HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 16 ottobre 2016

Lo sai che? Come scopro se ho debiti con Equitalia?

> Lo sai che? Pubblicato il 16 ottobre 2016

Ogni contribuente può verificare con l’agente della riscossione se ha debiti per cartelle di pagamento non pagate e quando gli sono state notificate.

Generalmente ognuno è a conoscenza della propria posizione debitoria con il Fisco, perché le cartelle di pagamento vengono notificate in modo da assicurare l’effettiva conoscenza dell’atto da parte del destinatario. Ma, nel dubbio che ci sia sfuggita una notifica, si può chiedere a Equitalia un estratto di ruolo, ovvero un elenco dei debiti a proprio nome.

Come scoprire se ho debito con Equitalia

La possibilità di accesso ai documenti amministrativi è un principio generale dell’ordinamento, allo scopo di favorire la partecipazione del cittadino ai procedimenti che lo riguardano e l’imparzialità e la trasparenza dell’operato degli enti pubblici. Comporta che chiunque vanti un interesse diretto, concreto e attuale a conoscere un atto della pubblica amministrazione abbia il potere di prenderne visione ed estrarne copia. Questo diritto vale anche nell’ambito dei procedimenti amministrativi tributari, ma secondo regole speciali [1].

In particolare è sempre consentito al contribuente di chiedere a Equitalia l’elenco di tutti i debiti a proprio carico. Si tratta di quello che dai tecnici viene chiamato estratto di ruolo. Infatti il ruolo è l’elenco che l’ente impositore forma, inserendovi tutti i debitori e le somme da questi dovuti. Tale elenco viene poi trasmesso dall’ente (ad esempio dall’Agenzia delle Entrate, dall’Inps, dai Comuni) a Equitalia, che è incaricata di riscuotere coattivamente il credito. Ebbene, l’estratto del ruolo è la porzione dell’elenco che riguarda il singolo contribuente e che consente di conoscere tutti i debiti non pagati.

Nell’estratto di ruolo sono indicati tutti i dati essenziali per conoscere la natura del debito, ovvero:

  • le generalità del contribuente e il suo codice fiscale;
  • la cartella di pagamento da cui scaturisce il debito e la data di notifica;
  • il tributo, le sanzioni, gli interessi e le spese di notifica che, sommati, determinano il debito complessivo del contribuente.

Inoltre la legge impone all’agente della riscossione di conservare per cinque anni la copia della cartella di pagamento con la relata di notifica, in caso di notifica tramite gli ufficiali della riscossione o gli altri soggetti abilitati, o l’avviso di ricevimento, nel caso di notifica a mezzo posta [2]. Dunque, se la richiesta a Equitalia perviene entro il termine di cinque anni, il contribuente ha diritto di avere copia non solo dell’estratto di ruolo ma anche della stessa cartella di pagamento notificata.

Se non ho mai ricevuto la cartella di Equitalia indicata nell’estratto ruolo

Può accadere che, visionando l’estratto di ruolo, il destinatario venga a conoscenza di cartelle di pagamento che non ha mai ricevuto per un vizio di notifica. In questo caso il contribuente rischia ugualmente di subire pignoramenti, fermi amministrativi o iscrizioni di ipoteca da parte di Equitalia, poiché il vizio di notifica della cartella deve essere accertato dal giudice.

In questi casi il rimedio è l’impugnazione del ruolo e della cartella mai ricevuta, di cui si è venuti a conoscenza per mezzo dell’estratto di ruolo, con cui si chiede al giudice l’annullamento per vizio di notifica. Infatti la conoscenza del debito tramite accesso agli atti detenuti da Equitalia non può in alcun modo sostituire la regolare notifica della cartella di pagamento e non fa scadere i termini per il ricorso, che decorrono solo da una notifica valida [3].

note

[1] Art. 24 L. 07.08.1990 n. 241.

[2] Art. 26 D.P.R. 29.09.1973 n. 602.

[3] Cass. sent. n. 19704/2015 del 02.10.2015.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

CLAUDIO LICCI

17 ottobre 2016 alle 10:36

IN DATA 2 DICEMBRE 2011 HO RICEVUTO DA PARTE INPS ,LIQUIDAZIONE PER INABILITA’ 100/100 DOVE TROVO UNA TRATTENUTA DI CIRCA EURO 99.000,00.HO CHIESTO LUMI,PERSONALMENTE E ANCHE AVVALENDOMI DELLA COLLABORAZIONE DI COMMERCIALISTI,PER AVER UN DETTAGLIO DELLA SOMMA TRATTENUTA. INPS E MI HA RISPOSTO CHE I COMPUTER NON SBAGLIANO:RISPOSTA ALQUANTO GENERICA.
VI DISTURBO PER SAPERE SE A FINE DICEMBRE IL TUTTO VA IN PRESCRIZIONE E SE E’ SI COME DEVO FORMULARE RACCOMANDATA PER FERMARE TALE PRESCRIZIONE.GRAZIE

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK