HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 21 ottobre 2016

Articolo di

Lo sai che? Co.co.co. e partite Iva hanno diritto a ferie e permessi?

> Lo sai che? Pubblicato il 21 ottobre 2016

Svolgimento di collaborazioni e di attività di lavoro autonomo: è possibile fruire di assenze retribuite, come ferie e permessi?

Niente ferie, permessi o riposi per i co.co.co. e le partite Iva. Chi svolge, difatti, un’attività di lavoro autonomo opera in maniera totalmente indipendente e non ha vincoli relativi all’orario di lavoro o alla sede in cui l’attività deve essere svolta. L’obbligazione del lavoratore autonomo, o libero professionista, è un’obbligazione di risultato: ciò vuol dire che chi lavora in proprio non è vincolato all’organizzazione del committente, cioè di chi conferisce l’incarico, ma ha piena libertà riguardo ai mezzi ed alle tempistiche. L’unico vincolo è costituito dal termine entro il quale il lavoro deve essere consegnato o l’attività deve essere svolta.

Lo stesso vale anche per i lavoratori parasubordinati, cioè per chi presta l’attività in qualità di co.co.co. (collaboratore coordinato e continuativo): anche per i collaboratori non può essere previsto un particolare orario di lavoro, in quanto costituirebbe un indice di etero-organizzazione dell’attività e comporterebbe la riconduzione della collaborazione al lavoro subordinato.

Per questi motivi, per i lavoratori autonomi ed i co.co.co. non sono previsti né ferie, né permessi o riposi: la loro previsione, difatti, implicherebbe la sottoposizione del lavoratore al rispetto di un orario di lavoro, dunque non si tratterebbe più di lavoro autonomo o collaborazione, ma di lavoro subordinato «mascherato» da una di tali forme.

Vero è che, in alcuni casi, può essere previsto lo svolgimento dell’attività lavorativa, o può essere richiesta la presenza del collaboratore o professionista, in un determinato luogo e ad una determinata ora: questo, però, non comporta automaticamente che il lavoratore debba attenersi a un orario, ma rientra nel collegamento funzionale che può esserci tra l’attività del collaboratore o del professionista e l’attività del committente. Un conto, cioè, è doversi attenere a un vero e proprio orario lavorativo (ad esempio, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13), un conto è concordare la propria presenza per lo svolgimento di una determinata attività (pensiamo al caso del consulente del lavoro che deve svolgere, in un dato giorno e ad un dato orario, la formazione sulla sicurezza dei lavoratori di un’impresa cliente).

Conseguentemente, anche in queste ipotesi il collaboratore o professionista non ha diritto alle ferie, né ai permessi e ai riposi, in quanto, nonostante la presenza concordata, l’attenersi a un determinato orario non è un elemento caratterizzante dell’attività, che deve essere normalmente svolta con tempi e luoghi decisi dal lavoratore: se così non fosse, parleremmo di lavoro subordinato.

Ferie, permesse e riposi

Nel caso in cui venga però accertato, in base agli indici di subordinazione, che il lavoratore autonomo o il co.co.co. sia, in realtà, un dipendente di fatto, tra le varie problematiche che si pongono davanti al datore di lavoro per il rapporto irregolare emerge anche il dover risarcire il lavoratore per ferie, permessi e riposi non goduti.

Ricordiamo che, per la generalità dei dipendenti, in base al decreto sull’orario di lavoro [1] sono previsti:

  • dei riposi giornalieri minimi pari a 11 ore al giorno;
  • un orario di lavoro massimo pari a 48 ore settimanali (da conteggiare come media in 4 mesi);
  • un riposo settimanale pari a 24 ore (che sommato col riposo giornaliero minimo fa totalizzare complessivamente 35 ore), da conteggiare come media in 14 giorni;
  • 4 settimane di ferie all’anno (delle quali 2 settimane devono essere fruite, possibilmente in maniera consecutiva, nello stesso anno di maturazione e in maniera consecutiva e le ulteriori 2 settimane vanno fruite entro 18 mesi dall’anno di maturazione);
  • i contratti collettivi, poi, prevedono dei permessi retribuiti, come i cosiddetti permessi ex-festività (pari normalmente a 32 ore annue)ed i rol (permessi-riduzione orario di lavoro, normalmente pari ad 88 ore annue); ulteriori permessi sono previsti dai contratti per particolari situazioni, come gravi problemi familiari, effettuazione di visite mediche, permessi-studio o formazione;
  • inoltre i portatori di handicap grave secondo la Legge 104 usufruiscono di 3 giornate di riposo retribuito mensile, frazionabili a ore.

note

[1] D.lgs n.66/2003.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK