Auto senza assicurazione, che fare?
Lo sai che?
9 Nov 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Auto senza assicurazione, che fare?

Se l’assicurazione è scaduta l’auto non può restare parcheggiata sulla strada o in altro luogo aperto al pubblico, ma solo in garage o nel giardino del condominio.

 

Se siamo proprietari di un’auto – anche ereditata per una semplice quota – la cui assicurazione è scaduta non possiamo lasciarla parcheggiata su una strada o in un altro posto aperto al pubblico. Diversamente siamo passibili di una multa severa che dovremo pagare a prescindere dal fatto che non abbiamo utilizzato l’auto e che la stessa è rimasta ferma per molto tempo senza essere mai stata messa in circolazione. Per evitare le sanzioni dovremo chiudere la macchina in garage o in un altro luogo o area non accessibile al pubblico come, ad esempio, il cortile del condominio o un garage privato.

Per comprendere quanto appena detto facciamo qualche esempio.

 

Immaginiamo di aver perso un nostro caro: il parente defunto ci ha lasciato, tra i vari beni ricompresi nell’eredità, anche un’auto che è rimasta parcheggiata sotto casa. D’accordo con gli altri eredi decidiamo di lasciarla là dov’è in attesa di finire le pratiche della successione, cosa che richiede diversi mesi. Ma, nel frattempo, ci arriva una multa perché l’assicurazione è scaduta e non l’abbiamo rinnovata. Protestiamo coi vigili perché la macchina non è mai stata usata, ma non otteniamo risposte. Chi ha ragione? I vigili che si sono limitati a verificare la mancata copertura assicurativa o noi che, non avendo mai usato l’auto, peraltro parcheggiata a bordo strada senza creare intralcio al traffico, pensavamo di stare tranquilli?

 

Prima di dare la soluzione, facciamo un altro esempio. Immaginiamo di essere proprietari di un’auto ma di non avere i soldi per rinnovare l’assicurazione. Decidiamo così, in attesa di regolarizzare l’obbligo di legge, di andare coi mezzi pubblici e, nel frattempo, parcheggiamo momentaneamente la macchina in un’area di servizio con l’assenso del proprietario di quell’area che è un nostro amico. Lo stesso discorso può farsi in un parcheggio di un supermercato. Anche in questo caso arrivano i vigili urbani a farci la contravvenzione e a rimuovere l’auto, perché – appunto – senza “tagliando” e sprovvista della cosiddetta rc auto, ossia la polizza sulla responsabilità civile automobilistica (ricordiamo peraltro che, da pochi mesi, il famoso tagliando non deve più essere esposto sul parabrezza dell’auto: i vigili posseggono un collegamento a un sistema centrale che verifica le coperture assicurative in tempo reale). Possiamo appellarci al fatto che, avendo lasciato l’auto un’area privata, e non sulla pubblica via, non siamo tenuti a regolarizzare l’assicurazione?

 

 

Auto parcheggiata senza assicurazione: quali conseguenze?

Ebbene, in tutti questi casi, l’automobilista ha sempre torto. Difatti, secondo il codice della strada, un’autovettura, sprovvista di assicurazione, è soggetta alla sanzione amministrativa e al sequestro, sia nel caso in cui si trovi su strada pubblica, sia nel caso venga lasciata in sosta su area privata, ma aperta alla circolazione pubblica. E ciò vale anche se l’auto medesima è ferma e non circola.

 

Quindi, nel caso dell’auto ereditata e lasciata sotto casa del parente deceduto o nell’altro caso della macchina parcheggiata nell’area di servizio – in quanto considerata luogo aperto al pubblico – i vigili hanno ragione e noi dobbiamo pagare la sanzione.

 

Viceversa, se l’area privata fosse stata chiusa al pubblico o avessimo tenuto l’auto in garage non saremmo stati punibili.

 

 

Quali sanzioni per l’auto senza assicurazione?

Le sanzioni per chi circola con auto senza assicurazione sono una multa da 841 a 3.366 euro, nonché il sequestro del veicolo.

Per ottenere di nuovo l’auto non basta però pagare la multa, ma è necessario provvedere a riattivare una copertura rc auto per almeno sei mesi. Lo ha deciso il Ministero degli interni con una circolare dello scorso 5 maggio.

 

Il proprietario è inoltre tenuto a pagare, oltre alla multa, anche tutte le spese di custodia.

 

La sanzione può scendere almeno di un quarto in due casi:

  • se la copertura assicurativa è riattivata entro 30 giorni dalla scadenza
  • oppure se entro 30 giorni dalla scadenza della contestazione il proprietario decide di rottamare il veicolo.

Autore immagine: Laleggepertutti.it/Palumbo

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti
9 Nov 2016 Fabrizio

Personalmente utilizzo un’applicazione per iPhone per il controllo dei veicoli rubati e non assicurati. L’applicazione si chiama Altolà ed è gratuita. Inserendo la targa del veicolo, ti permette di controllare lo stato della polizza e se sono presenti o meno denunce di furto. Volendo puoi anche visualizzare tutti i dettagli del veicolo e, mediante una mappa interattiva, lo stato delle segnalazioni della tua zona

 
10 Nov 2016 pietro la marca

I 15 giorni di proroga valgono anche ai fini FI polizia? L assicuratore afferma di si,esiste la legge e vero?