HOME Articoli

Editoriali Pubblicato il 16 ottobre 2016

Editoriali Diario della settimana: gli italiani e la visita fiscale

> Editoriali Pubblicato il 16 ottobre 2016

Settebello: il meglio degli ultimi sette giorni di La Legge per Tutti.

«Come sei fiscale». Lo diciamo spesso a chi è troppo puntiglioso. Non è un complimento. È un modo di dire che nasce dall’atteggiamento del Fisco nei confronti dei contribuenti. E sempre dal mondo del Fisco nasce il termine «visita fiscale». Anche questa non gode di molta simpatia tra i cittadini. Prova ne è che, l’argomento più letto dei sette giorni appena trascorsi, è stato Se sono in malattia posso uscire? È un risultato direttamente proporzionale. L’argomento è antipatico, spinoso, percepito come invadente? Allora si legge per capire come aggirare l’ostacolo.

Chiariamo una cosa: È vero, la burocrazia e il fisco ce la mettono tutta nell’andare contro il buon senso. Ma anche noi italiani ce la mettiamo tutta nell’andare contro le regole. Ancora ricordo una notizia di qualche anno fa: un medico dell’Inps si recò a casa di una persona che quel giorno dichiarò di stare male. A casa, però, non c’era. Il medico mise a verbale la verità e, incontrato il finto paziente per strada, questi gliene diede così tante che alla fine si meritò i domiciliari.

È interessante anche una indagine pubblicata lo scorso anno da Repubblica. In sintesi: i responsabili delle risorse umane delle aziende italiane, associavano la malattia all’assenteismo e non alle precarie condizioni di salute che, normalmente, possono colpire ognuno di noi. Di conseguenza, se malattia è uguale ad assenteismo, il ruolo del medico fiscale è inutile: questa la conclusione dei responsabili.

Il rovescio della medaglia, però, è che se l’azienda diventa fiscale che più fiscale non si può, alla fine ci rimette. Un’altra notizia che uscì anni addietro era: l’azienda inviò la visita all’indirizzo di residenza del dipendente, nonostante lui avesse comunicato che si trovava altrove. La troppa fiscalità fece sì che fu l’azienda a risarcire il dipendente. Fisco e cittadini, quindi, dovrebbero far pace tra di loro e cominciare a comportarsi come si deve. Questa volta il primo passo l’ha fatto – strano ma vero – il Fisco. Infatti, scrive la nostra redazione: «Assolto l’obbligo della reperibilità, il dipendente può uscire di casa a condizione che non aggravi la malattia e non pregiudichi la guarigione».

Il secondo articolo più letto è stato, invece, quello di Maura Corrado: Come sapere se il nostro telefono è sotto controllo? Un articolo alla Spy Game, il film di Tony Scott con Robert Redford e Brad Pitt.  Pensate che le nostre conversazioni telefoniche siano al sicuro? Allora sappiate che «Capita sempre più spesso che sul cellulare sia stato installato, a nostra insaputa, uno spy software. Letteralmente un programma spia con il quale è possibile spiare e registrare da remoto (cioè da un altro telefono o computer) le conversazioni o leggere gli sms inviati e ricevuti. Si tratta di programmi molto sofisticati e dotati di numerose funzionalità». Vi siete persi il pezzo della Corrado? Non vi resta che cliccare sul link postato poco più su.

Il terzo articolo più letto è quello di Noemi Secci Pensione 2017, tutte le novità. «Non una vera e propria riforma della previdenza, alla pari della legge Fornero, ma ci si avvicina molto: il cosiddetto pacchetto pensioni che entrerà in vigore con la legge di Stabilità 2017. In pratica, restano in piedi i paletti imposti dalla riforma Fornero, ma sono affiancati da diverse possibilità di uscita anticipata e da nuovi aiuti e benefici».

Il Settebello di questo lunedì si conclude, quindi, con un pensiero rivolto al futuro che poi è anche una preoccupazione. Perché è vero – è importante sapersi comportare in caso di visita fiscale, è importante sapere se il nostro telefono è sotto controllo – ma è ancora più importante pensare al domani. Anche se, come canta Angelo Branduardi, «di domani nessuno lo sa. No, non perdetelo il tempo ragazzi, non è poi tanto quanto si crede; non è da tutti catturare la vita, non disprezzate chi non ce la fa».

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK