Ricongiunzione Inps Inpdap, quanto costa?
Lo sai che?
25 Ott 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Ricongiunzione Inps Inpdap, quanto costa?

Ricongiunzione dei contributi versati all’Inps nella gestione Inpdap: come si calcolano i costi, quali benefici comporta.

 

Un risparmio che potrebbe superare 100.000 euro: è questo il beneficio che, in diversi casi, comporterebbe la ricongiunzione gratuita dei contributi in un unico fondo. Gli oneri legati alla ricongiunzione, difatti, sono tutt’altro che leggeri, specie se i contributi «riuniti» si collocano all’interno della quota retributiva della pensione e se l’interessato è vicino all’età pensionabile.

La ricongiunzione gratuita, tuttavia, dovrebbe essere fruibile soltanto dagli iscritti a una gestione Inps, compresi i cosiddetti fondi sostitutivi (come Inpdap e Enpals), mentre, almeno in un primo momento, non potrà essere richiesta dagli iscritti alle casse dei professionisti.

Ma quanto costa oggi ricongiungere i contributi dall’Inps all’Inpdap e viceversa?

In attesa di saperne di più, vediamo come si calcolano gli oneri di ricongiunzione.

 

 

Ricongiunzione dei contributi

Innanzitutto, è bene chiarire come funziona la ricongiunzione: si tratta della possibilità di riunire i contributi versati in fondi diversi in un’unica gestione. Non sono, però, semplicemente sommate quote diverse di pensione (che restano a carico delle singole gestioni) per il diritto al trattamento, ma tutti i contributi dell’interessato confluiscono nella gestione prescelta, come se fossero da sempre stati accreditati nel fondo di destinazione.

 

 

Ricongiunzione Inps Inpdap: quota retributiva

Per calcolare il costo della ricongiunzione è necessario effettuare un primo calcolo della pensione considerando i soli contributi presenti nella gestione di destinazione, poi un secondo calcolo della pensione considerando tutti i contributi dell’interessato, come se risultassero accreditati nel fondo prescelto.

Bisogna poi fare la differenza tra i due calcoli per ottenere l’ammontare del beneficio conseguito. Una volta determinato il beneficio, questo si deve moltiplicare per un apposito coefficiente [1] che cambia in relazione all’età, al sesso e all’anzianità contributiva del lavoratore: si ottiene, così, la riserva matematica.

Dalla riserva matematica si devono sottrarre i contributi trasferiti nella gestione di destinazione. Infine, se la ricongiunzione è effettuata dall’Inps verso l’Inpdap, l’onere così ottenuto deve essere diviso per due; il costo della ricongiunzione può essere liquidato in un’unica soluzione o rateizzato, con l’applicazione degli interessi.

Per fare un esempio, ipotizziamo che Tizia abbia diritto, senza la ricongiunzione, a una pensione annua pari a 12.000 euro e, con la ricongiunzione, la pensione ammonti a 24.000 euro. In questo caso, la differenza, pari a 12.000, deve essere moltiplicata per il coefficiente corrispondente al sesso, all’età e all’anzianità contributiva. Ipotizzando che Tizia abbia 59 anni e 34 anni di contributi (vanno considerati anche i contributi da ricongiungere), il coefficiente previsto nelle apposite tabelle è pari a 20,9760.

La riserva matematica è dunque pari a 251.712. Da questa riserva dobbiamo togliere l’importo dei contributi da trasferire (ipotizziamo pari a 80.000 euro), arrivando così a un onere di 171.712, che, al 50%, ammonta a 85.856 euro.

La procedura è la medesima anche per la ricongiunzione da Inpdap verso Inps [2]: quest’operazione, sino al 2010 era gratuita.

Ad ogni modo, il procedimento elencato deve essere utilizzato solo per i calcoli relativi ai contributi collocati all’interno della quota retributiva di pensione, cioè alla quota legata al calcolo retributivo (che si basa sulle ultime annualità di stipendio e sulle settimane versate sino al 31 dicembre 1992, 1995 o 2011). Ricordiamo che sono soggetti al calcolo retributivo:

  • i contributi versati sino al 31 dicembre 1992, per la cosiddetta Quota A di pensione (il calcolo della Quota A si basa sugli ultimi 5 anni di stipendio e sulle settimane versate sino al 31 dicembre 1992);
  • i contributi versati sino al 31 dicembre 1995, per la Quota B di pensione, se l’interessato, alla stessa data, possiede meno di 18 anni di contributi (si tratta del cosiddetto sistema misto di calcolo della pensione; il calcolo della Quota B, per i «misti», si basa sugli ultimi 10 anni di stipendio e sulle settimane versate sino al 31 dicembre 1995);
  • i contributi versati sino al 31 dicembre 2011, per la Quota B di pensione, se l’interessato, al 31 dicembre 1995, possiede oltre 18 anni di contributi (si tratta del cosiddetto sistema retributivo puro di calcolo della pensione; il calcolo della Quota B, per i «retributivi puri», si basa sugli ultimi 10 anni di stipendio e sulle settimane versate sino al 31 dicembre 2011).

 

 

Ricongiunzione Inps Inpdap: quota contributiva

Per quanto concerne i contributi da ricongiungere soggetti al calcolo contributivo, la determinazione dell’onere di ricongiunzione è più semplice. Bisogna infatti:

  • prendere come riferimento la retribuzione pensionabile degli ultimi 12 mesi;
  • moltiplicare la retribuzione per gli anni da ricongiungere e per l’aliquota contributiva (32,95% per l’Inpdap, 33% per l’Inps Fondo pensioni lavoratori dipendenti);
  • sottrarre dall’onere così ottenuto i contributi da trasferire [3].

 


[1] L. 1338/1962; DM 26/1/1964.

[2] Art. 1 L. 29/1979.

[3] Art. 2, Co. 5, L.184/1997.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti