Concorso magistratura 2017: finalmente il bando in gazzetta
Bandi-Concorsi
16 Nov 2016
 
L'autore
Elisa Tiberi
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Concorso magistratura 2017: finalmente il bando in gazzetta

Pubblicato il bando per il concorso di magistratura ordinaria: requisiti e scadenza.

 

Finalmente è uscito l’attesissimo bando del concorso per magistratura ordinaria. Il bando, pubblicato nella gazzetta ufficiale n. 90 del 15 novembre 2016, mette a concorso ben 360 posti. Si pone così in linea con i posti già messi a concorso nelle scorse edizioni, con cadenza ormai fortunatamente annuale. Prosegue pertanto il percorso di assunzioni messo in atto dal Ministero della giustizia.

Il termine per la presentazione della domanda è il 15 dicembre 2016.

 

La procedura di compilazione ed invio della domanda di partecipazione è ormai esclusivamente telematica. Si tratta di una procedura interamente guidata cui è possibile registrarsi ed accedere tramite autenticazione delle proprie credenziali inserendo codice fiscale, posta elettronica nominativa e password. Chi abbia già partecipato al concorso precedente potrà accedere direttamente alla procedura, senza bisogno di nuova registrazione.

 

Le domande scritte e trasmesse in modalità differenti da quella prevista nel bando non saranno considerate ricevibili.

 

Nota bene: la partecipazione è soggetta al contributo per diritti di segreteria pari ad € 50,00.

 

Per essere ammesso al concorso è necessario:

  • essere cittadini italiani,
  • avere l’esercizio dei diritti civili,
  • essere di condotta incensurabile,
  • essere fisicamente idoneo all’impiego,
  • non essere stato dichiarato per tre volte non idoneo al concorso,
  • rientrare in una delle categorie previste dal bando, tra cui: magistrati amministrativi e contabili, procuratori dello Stato, professori universitari in materie giuridiche, abilitati all’esercizio della professione forense e avvocati, specializzati presso le scuole di specializzazioni per le professioni legali, dottorati in materie giuridiche, laureati in giurisprudenza che abbiano concluso positivamente lo stage presso gli uffici giudiziari o svolto il tirocinio presso l’Avvocatura dello Stato.

 

Come noto, si tratta di un concorso ormai di secondo livello e particolarmente complesso. L’esame infatti consiste in una prova scritta ed una prova orale. Le date delle prove scritte saranno rese note il 7 aprile 2017.

 

In dettaglio, la prova scritta consiste nello svolgimento di tre temi su diritto civile, penale ed amministrativo. La prova orale ha ad oggetto 17 materie oltre il colloquio su una lingua straniera a scelta tra spagnolo, tedesco, inglese e francese.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti