri interessi, può essere assistita da un amministratore di sostegno [1].

 

L’amministratore aiuta la persona con handicap, anziana o comunque malata, a svolgere gli atti di ordinaria e, previa autorizzazione del giudice, di straordinaria amministrazione del patrimonio e la assiste nelle attività necessarie a soddisfare le esigenze di vita quotidiana, in modo da evitare che, a causa della propria condizione fisica o psichica, possa compiere atti pregiudizievoli per se stessa.

 

Per la nomina di un amministratore di sostegno occorre presentare domanda al tribunale del luogo in cui risiede o ha il domicilio il beneficiario. La domanda si presenta con ricorso depositato dallo stesso beneficiario anche se minore, interdetto o inabilitato, dal coniuge, dalla persona stabilmente convivente, dai parenti entro il quarto grado, dagli affini entro il secondo grado, dal pubblico ministero.

 

Il giudice tutelare, assunte le necessarie informazioni e sentiti i familiari o conviventi e accertati i presupposti  di legge, nomina l’amministratore di sostegno. Il giudice può anche disporre gli accertamenti di natura medica e tutti gli altri mezzi istruttori utili ai fini della decisione.

 

La scelta dell’amministratore di sostegno deve tener conto delle esigenze di cura della persona e dei beni del beneficiario. La scelta può provenire dallo stesso beneficiario, in previsione della propria eventuale futura incapacità, mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata.

 

In mancanza di designazione o se il soggetto designato non è idoneo, il giudice nomina un’altra persona scelta preferibilmente, ove possibile, tra le seguenti:

  • il coniuge che non sia separato legalmente;
  • la persona stabilmente convivente;
  • il padre, la madre, il figlio o il fratello o la sorella;
  • il parente entro il quarto grado;
  • il soggetto designato dal genitore superstite con testamento, atto pubblico o scrittura privata autenticata.

 

Non possono ricoprire le funzioni di amministratore di sostegno gli operatori dei servizi pubblici o privati che hanno in cura o in carico il beneficiario.

 

Con il decreto di nomina dell’amministratore di sostegno il giudice stabilisce:

  • la durata dell’incarico, che può essere anche a tempo indeterminato;
  • l’oggetto dell’incarico e gli atti che l’amministratore di sostegno ha il potere di compiere in nome e per conto del beneficiario;
  • gli atti che il beneficiario può compiere solo con l’assistenza dell’amministratore di sostegno;
  • i limiti, anche periodici, delle spese che l’amministratore di sostegno può sostenere con utilizzo delle somme di cui il beneficiario ha o può avere la disponibilità;
  • la periodicità con cui l’amministratore di sostegno deve riferire al giudice circa l’attività svolta e le condizioni di vita personale e sociale del beneficiario.

 


[1] Artt. 404 e ss. cod. civ.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti
28 Set 2016 Stefania Morsilli

Vorrei sapere come sono i costi dell’amministratore di sostegno