Che rischio se scarico da internet?
Lo sai che?
26 Ott 2016
 
L'autore
Sabina Coppola
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Che rischio se scarico da internet?

File sharing, conseguenze legali per chi fa download di film, mp3, musica, software con peer to peer.

 

Se hai scaricato file musicali da internet e ti stai chiedendo se puoi essere punito, sappi che il file sharing non è reato se non condividi ciò che hai copiato con altri.

 

 

Cos’è il file sharing?

Oggi la condivisione di informazioni in rete è sempre più diffusa.

Il file sharing è la condivisione di file all’interno di una rete comune ovvero tra computer collegati alla stessa rete; è un programma che consente di scaricare gratis (e di conseguenza condividere on line) file, musica, video, documenti, film, mp3 e software.

 

 

In cosa consiste tecnicamente?

Il file sharing utilizza una delle seguenti architetture:

  • il client server (che indica genericamente un computer client o un terminale che si connette ad un server per la fruizione di un certo servizio);
  • il peer to peer (il cui esempio è il file sharing).

Nel primo caso, la presenza di un server permette ad un certo numero di client di condividerne le risorse, lasciando che sia proprio il server a gestire gli accessi alle risorse.

Utilizzano tale tipo di architettura le reti locali aziendali (Lan), la rete internet, i sistemi informatici ed i sistemi operativi.

Nel secondo caso, invece, il peer to peer rappresenta un modello di architettura logica di rete informatica il cui esempio classico è proprio la rete per la condivisione di file (file sharing).

 

 

Cosa rischia chi effettua il file sharing?

Nel sistema italiano la legge tutela il diritto d’autore, ovvero:

  • le opere dell’ingegno (che appartengono alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all’architettura, al teatro ed alla cinematografia, qualunque ne sia il modo o la forma di espressione), purché abbiano carattere creativo;
  • le opere letterarie e le banche dati che, per la cernita o la disposizione del materiale, costituiscono una creazione intellettuale dell’autore.

Ciò comporta che:

  • commette reato chi condivide automaticamente (e dunque illecitamente e abusivamente) le opere di ingegno altrui (scaricate da internet);
  • mentre non rischia nulla chi scarica film, mp3, musica, software con peer to peer, per uso esclusivamente personale.

La condotta (ritenuta penalmente rilevante) è punita con la pena che va da multa da € 51 ad € 2.065 [1].

La pena è della reclusione fino ad un anno o della multa non inferiore ad € 516 se il reato è commesso su un’opera altrui non destinata alla pubblicità, ovvero con usurpazione della paternità dell’opera (o con deformazione, mutilazione o altra modificazione dell’opera medesima) qualora ne risulti un’offesa all’onore o alla reputazione dell’autore.

 

 

Basta condividere il file per essere condannati?

La Cassazione ha chiarito che, per essere condannati, non è sufficiente utilizzare un programma di file sharing, ma è indispensabile che vi sia:

  • la effettiva condivisione (del file scaricato) con soggetti terzi;
  • e la volontà specifica di condividerli (ovvero l’intento doloso).

 

 

Posso evitare la condanna?

Se hai commesso il reato di diffusione di un’opera altrui a mezzo internet, prima dell’inizio del processo (precisamente, prima dell’apertura del dibattimento), ovvero prima dell’emissione del decreto penale di condanna, puoi pagare una somma pari ad € 1.032,50 circa (cioè alla metà del massimo della pena stabilita per il reato commesso) oltre le spese del procedimento.

Il pagamento estingue (cioè cancella senza fare alcun processo) il reato [2].


In pratica

Non sarai punito per il semplice utilizzo di un programma di file sharing:

  • se non avevi la precisa volontà di divulgare i dati scaricati;
  • e se il pm non dimostra i contrario.

Ed, in ogni caso, potrai evitare la condanna pagando una somma di denaro prima dell’inizio del processo penale.

[1] Art. 171, comma 1, lettera a-bis)  Legge 633/1941 (introdotta dalla Legge 128 del 21.5.2004).

[2] Art. 171, comma 1 bis Legge 633/1941.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti