Se una casalinga si fa male a casa chi la risarcisce?
Lo sai che?
26 Ott 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Se una casalinga si fa male a casa chi la risarcisce?

Incidenti domestici: se una casalinga si fa male mentre fa le faccende domestiche, ha la possibilità di essere risarcita, anche se non ha un assicurazione privata?

 

Ogni casalinga è obbligata ad assicurarsi all’Inail. L’assicurazione, anche chiamata assicurazione per le casalinghe costa 12,91 euro l’anno; sono esenti dal pagamento solo coloro che presentano entrambi i seguenti requisiti:

  • un reddito proprio Irpef annuo non superiore a 4.648,11 euro;
  • appartenenza a un nucleo familiare il cui reddito complessivo non supera i 9.296,22 euro annui.

In questo caso, infatti il pagamento è a carico dello Stato e deve essere presentata un’autocertificazione utilizzando l’apposito modello reperibile presso le sedi Inail o i patronati.

 

 

Chi deve assicurarsi?

Sono obbligati a versare l’assicurazione Inail tutti coloro che:

  • hanno compiuto i 18 anni ma hanno meno di 65 anni;
  • lavorano in modo abituale ed esclusivo in casa per la cura dei componenti della famiglia;
  • non sono legati a un contratto di lavoro subordinato con un datore di lavoro, sia esso un’azienda o un privato (quindi non deve pagare la domestica che presta servizio presso un’altra abitazione);
  • non svolgono altra attività che comporti l’iscrizione presso forme obbligatorie di previdenza sociale.

 

Ovviamente l’assicurazione è dovuta indipendentemente dal sesso, quindi tanto da uomini quanto da donne. Ciò che conta è il rispetto dei predetti requisiti.

 

 

Per quali infortuni copre l’assicurazione?

L’assicurazione Inail copre solo per invalidità permanente superiori al 27%: un esempio è quello dell’amputazione di tutte le dita di una mano. Quindi chi si rompe, ad esempio, una gamba cadendo dalla scala e resta ingessata per un mese non viene risarcita.

 

L’invalidità viene certificata dalla Commissione medica Inail, per cui i certificati di medici privati non valgono a scalfire il parere di quest’ultima.

 

Se si superano i 65 anni, l’assicurazione non è più valida. Proprio quando, invece, solitamente aumentano i rischi di infortunio domestico.


Autore immagine: Pixabay, com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
 
 
Commenti