Dati WhatsApp a Facebook: interviene il Garante Privacy
Lo sai che?
28 Set 2016
 
L'autore
Maria Monteleone
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Dati WhatsApp a Facebook: interviene il Garante Privacy

Il Garante per la Privacy apre un’istruttoria su WhatsApp per capire quali dati degli utenti vengono comunicati a Facebook e con quale scopo.

 

Tutti gli utenti di WhatsApp, a partire da fine agosto, hanno trovato all’apertura dell’applicazione un messaggio di comunicazione della nuova policy che prevede il trasferimento di alcuni dati della chat a Facebook:

“A WhatsApp stiamo aggiornando i nostri termini e la nostra informativa sulla privacy per riflettere le nuove chiamate come le chiamate Whatsapp. Leggi i termini e l’informativa sulla privacy per saperne di più sulle opzioni a tua disposizione. Per continuare ad usare WhatsApp, accetta gentilmente i Termini e l’informativa sulla privacy entro Domenica 25 Settembre”.

 

In tanti si saranno chiesti se tutto ciò è legittimo e se, trattandosi di una scelta quasi forzata, possa essere lesiva della privacy. L’informativa, infatti, non è chiara e non permette all’utente di capire in cosa consiste effettivamente lo scambio di dati relativo al proprio account e quale sia la sua finalità.

 

Sul punto ha quindi aperto un’istruttoria il Garante per la Privacy .

 

L’istruttoria ha ad oggetto la messa a disposizione di Facebook di alcune informazioni riguardanti gli account dei singoli utenti di WhatsApp, anche per finalità di marketing.

 

Il Garante ha invitato WhatsApp e Facebook a fornire tutti gli elementi utili alla valutazione del caso. In particolare ha chiesto di conoscere nel dettaglio:

  • la tipologia di dati che WhatsApp intende mettere a disposizione di Facebook;
  • le modalità per l’acquisizione del consenso da parte degli utenti alla comunicazione dei dati;
  • le misure per garantire l’esercizio dei diritti riconosciuti dalla normativa italiana sulla privacy, considerato che, dall’avviso inviato sui singoli device, la revoca del consenso e il diritto di opposizione sembrano poter essere esercitati in un arco di tempo limitato.

 

Il Garante ha chiesto inoltre di chiarire se i dati riferiti agli utenti di WhatsApp, ma non di Facebook, siano anch’essi comunicati alla società di Menlo Park, e di fornire elementi riguardo al rispetto del principio di finalità, considerato che nell’informativa originariamente resa agli utenti WhatsApp non faceva alcun riferimento alla finalità di marketing.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti