HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 17 ottobre 2016

Articolo di

Lo sai che? Appartamento disabitato: c’è violazione di domicilio?

> Lo sai che? Pubblicato il 17 ottobre 2016

La semplice circostanza secondo cui l’appartamento è momentaneamente disabitato non basta a escludere il reato di violazione di domicilio in caso di accesso non consentito ad una pertinenza dell’appartamento. 

Il reato di violazione di domicilio scatta se un estraneo si introduce all’interno della proprietà altrui (ad esempio l’appartamento) o anche in una pertinenza dello stesso (ad esempio un balcone, la soffitta, eccetera). Tuttavia, è necessario che l’immobile non sia abbandonato.

Difatti, perché possa configurarsi l’illecito penale in commento è necessaria l’attualità dell’uso dell’abitazione da parte di chi ne abbia la legittima disponibilità. In pratica, l’immobile deve essere utilizzato in modo costante e non deve essere invece abbandonato.

Ma cosa si intende per «attualità dell’uso»? La legge non richiede necessariamente un utilizzo continuato dell’immobile come potrebbe essere, ad esempio, per una casa in città o dove la vittima ha fissato la propria residenza. Il reato di violazione di domicilio sussiste infatti anche nel caso di appartamenti o altri immobili da cui il proprietario si assenti in modo più o meno prolungato nell’arco dell’anno (si pensi a una casa vacanza, a un terreno che viene coltivato stagionalmente, eccetera).

Dunque, l’attualità dell’uso non implica la sua continuità e non viene meno in ragione dell’assenza, più o meno prolungata nel tempo, dell’avente diritto.

Invece, il reato di violazione di domicilio non scatta quando risulti evidente la volontà del proprietario di abbandonare definitivamente l’abitazione.

Che succede in caso di appartamento non ancora abitato? Secondo la cassazione non c’è reato. La Corte dice infatti che [2] ai fini della configurazione del delitto di violazione di domicilio, per «abitazione» si intende il luogo adibito ad uso domestico di una o più persone; non è tale – difettando del requisito dell’attualità dell’uso domestico – l’appartamento non ancora abitato dal proprietario, tanto più se esso contiene mobili ed effetti personali di pertinenza del soggetto imputato.

La mancanza di fissa dimora è una giustificazione? Secondo la giurisprudenza il fatto che il colpevole sia senza fissa dimora non configura quello stato di necessità che giustifica la commissione del reato di violazione del domicilio. Mancherebbe, infatti, l’elemento dell’urgenza di evitare un danno grave alla persona, posto che la situazione di «senza tetto» è perdurante nel tempo e non deriva da una situazione attuale, imprevedibile e contingente.

note

[1] Cass. sent. n. 43499/16 del 14.10.2016.

[2] Cass. sent. n. 31982/2003.

Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza 12 luglio – 14 ottobre 2016, n. 43499 Presidente Sabeone – Relatore Zaza Ritenuto in fatto Con la sentenza impugnata, in parziale riforma della sentenza dei Tribunale di Padova del 19/07/2013, veniva confermata l'affermazione di responsabilità di B.H.A. per il reato di violazione di domicilio commesso il 27/03/2009 introducendosi in una soffitta di proprietà di L.P. dopo aver forzato le porte dell'ingresso condominiale e del locale di cui sopra. La sentenza di primo grado era riformata con il riconoscimento di attenuanti generiche, equivalenti alla contestata aggravante, e la rideterminazione della pena. L'imputato ricorrente deduce:

  1. violazione di legge e vizio motivazionale sull'affermazione di responsabilità; non si sarebbe tenuto conto della pertinenza della soffitta, in cui l'imputato si introduceva, ad un appartamento che nella sentenza di primo grado si dava atto essere all'epoca disabitato, e quindi non costituente domicilio effettivo della persona offesa; sarebbe stata erroneamente esclusa la sussistenza della scriminante dello stato di necessità nella condotta dell'imputato, privo di fissa dimora e di permesso di soggiorno; si sarebbe dovuto correttamente qualificare il fatto come violazione dell'art. 633 cod. pen.;
  2. violazione di legge sulla determinazione della pena; la stessa sarebbe eccessiva rispetto alle circostanze indicate al punto precedente.
Considerato in diritto
  1. I motivi dedotti sull'affermazione di responsabilità dell'imputato sono infondati.
Nella sentenza impugnata, riportando in premessa quanto già esposto nella decisione di primo grado, per cui l'appartamento della persona offesa era disabitato all'epoca dei fatti, si dava effettivamente atto di tale circostanza. La stessa non è tuttavia sufficiente, in questi termini, ad escludere la configurabilità del contestato reato di violazione di domicilio nell'accesso non consentito ad una pertinenza dell'appartamento in esame. Tale configurabilità richiede indubbiamente l'attualità dell'uso dell'abitazione da parte di chi ne abbia la legittima disponibilità. La ricorrenza di siffatta condizione di attualità non presuppone tuttavia la necessaria continuità dell'uso; e non viene pertanto meno per la sola circostanza dell'assenza più o meno prolungata dell'avente diritto, in mancanza di indici rivelatori della volontà di questi di abbandonare definitivamente l'abitazione (Sez. 5, n. 48528 del 06/10/2011, B., Rv. 252116; Sez. 5, n. 29934 del 16/06/2006, Minelli, Rv. 235151). Orbene, che l'esistenza di una volontà del genere sia stata nel caso concreto esclusa dai giudici di merito è desumibile dal riferimento della sentenza di primo grado alla circostanza per la quale la persona offesa interveniva sul luogo del fatto, constatando la presenza dell'imputato nella soffitta, allertata dai vicini, i quali avevano udito rumori provenienti dall'abitazione. Tanto è in sè logicamente dimostrativo per un verso dei mantenimento di un contatto fra la persona offesa e gli abitanti dell'edificio in cui si trovava l'abitazione, e per altro della disponibilità della prima a recarsi prontamente sul luogo in caso di allarme; elementi di fatto, questi, entrambi incompatibili con un intento di definitivo abbandono dell'abitazione. Ed in questo senso deve ritenersi che la sentenza impugnata abbia motivatamente e correttamente inteso confermare, con la decisione di primo grado, l'implicita conclusione sull'irrilevanza dell'assenza della persona offesa dall'abitazione. Essendo consequenziale a quanto detto l'infondatezza dei motivo sulla ravvisabilità nel fatto del diverso reato di cui all'art. 633 cod. pen., ipotizzata dal ricorrente come alternativa rispetto a quella del reato di violazione di domicilio, l'ulteriore censura sui disconoscimento della scriminante dello stato di necessità è generica nella mera riproposizione del riferimento alla mancanza di fissa dimora e permesso di soggiorno in capo all'imputato, elementi già valutati e ritenuti dalla Corte territoriale irrilevanti a fronte dei dato decisivo della mancanza di un danno grave per la persona dell'imputato, sul quale nessuna ulteriore deduzione è proposta con il ricorso.
  1. Sono invece inammissibili i motivi dedotti sulla determinazione della pena.
La minima offensività del fatto, sostanzialmente indicata dal ricorrente come elemento rispetto al quale la pena inflitta sarebbe eccessiva, veniva valutata nella sentenza impugnata ai fini del riconoscimento delle attenuanti generiche; mentre per la determinazione della pena la Corte territoriale richiamava i precedenti penali dell'imputato, uno dei quali specifico, con argomentazione che non è oggetto di censure nel ricorso. Quest'ultimo deve in conclusione essere rigettato, seguendone la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali. P.Q.M. Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.  

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK