Se non posso lavorare per un infortunio l’Isee si abbassa?
Lo sai che?
23 Ott 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Se non posso lavorare per un infortunio l’Isee si abbassa?

In caso di sospensione del lavoro per infortunio risarcito dall’Inail, è possibile presentare il Modulo sostitutivo per il calcolo dell’Isee corrente?

 

Chi è costretto a sospendere il lavoro per colpa di un’invalidità riportata a seguito di un infortunio, e per questo subisce una riduzione del reddito, può adeguare il proprio Isee a tale mutata situazione. Con la conseguenza che, magari, potrebbe accedere ai servizi sociali cui prima non accedeva. Lo può fare grazie al nuovo Isee corrente, l’indicatore di ricchezza delle famiglie che fotografa la situazione economica dei cittadini in tempo reale. È quanto chiarisce la versione aggiornata delle Faq sull’Isee diffusa dall’Inps.

 

In particolare, l’Inps chiarisce che, in caso di sospensione del lavoro per infortunio e conseguente indennità pagata dall’Inail, è possibile presentare il Modulo sostitutivo per il calcolo dell’Isee corrente [1]. A tal fine è necessario:

  • che si sia verificata l’interruzione dell’attività da lavoro dipendente;
  • che la variazione dell’Indicatore reddituale sia superiore al 25%.

 

In questo modo, grazie all’Isee corrente, chi prima presentava un reddito superiore ai tetti fissati dalla normativa per accedere ad agevolazioni fiscali, assistenziali e sociali potrebbe rientrarvi successivamente proprio a seguito della riduzione del reddito.


[1] Ai sensi dell’art. 9, co. 1, DPCM 159/2013.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti