Lettera di recesso, da quando vale?
Lo sai che?
16 Ott 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Lettera di recesso, da quando vale?

Gli effetti della disdetta si producono da quando viene ricevuta e non da quando viene spedita la raccomandata, per cui bisogna sempre considerare i giorni necessari all’arrivo della lettera.

 

Se devi inviare una lettera di recesso da un abbonamento, da un affitto, da un servizio o da qualsiasi altro tipo di contratto, e ti stai chiedendo quando inviarla, c’è una cosa importantissima che devi sapere: per evitare che il rapporto si rinnovi in automatico (almeno quando ciò è previsto nelle condizioni contrattuali), la disdetta deve arrivare al destinatario prima che il termine scada. I

 

n altre parole, se il tuo problema è sapere da quale momento la lettera produce effetti, sappi che vale il giorno in cui il postino la consegna al destinatario e non quello in cui tu la spedisci recandoti all’ufficio postale. Questo significa, in termini pratici, che dovrai recarti allo sportello delle poste, per consegnare la raccomandata a.r., con qualche giorno di anticipo rispetto alla scadenza del termine, in modo da consentire al servizio postale di consegnarla prima dell’ultimo giorno. Se, invece, la lettera dovesse pervenire quando ormai il termine è scaduto, il contratto si deve ritenere purtroppo rinnovato.

 

 

Si considera la data di spedizione o di consegna?

Un esempio riuscirà a spiegare meglio il problema.

Mettiamo di avere in corso un contratto di affitto o un abbonamento con un servizio giornaliero. La scadenza del contratto è fissata per il 31 dicembre, ma il contratto si considera rinnovato in automatico se l’utente non invia la disdetta almeno 15 giorni prima, ossia entro il 16 dicembre. Si possono allora configurare tre ipotesi:

  • Ipotesi A: l’utente invia la disdetta il giorno 14 e la raccomandata arriva a destinazione il giorno 17. In tal caso il contratto non si considera disdettato in tempo perché è arrivato a destinazione un giorno dopo quello ultimo per il recesso; la disdetta varrà, tuttavia, per l’anno successivo;
  • Ipotesi B: l’utente invia la disdetta il giorno 10 e la raccomandata arriva a destinazione il giorno 15. In tal caso il contratto si considera cessato perché il destinatario ne ha preso conoscenza entro il 16;
  • Ipotesi C: l’utente invia la disdetta il giorno 10, la raccomandata arriva a destinazione il giorno 15, ma il destinatario non è a casa o si rifiuta di ritirarla dal postino. Anche in tal caso il contratto si considera ugualmente cessato poiché fa fede la data di tentata consegna.

 

 

Disdetta: vale la data di consegna della raccomandata

Dunque tutte le volte che devi spedire una lettera di disdetta come il recesso da un contratto, di qualsiasi tipo si tratti, ricordati sempre di «giocare d’anticipo» e di muoverti sempre qualche giorno prima della scadenza, in modo da dare il tempo alla lettera di arrivare a destinazione. Eventuali disguidi e ritardi del servizio postale sono infatti a carico del mittente.

Questa regola, secondo la Corte Costituzionale, non vale solo per gli atti giudiziari, tra cui anche le multe (quindi per eventuali ricorsi spediti con raccomandata a.r.).

 

Il problema si pone, ovviamente, solo per quei casi in cui il contratto prevede il rinnovo automatico dello stesso alla scadenza se non interviene il recesso. Difatti, spesso, nei contratti si usa prevedere genericamente l’obbligo di «comunicare la disdetta» entro e non oltre il termine di “tot” giorni/mesi dalla scadenza del contratto stesso, pena il rinnovo automatico della scrittura privata. Ebbene, il concesso di «comunicare la disdetta», secondo una recente sentenza delle Sezioni Unite della Cassazione [1] fa riferito alla effettiva conoscenza da parte del destinatario, che si compie solo nel momento in cui il postino bussa a casa sua (a prescindere però dal fatto che questi materialmente la ritiri o meno).

 

Per maggiori approfondimenti leggi anche Disdetta, vale la data di spedizione.


[1] Cass. S.U. sent. n. 24822/2015.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
 
Commenti