Come fare una ricevuta di caparra
Lo sai che?
20 Set 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Come fare una ricevuta di caparra

Caparra confirmatoria e penitenziale: come deve essere fatta la ricevuta da parte del venditore/ prestatore d’opera.

 

Quando due parti concludono un contratto, ad esempio una vendita o un incarico professionale, è consuetudine che il venditore o il prestatore d’opera (chi effettua un determinato servizio) richieda il versamento di una somma di denaro, per rafforzare l’impegno preso. La somma può essere versata a titolo di caparra, acconto o cauzione.

La caparra, in particolare, viene versata da una delle parti e ha la funzione di garanzia contro l’inadempimento del contratto o di corrispettivo in caso di recesso. Può essere di due tipi: confirmatoria e penitenziale.

 

 

Caparra confirmatoria

La caparra confirmatoria ha la funzione di garanzia: in pratica, col suo deposito, chi versa la caparra si impegna a non recedere dal contratto, pena la perdita della somma; chi riceve la caparra, invece, se recede dal contratto deve restituire il doppio dell’importo depositato a titolo di caparra.

Normalmente il versamento è effettuato alla conclusione del contratto: se il patto non è rispettato la caparra (o il suo doppio) ha la funzione di risarcimento del danno. Tuttavia, la parte non inadempiente può non accontentarsi della somma di denaro e intraprendere un’azione legale per chiedere il risarcimento di un danno maggiore.

La caparra confirmatoria non è un corrispettivo del contratto, nemmeno in caso di inadempimento, perciò sulla somma depositata non deve essere applicata l’Iva (l’imposta sul valore aggiunto). Vediamo ora come deve essere fatta la ricevuta di caparra confirmatoria.

 


 

Facsimile ricevuta di caparra confirmatoria

Il signor…………… (inserire nome, cognome, data di nascita, codice fiscale e indirizzo della parte che deposita la caparra)

consegna, a titolo di caparra confirmatoria,

al signor……………  (inserire nome, cognome, data di nascita, codice fiscale e indirizzo della parte che riceve la caparra)

che riceve e rilascia quietanza, la somma di euro ……………(inserire l’importo della caparra), che verrà imputata alla prestazione dovuta.

In caso di inadempimento da parte del signor …………… (indicare nome e cognome della parte che deposita la caparra), il signor …………… (indicare nome e cognome della parte che riceve la caparra) ha diritto a trattenere la somma ricevuta o a restituirla e ad agire ai sensi dell’art.1453 del Codice civile.

 

In caso di inadempimento da parte del signor …………… (indicare nome e cognome della parte che riceve la caparra), questi dovrà versare al signor …………… (indicare nome e cognome della parte che deposita la caparra) il doppio della caparra depositata.

Data

Firma delle parti

Importo fuori campo Iva ai sensi del D.p.r. 633/1972.

 


 

Caparra penitenziale

La caparra penitenziale, al contrario della caparra confirmatoria, non ha la funzione di garanzia, ma di corrispettivo in caso di recesso dal contratto; in questo caso, difatti:

  • se chi recede dal contratto è colui che ha versato la caparra, questi perde l’importo depositato e l’altra parte non può intraprendere un’azione di risarcimento del danno;
  • se chi recede dal contratto è la parte che ha ricevuto la caparra, questi deve restituire il doppio della somma depositata, senza, ugualmente, avere la possibilità di agire per il risarcimento del danno.

La caparra, in entrambi i casi, costituisce un corrispettivo del contratto e deve essere tassata.

 


Facsimile ricevuta di caparra penitenziale

Il signor…………… (inserire nome, cognome, data di nascita, codice fiscale e indirizzo della parte che deposita la caparra)

ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 1386 Cod. Civ. versa a titolo di caparra penitenziale,

al signor…………… (inserire nome, cognome, data di nascita, codice fiscale e indirizzo della parte che riceve la caparra)

la somma di euro…………… quale corrispettivo per il diritto di recedere dal contratto stipulato in data …………… e sopra individuato e generalizzato.

Nel caso in cui il diritto di recesso venga effettivamente esercitato dal signor…………… ,parte che ha versato la caparra, questi perderà la somma definitivamente.

Nel caso in cui il diritto di recesso venga effettivamente esercitato dal signor ……………, parte che ha ricevuto la caparra, questi sarà tenuto alla restituzione del

doppio della somma ricevuta a tale titolo.

Data

Firma delle parti


 

Acconto

L’acconto è una somma di denaro che viene versata da una delle parti, precisamente dall’acquirente del bene o del servizio, e ha la funzione di pagamento parziale: pertanto, è assoggettato all’Iva (l’operazione si considera effettuata ai fini Iva, anche se parzialmente, alla data del versamento) ed è tassato.

Nel caso in cui il contratto non si concluda:

  • se la parte inadempiente è quella che ha versato l’acconto, perde tutta la somma;
  • se la parte inadempiente è quella che ha ricevuto l’acconto, lo deve restituire (ma non paga il doppio dell’importo).

Se la parte non inadempiente ritiene di aver subito un danno, nonostante la restituzione dell’acconto può intraprendere un’azione legale per domandare il risarcimento.

 

 

Cauzione

La cauzione, come la caparra confirmatoria, è una somma di denaro che viene versata da una delle parti e ha la funzione di garanzia contro l’inadempimento del contratto.

In caso di inadempimento l’importo ha la funzione di risarcimento del danno; al termine del contratto, deve essere restituita a chi l’ha versata e non viene inclusa nel corrispettivo stabilito.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti