Droga: la coltivazione sul terrazzo di una sola piantina non è reato
Lo sai che?
26 Set 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Droga: la coltivazione sul terrazzo di una sola piantina non è reato

Non è reato coltivare una sola pianta di canapa o marijuana indiana sul terrazzo di casa perché la produzione non è tale da costituire pericolo per la salute pubblica.

 

La coltivazione di piantine di droga, avvenuto in ambito domestico (ad esempio sul terrazzo di casa) continua ad essere reato, ma a condizione che il quantitativo di sostanza stupefacente ottenibile dalla “piantagione” non sia tale da incrementare il mercato: per cui una sola piantina di canapa indiana non integra alcun illecito penale. È quanto chiarito poche ore fa dalla Cassazione [1].

 

Nello scorso mese di marzo è stata confermata, in modo decisivo, l’esistenza del reato di coltivazione di piantine di droga a livello domestico anche quando il quantitativo sia tale da denunciare solo un uso personale: difatti, la Corte Costituzionale si era scagliata contro tutte le piantine di marijuana prodotte a livello artigianale, anche se non rivolte allo spaccio.

 

Leggi anche È legale coltivare cannabis

 

Ad essa si era subito adeguata la Cassazione che però oggi sembra fare un parziale dietro front. Secondo i giudici della Corte, infatti, pronunciatisi oggi su un caso di coltivazione di piantine di canapa indiana, non commette reato chi ne coltiva solo una sul proprio terrazzo: ai fini della punibilità penale è infatti necessaria una produzione potenzialmente idonea a incrementare il mercato.

 

La pronuncia chiarisce che la punibilità per la coltivazione non autorizzata di piante da cui sono estraibili sostanze stupefacenti va esclusa solo se il giudice ne accerti l’inoffensività in concreto oppure quando la condotta sia così trascurabile da rendere sostanzialmente irrilevante l’aumento di disponibilità della droga e non prospettabile alcun pericolo di ulteriore diffusione di essa restando in tal senso non sufficiente l’accertamento della conformità al tipo botanico vietato.

 

In altre parole non scatta alcun reato di coltivazione di droga quando il quantitativo di principio attivo ricavabile dalle singole piante sia minimo.


La sentenza

Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza 15 – 26 settembre 2016, n. 40030
Presidente Paoloni – Relatore Scalia

Ritenuto in fatto

1. Con la sentenza in epigrafe indicata, il Gup del Tribunale di Siracusa ha dichiarato, ai sensi dell’art. 428 cod. proc. pen., il non luogo a procedere nei confronti di D.S.C. in ordine al reato di coltivazione di sostanze stupefacenti, in concorso con altri, al medesimo ascritto (artt. 110, 75, comma 5, in relazione all’art. 73, comma 4, d.P.R. n. 309 del 1990, per unica piantina di marijuana detenuta in terrazzo con principio attivo di THC pari al 1,8%).
Il Tribunale per l’espresso giudizio ha ritenuto che la percentuale di principio attivo ricavabile dalla pianta, tale da garantire n. 12 dosi, ciascuna determinata secondo la dose media singola indicata dal d.m. 11 aprile 2006 in 25 mg., consenta ragionevolmente di apprezzare un uso personale della sostanza e, nell’esclusione di una possibile diffusione o ampliamento della coltivazione della stessa, escluda, altresì, la lesione al bene giuridico che la norma di previsione della contestata fattispecie intende tutelare.
2. Avverso l’indicata sentenza propone ricorso per cassazione il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa denunciando violazione di legge penale, in relazione

Mostra tutto

[1] Cass. sent. n. 40030 del 26/09.2016.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti