HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 3 novembre 2016

Lo sai che? Conviene pagare subito una multa per divieto di sosta?

> Lo sai che? Pubblicato il 3 novembre 2016

Pagare il preavviso di accertamento entro 5 giorni per avere lo sconto del 30% implica non poter più fare ricorso. Si può con il verbale notificato.

Sono i due foglietti più odiati dagli automobilisti: il preavviso di accertamento di una multa per divieto di sosta ed il bollettino postale per effettuare il pagamento. Quando entrambi vengono trovati sul parabrezza dell’auto, si capisce che il pasticcio è fatto e che tocca mettere mano al portafoglio. Nella maggior parte dei casi si sa di essere in torto, si sperava che il vigile avesse altro da fare in quel momento e da qualche altra parte della città, tanto “era solo un attimo”. Invece, eccoli lì, i due foglietti. Non resta che andare a pagare la multa per divieto di sosta. Il più presto possibile, entro 5 giorni. Così si potrà avere lo sconto del 30% previsto dalla legge. Ma conviene pagare subito? Sempre? O forse la fretta per usufruire dello sconto può portare a commettere qualche errore?

Multe: che cos’è il preavviso di accertamento

Uno di quei due antipatici fogliettini che si trovano sul parabrezza in caso di multa per divieto di sosta è il preavviso di accertamento. Non bisogna confonderlo con il verbale vero e proprio di una multa: in realtà, è, appunto, soltanto un preavviso del fatto che l’auto è stata parcheggiata dove non si doveva e che, per questo, è prevista una multa. Per questo motivo, quel semplice pezzo di carta, quel fogliettino, non è contestabile, in quanto non si tratta di un verbale.

Perché, allora, è accompagnato dal bollettino postale? Per il semplice motivo che, siccome la legge prevede lo sconto del 30% se si paga la multa per divieto di sosta entro 5 giorni dall’avvenuta notifica, la stragrande maggioranza degli automobilisti si precipitano all’ufficio postale per provvedere al pagamento. In questo modo il Comune ottiene un doppio vantaggio: si assicura del fatto che la multa venga pagata e risparmia sulle spese di notifica del verbale vero e proprio.

Ma all’automobilista conviene pagare subito la multa per divieto di sosta? Dipende. Sicuramente avrà il vantaggio di pagare il 30% in meno. Ma avrà sprecato un’occasione che, in certi casi, potrebbe rivelarsi utile: quella di attendere l’arrivo del verbale a casa (pur dovendo pagare le spese di notifica, che si aggirano attorno ai 15 euro a seconda dei Comuni) e di valutare la possibilità di fare ricorso. In questi casi, insomma, precipitarsi per la paura di incorrere in sanzioni maggiori equivale ad ammettere di avere torto in partenza. Anche quando non è così.

Bisogna ricordare, inoltre, che anche sul verbale c’è la possibilità di usufruire del 30% di sconto sul valore della multa per divieto di sosta (sempre entro 5 giorni dalla notifica), anche se a quel valore vanno aggiunte le spese di notifica. Proviamo a fare due conti.

  • Una multa di 60 euro pagata subito con il solo preavviso di accertamento diventa:

60 euro di multa

– 18 euro (il 30%) = 52 euro

+ 1,50 euro di bollettino postale = 53,50 euro.

  • Una multa di 60 euro pagata dopo l’arrivo a casa del verbale notificato diventa:

60 euro di multa

– 18 euro (il 30%) = 52 euro

+ 15 euro (il costo medio delle spese di notifica) = 67 euro

+ 1,50 euro di bollettino postale = 68,50 euro

Farsi notificare il verbale a casa e non accontentarsi del preavviso di accertamento comporta, però, la possibilità di fare ricorso. Perché, come detto, il preavviso non è contestabile, non essendo un atto previsto dalla legge.

Multa per divieto di sosta: da quando decorrono i 5 giorni

Nel calcolo dei 5 giorni a disposizione per pagare una multa per divieto di sosta con lo sconto del 30% non si devono contare il giorno della contestazione e quelli festivi. Inoltre, se il termine cade in festività, l’ultimo giorno utile per pagare con lo sconto slitta a quello feriale successivo (se è una domenica va a lunedì, se è Ferragosto va al 16, a meno che il 16 non sia domenica: in questo caso andrebbe al 17). La regola vale sia quando c’è stata la contestazione immediata della multa sia quando il verbale è stato notificato a casa.

Che cosa succede se non pago la multa entro 5 giorni

E se ci si dimentica o non si vuole pagare una multa per divieto di sosta entro i 5 giorni che cosa succede? In quel caso scattano altri 60 giorni dalla notifica del verbale per il versamento senza lo sconto del 30%. Dopodiché, se la multa non è stata pagata, sarà inevitabile l’emissione della cartella esattoriale.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK