Come superare un colloquio di lavoro via Skype
Le Guide
1 Nov 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Come superare un colloquio di lavoro via Skype

Colloquio di lavoro a distanza: 10 consigli per affrontarlo in modo efficace e con successo.

 

Candidarsi per ottenere un posto di lavoro in un’altra città, sino a pochi anni fa, costituiva un problema a causa dei costi legati allo spostamento per sostenere il colloquio: ora, grazie a Skype e alla possibilità di video-collegarsi tramite web, puoi affrontare il colloquio a distanza, abbattendo tutti i limiti legati alla sede in cui selezionatori e candidati devono incontrarsi.

Sono sempre di più le società che utilizzano Skype per i colloqui di lavoro: nella società Viking, ad esempio (una nota azienda di forniture per l’ufficio che ha sede nel Regno Unito e opera in 13 Paesi europei), i colloqui via Skype hanno un’incidenza di quasi il 100% per il personale internazionale, visto che i candidati solitamente non si trovano in UK nelle fasi di selezione.

Per una buona riuscita del colloquio via Skype, però, non basta avere una connessione web, ma devono essere messi in atto diversi accorgimenti, di notevole importanza: vediamo, in questo breve decalogo, come portare avanti efficacemente il colloquio di lavoro a distanza.

 

 

Scegli un nickname formale

Ricordati che il nickname, che è anche il nome con cui il tuo selezionatore ti visualizzerà su Skype, è fondamentale come prima impressione. Se ti fai chiamare “trottolinoamoroso33” sarà difficile che il recruiter ti prenda sul serio (a meno che tu non cerchi un impiego presso un sito di incontri).

 

 

Attento alla connessione lenta

Un buon collegamento via Skype, che offra una qualità video e audio discreta, richiede una connessione veloce, possibilmente fissa (Adsl-fibra), anche se le nuove connessioni mobili 4G assicurano ugualmente un buon risultato. Ad ogni modo, se la tua connessione è lenta perché risiedi in una zona con una copertura insufficiente, valuta la possibilità di affrontare il colloquio in un altro posto, ad esempio in casa di un amico o di un parente. Se non riesci a collegarti con il tuo selezionatore, potresti precluderti da subito la possibilità di essere assunto.

 

 

Attento alla qualità audio e video

Verifica, prima del colloquio, la qualità delle immagini e dell’audio, magari facendo una prova con un amico. Non ti è certamente richiesta una videocamera ad altissima definizione, ma, se il tuo computer è datato, o non ha la webcam integrata, è consigliabile che tu ne acquisti una di qualità discreta (ormai sono in commercio webcam ad alta definizione con costi che si aggirano attorno ai 30 euro).

Per quanto riguarda l’audio, è sempre consigliabile utilizzare delle cuffie con microfono integrato, non solo se il microfono del tuo pc non è di buona qualità, ma anche per evitare il riverbero della voce del tuo interlocutore e per diminuire i rumori di sottofondo, che spesso creano disturbo.

 

 

Attento alle distrazioni

Per quanto riguarda le “distrazioni da evitare”, metti lo status di Skype del computer su occupato per evitare altre chiamate, metti “sotto silenzio” gli alert, chiudi i programmi che potrebbero deconcentrarti e silenzia telefono fisso e cellulare per non essere disturbato.

Se hai animali domestici, mandali in un’altra stanza; chiedi ai tuoi parenti o coinquilini di non entrare nel campo visivo e di non fare chiasso o rumori molesti, durante la conversazione.

 

 

Occhio allo sfondo

Il luogo in cui si svolgerà il colloquio a distanza ha un’importanza cruciale. Se non disponi di un vero e proprio studio, è meglio che utilizzi uno sfondo quanto più neutro e luminoso possibile: in mancanza d’altro, anche una parete bianca va bene; particolarmente apprezzate le librerie alle spalle, se non sono caotiche. A proposito di caos, devi fare estrema attenzione al disordine: evita di esporre un ambiente pieno di oggetti, togli dal campo visivo tutto quello che puoi.

Ricorda che una stanza disordinata, nel colloquio via Skype, è come un biglietto da visita sporco: lascia all’interlocutore una pessima immagine. Tanto più che il selezionatore sarà portato a pensare che tratterai la tua postazione di lavoro nello stesso modo in cui tratti la tua stanza.

 

 

Cura l’abbigliamento

Il “biglietto da visita”, nel colloquio a distanza, non lo fa soltanto l’ambiente in cui ti trovi, ma anche il tuo abbigliamento. È opportuno, dunque, che tu indossi qualcosa di formale, o almeno di neutro, a meno che il posto per cui ti candidi non abbia un particolare dress-code o che il contesto aziendale sia molto creativo o informale. A questo proposito, può essere di aiuto cercare su internet non soltanto il sito dell’azienda (con particolare riguardo alle pagine “chi siamo, che cosa facciamo, la nostra mission”), ma anche i profili ufficiali (ad esempio Linkedin) di chi lavora già per l’azienda e “copiarne” lo stile.

Anche se la telecamera fa da filtro, ricorda di non esagerare con il trucco e gli accessori e di curare la pettinatura, almeno quel tanto che basta per non sembrare trasandati.

 

 

Evita l’abbigliamento a metà

Andresti a un colloquio di lavoro in giacca e cravatta, ma con i pantaloni del pigiama e le pantofole? Sicuramente no. È bene che tu eviti l’abbigliamento “dimezzato”, anche se ti trovi a casa: ricordati che potrebbe capitarti di doverti alzare o spostarti per un qualsiasi imprevisto. La figuraccia sarebbe garantita.

 

 

Massima puntualità

Arrivare in ritardo a un colloquio di lavoro, nel 90% dei casi, determina lo scarto del candidato. Lo stesso vale per il colloquio via Skype. Un appuntamento si deve sempre rispettare con la massima puntualità, che si tratti di un incontro dal vivo, di una telefonata o di una videochiamata.

 

 

Guarda “negli occhi” l’interlocutore

Una volta che il selezionatore ti compare davanti, non cadere nel “tranello dello specchio” o nel “tranello dello schermo”. Guarda sempre la videocamera, come se si trattasse degli occhi del tuo interlocutore; non guardare i “veri” occhi del selezionatore, cioè la sua faccia che compare nello schermo, perché, se osservi la sua immagine e non la telecamera, sembrerà che tu non lo stia guardando in faccia. Evita assolutamente di guardare la tua immagine nello schermo, come se fosse uno specchio, aggiustandoti i capelli e utilizzando una mimica facciale “da selfie” (che purtroppo in queste occasioni “viene spontanea”): l’interlocutore se ne accorgerà subito!

 

 

Concentrati sulla presentazione

Nel colloquio via Skype devi comportarti esattamente come ti comporteresti in un colloquio dal vivo. Presta dunque attenzione al tuo interlocutore, preparati una piccola presentazione e rispondi a tutte le domande che ti sono fatte in modo calmo e tranquillo, senza parlare con tono di voce troppo forte o alto.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti