HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 2 ottobre 2016

Lo sai che? Come fare un pignoramento a colpo sicuro

> Lo sai che? Pubblicato il 2 ottobre 2016

La legge concede maggiori possibilità di accesso alle banche dati per la ricerca dei beni dei debitori. Ma non tutti i tribunali sono d’accordo sul metodo.

Non tutti i Tribunali condividono questo metodo, ma la legge consente oggi di allargare le modalità di ricerca dei beni dei debitori per un pignoramento a colpo sicuro, più veloce e, soprattutto, più concreto.

In estrema sintesi: prima l’ufficiale giudiziario poteva indagare presso l’anagrafe tributaria o presso una banca dati pubblica i beni da pignorare, ma solo in seguito ad un’istanza che il creditore aveva depositato. Adesso, invece, sono state apportate delle modifiche al modo in cui ricercare quei beni presso l’anagrafe tributaria per arrivare al pignoramento a colpo sicuro [1]. Su istanza del creditore, il presidente del Tribunale competente, verificato il diritto a procedere ad esecuzione forzata, autorizza la ricerca dei beni da pignorare con modalità telematica diretta. Non solo: se c’è pericolo di ritardo, il presidente del Tribunale autorizza la ricerca telematica prima della notificazione del precetto. L’ufficiale giudiziario può, così, accedere all’archivio dei rappor­ti finanziari, al pubblico registro automobilistico e ai dati contenuti nelle banche dati degli enti previdenziali. Successivamente, scrive un verbale unico in cui indica quali banche dati ha consultato e che cosa ha trovato. In questo modo, procede al pignoramento a colpo sicuro dei beni con in mano il titolo esecutivo ed il precetto.

Pignoramento a colpo sicuro: pareri discordanti

Come detto all’inizio, non tutti i tribunali condividono questo modo di fare per ottenere il pignoramento a colpo sicuro, anzi: in un solo giorno due tribunali, quello di La Spezia e quello di Potenza, si sono pronunciati in materia con pareri discordanti per quanto riguarda il rapporto tra la norma che attribuisce il potere al creditore e le modalità di accesso previste dalla legge [2].

Il Tribunale di La Spezia, con provvedimento del 6 settembre 2016, riconosce al creditore di poter accedere alle banche dati previste [3] in attesa dei decreti attuativi e previa autorizzazione del presidente del Tribunale.

Proprio lo stesso giorno, il Tribunale di Potenza ha, invece, negato l’autorizzazione perché «l’accesso – si legge sul provvedimento – è consentito previa stipulazione di una convenzione finalizzata alla fruibilità informatica dei dati, sentito il Garante per la protezione dei dati personali» [4].

Dove si può trovare il punto della discordia? Forse nella forma, più che nella sostanza: sul fatto, cioè, che il creditore chieda o meno l’accesso diretto alle banche dati senza ricorrere all’intervento dell’ufficiale giudiziario per arrivare al pignoramento a colpo sicuro.

Il creditore di La Spezia, infatti, ha chiesto di poter accedere direttamente alle banche dati al posto dell’ufficiale giudiziario. Su quello di Potenza, invece, non è chiaro se ha fatto richiesta di accesso diretto oppure se abbia sollecitato l’autorizzazione dell’ufficiale giudiziario.

note

[1] Dl 132/2014.

[2] Art. 155-quater cod. civ.

[3] Art. 492-bis cod. civ.

[4] Trib. Potenza, decreto 1633/16.

Tribunale ordinario della Spezia 5 – 6 settembre 2016

Presidente Sorrentino

Letta l’istanza dep. in data 27.7.2016 nell’interesse di AGENZIA DI IIMPLICITA’ M.V., difesa e rappresentata dall’Avv. M. A., volta ad ottenere l’autorizzazione all’accesso dei dati telematici ai sensi degli arti. 492 bis c.p.c. e 155-quinquies disp. att. c.p.c. in relazioni al credito vantato nei confronti di Free Spirit On the Road di D.A.;

rilevato che l’art. 492 bis c.p.c. nella sua attuale formulazione (per effetto delle modifiche contenute nella legge di conversione 132/15 del dl 83/15) prevede che, a regime, il presidente del Tribunale possa autorizzare, su istanza del creditore, l’ufficiale giudiziario ad accedere direttamente mediante collegamento telematico “ai dati contenuti nelle banche dati delle pubbliche amministrazioni e, in particolare nell’anagrafe tributaria, compreso l’archivio dei rapporti finanziari e in quelli degli enti previdenziali”;

considerato che l’art. 155-quinquies disp. att. c.p.c. (anch’esso per effetto delle modifiche di cui alla legge cit. 132/15) prevede che, in attesa dei decreti attuativi previsti dall’art. 155quater disp. att. c.p.c., il creditore, previa autorizzazione del presidente del Tribunale, possa ottenere dai gestori delle banche dati previste dall’art. 492-bis c.p.c. e 154-quater disp. att. c p.c. le informazioni nelle stesse contenute;

ritenuta la sussistenza delle condizioni richieste dall\’ari. 492-bis cit;

ritenuto che nulla osta a che il creditore istante possa beneficiare dell’applicazione di tale normativa interinale;

autorizza

il creditore istante ad accedere direttamente alle banche dati previste dall’art. 492-bis c.p.c, e dall’art. 155-quater disp. att c.p.c.

Tribunale di Potenza, sez. Civile, decreto 6 settembre 2016, n. 1633

Giudice dell’esecuzione Marano

Il giudice dell’esecuzione

in persona della dott.ssa A.M., quale giudice delegato dal Presidente della Sezione Civile; letta l’istanza ex art.492 bis c.p.c. avanzata da parte creditrice, al fine di ottenere la autorizzazione alla ricerca telematica dei beni da pignorare;

ritenuto che, ai sensi dell’art.155 quater disp.att.c.p.c, (relativo alle modalità di accesso alle banche dati), sino a quando non sono definiti dall’Agenzia per l’italia Digitale gli standard di comunicazione e le regole tecniche di cui al comma 2 dell’art. 59 dlgs. 7 marzo 2005, n.82 e successive modificazioni, e, in ogni caso, quando l\’amministrazione che gestisce la banca dati o il ministero della Giustizia non dispongono dei sistemi informatici per la cooperazione applicativa di cui all’art. 72 comma 1 lett. e) del medesimo codice di cui al d.lgs, n.82 del 2005, l’accesso è consentito previa stipulazione di una convenzione finalizzata alla fruibilità informatica dei dati, sentito il Garante la protezione dei dati personali;

ritenuto che non risulta essere stata stipulata la detta convenzione, da ritenersi circostanza dirimente ai fini della concessione della richiesta autorizzazione;

rigetta

la istanza come proposta.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK