Bolletta del gas: esiste un contratto flat?
Lo sai che?
9 Nov 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Bolletta del gas: esiste un contratto flat?

Esiste qualche contratto con una società del gas che preveda una tariffazione fissa, a prescindere dal consumo che fa l’utente?

 

Al momento non esistono contratti del gas non vincolati al consumo effettivo e, quindi, con pagamento à forfait. Il costo della fornitura del gas, quindi, non può essere concordato preventivamente al momento dell’attivazione della fornitura, ma dipende da quanta energia l’utente effettivamente consuma.

 

Il prezzo della bolletta del gas è determinato dall’Aeeg ed è formato da 4 componenti principali riportati nella tabella seguente.

 

  • Prezzo dell’energia: viene determinato ogni 3 mesi dall’Aeeg tenendo conto principalmente delle quotazioni internazionali degli idrocarburi [1];
  • Servizi di rete: sono stabiliti dall’Aeeg con criteri uniformi per tutto il territorio nazionale;
  • Oneri generali di sistema: si tratta di costi individuati per legge a sostegno di interventi d’interesse generale;
  • Imposte: imposta erariale di consumo, addizionale erariale e Iva;
  • Quota fissa: è il corrispettivo fisso annuo dovuto indipendentemente dal consumo di energia.

 

 

Cos’è la tariffa bioraria

È comunque possibile concordare particolari forme di tariffazione come nel caso della cosiddetta tariffa bioraria. In particolare, dal 1° luglio 2010 è progressivamente applicata a tutti gli utenti della fornitura di maggior tutela dotati di contatore elettronico teleletto, telegestito e abilitato alla registrazione dei consumi per fasce orarie, la tariffa bioraria che comporta che il prezzo dell’energia sia più basso dalle 19:00 alle 8:00 dei giorni feriali, il sabato, la domenica e negli altri giorni festivi (fasce F2 e F3) e più alto dalle 8:00 alle 19:00 dei giorni feriali (fascia F1).


[1] Le eventuali variazioni tariffarie devono essere applicate su base giornaliera e limitatamente ai consumi attribuiti al periodo successivo alla data della loro entrata in vigore, anche quando si tratta di consumi stimati.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti