Conviene pagare subito una multa per divieto di sosta?
Lo sai che?
3 Nov 2016
 
L'autore
Carlos Arija Garcia
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Conviene pagare subito una multa per divieto di sosta?

Pagare il preavviso di accertamento entro 5 giorni per avere lo sconto del 30% implica non poter più fare ricorso. Si può con il verbale notificato.

 

Sono i due foglietti più odiati dagli automobilisti: il preavviso di accertamento di una multa per divieto di sosta ed il bollettino postale per effettuare il pagamento. Quando entrambi vengono trovati sul parabrezza dell’auto, si capisce che il pasticcio è fatto e che tocca mettere mano al portafoglio. Nella maggior parte dei casi si sa di essere in torto, si sperava che il vigile avesse altro da fare in quel momento e da qualche altra parte della città, tanto “era solo un attimo”. Invece, eccoli lì, i due foglietti. Non resta che andare a pagare la multa per divieto di sosta. Il più presto possibile, entro 5 giorni. Così si potrà avere lo sconto del 30% previsto dalla legge. Ma conviene pagare subito? Sempre? O forse la fretta per usufruire dello sconto può portare a commettere qualche errore?

 

 

Multe: che cos’è il preavviso di accertamento

Uno di quei due antipatici fogliettini che si trovano sul parabrezza in caso di multa per divieto di sosta è il preavviso di accertamento. Non bisogna confonderlo con il verbale vero e proprio di una multa: in realtà, è, appunto, soltanto un preavviso del fatto che l’auto è stata parcheggiata dove non si doveva e che, per questo, è prevista una multa. Per questo motivo, quel semplice pezzo di carta, quel fogliettino, non è contestabile, in quanto non si tratta di un verbale.

Perché, allora, è accompagnato dal bollettino postale? Per il semplice motivo che, siccome la legge prevede lo sconto del 30% se si paga la multa per divieto di sosta entro 5 giorni dall’avvenuta notifica, la stragrande maggioranza degli automobilisti si precipitano all’ufficio postale per provvedere al pagamento. In questo modo il Comune ottiene un doppio vantaggio: si assicura del fatto che la multa venga pagata e risparmia sulle spese di notifica del verbale vero e proprio.

Ma all’automobilista conviene pagare subito la multa per divieto di sosta? Dipende. Sicuramente avrà il vantaggio di pagare il 30% in meno. Ma avrà sprecato un’occasione che, in certi casi, potrebbe rivelarsi utile: quella di attendere l’arrivo del verbale a casa (pur dovendo pagare le spese di notifica, che si aggirano attorno ai 15 euro a seconda dei Comuni) e di valutare la possibilità di fare ricorso. In questi casi, insomma, precipitarsi per la paura di incorrere in sanzioni maggiori equivale ad ammettere di avere torto in partenza. Anche quando non è così.

Bisogna ricordare, inoltre, che anche sul verbale c’è la possibilità di usufruire del 30% di sconto sul valore della multa per divieto di sosta (sempre entro 5 giorni dalla notifica), anche se a quel valore vanno aggiunte le spese di notifica. Proviamo a fare due conti.

  • Una multa di 60 euro pagata subito con il solo preavviso di accertamento diventa:

60 euro di multa

– 18 euro (il 30%) = 52 euro

+ 1,50 euro di bollettino postale = 53,50 euro.

  • Una multa di 60 euro pagata dopo l’arrivo a casa del verbale notificato diventa:

60 euro di multa

– 18 euro (il 30%) = 52 euro

+ 15 euro (il costo medio delle spese di notifica) = 67 euro

+ 1,50 euro di bollettino postale = 68,50 euro

Farsi notificare il verbale a casa e non accontentarsi del preavviso di accertamento comporta, però, la possibilità di fare ricorso. Perché, come detto, il preavviso non è contestabile, non essendo un atto previsto dalla legge.

 

 

Multa per divieto di sosta: da quando decorrono i 5 giorni

Nel calcolo dei 5 giorni a disposizione per pagare una multa per divieto di sosta con lo sconto del 30% non si devono contare il giorno della contestazione e quelli festivi. Inoltre, se il termine cade in festività, l’ultimo giorno utile per pagare con lo sconto slitta a quello feriale successivo (se è una domenica va a lunedì, se è Ferragosto va al 16, a meno che il 16 non sia domenica: in questo caso andrebbe al 17). La regola vale sia quando c’è stata la contestazione immediata della multa sia quando il verbale è stato notificato a casa.

 

 

Che cosa succede se non pago la multa entro 5 giorni

E se ci si dimentica o non si vuole pagare una multa per divieto di sosta entro i 5 giorni che cosa succede? In quel caso scattano altri 60 giorni dalla notifica del verbale per il versamento senza lo sconto del 30%. Dopodiché, se la multa non è stata pagata, sarà inevitabile l’emissione della cartella esattoriale.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti