HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 21 novembre 2016

Articolo di

Lo sai che? Come calcolare il valore del tuo oro

> Lo sai che? Pubblicato il 21 novembre 2016

Cresce il numero di coloro che vendono il proprio oro usato. Prima, però, è sempre meglio sapere quanto vale davvero. Vediamo come calcolare il valore dell’oro.

 

 

Oro: come calcolarne il valore?

Hai dell’oro e vuoi venderlo ma non riesci a stabilire una cifra? I compro oro sono sempre di più, spuntano quasi come funghi negli angoli più impensabili delle nostre città ma, sul loro conto, se ne sentono davvero tante e la fiducia scarseggia. Certo è che, primi di portare i nostri preziosi da un commerciante d’oro, sarebbe utile sapere esattamente il loro valore, in modo da avere la certezza di ricevere una somma adeguata. E, allora, vediamo di capire come stimarne il valore da soli, senza particolari difficoltà. A tal fine, esistono possiamo usare metodi diversi, come:

  1. calcolare il numero dei carati;
  2. calcolare la quantità dell’oro in grammi;
  3. informarsi sul valore attuale dell’oro.

Oro: quanti carati vale?

Il primo metodo che si può utilizzare consiste nello stabilire, con l’aiuto di una lente di ingrandimento, il numero dei carati di ogni pezzo, cercando di trovare il cosiddetto timbro, un numero inciso sul nostro gioiello circondato da un rombo che indica la quantità di oro presente nell’oggetto; l’unità di misura viene espressa in carati o in finezza. In questo modo, non solo si stimerà il valore dei nostri preziosi ma potremo anche scoprire se essi sono veramente autentici o meno. È chiaro che, se le cifre sono illeggibili, è consigliabile far testare l’oro da un orafo di fiducia che, attraverso un test chimico specifico, sarà in grado di dirci se si tratta di oggetti in oro, come pensavamo, o di oggetti placcati in oro.

Un altro dato da sottolineare, soprattutto per chi non ha conoscenze particolari del settore, è che molti dei gioielli in oro prodotti prima del 1980 sono leggermente al di sotto del loro valore di carati riportato. Ad esempio, i gioielli marcati 18 carati sono in effetti tra i 17 e i 17,5 carati.

Se si hanno dubbi su degli oggetti, lo strumento più adeguato per toglierli è il test acido, acquistando – online o nei negozi di articoli per gioiellieri (costano pochi euro) una pietra particolare che si compone di materiali diversi simili alla selce, tra cui la novaculite, e l’acido nitrico che serve proprio a testare l’oro a 10, 14, 18 e 22 carati. Il kit potrà contenere anche un bilancino. Si procede nel seguente modo: poniamo di avere dell’oro a 14 carati. Bisogna strofinare l’oggetto sulla pietra e versare una goccia di acido 14 carati sul segno che la pietra avrà lasciato. Se l’oggetto testato è effettivamente a 14 carati, resisterà all’acido e non cambierà. Al contrario, l’acido versato diventerà marrone. Se scompare del tutto, non si tratta di oro. Quindi, il consiglio è quello di provare tutti gli acidi e regolarsi a seconda del cambiamento di colore: in pratica, se l’acido 18 carati non ha effetto, ma l’acido a 22 carati diventa marrone, allora considera l’oro a 18 carati. Se l’acido a 14 carati non ha effetto, ma l’acido a 18 carati diventa marrone, considera l’oro a 14 carati, e così via.

Altro strumento utile per capire quanti carati vale l’oro è il test skey: occorre acquistare un tester per l’oro o una penna di verifica. Con meno di 50 euro, si potranno eseguire 1000 test, un’alternativa sicura al test dell’acido, preciso anche su metalli come l’oro bianco. Come fare? Sui gioielli sospetti, bisogna tracciare lentamente una linea di mezzo centimetro, ripassandola quattro volte senza rimuovere la punta della penna dal metallo. A questo punto, con la penna usata, bisogna tracciare immediatamente una linea su un foglio bianco e vedere di che colore diventa:

  • se l’oro è sotto i 10 carati, la linea sarà marrone chiara e diventerà verde nel giro di pochi secondi;
  • se l’oro è 10 carati, la linea sarà marrone chiara;
  • se l’oro è 14 carati, la linea sarà marrone scura;
  • se l’oro è 18 carati, la linea sarà arancione;
  • se l’oro è 22 carati, la linea sarà gialla;
  • se l’oro è 24 carati, la linea sarà rossa;
  • se non compare alcuna linea (nel senso che la penna non scrive), non si tratta di oro.

Oro: come regolarsi con le monete?

Se si hanno monete d’oro, il consiglio è quello di tenerle separate dal resto degli oggetti in oro e farle valutare da un esperto. Potrebbero, infatti, avere un valore numismatico superiore a quello del metallo, a seconda dell’antichità, della rarità e delle condizioni generali della moneta. Una valida alternativa, ma solo per chi ha esperienza nell’e-commerce, potrebbe essere quella di vendere le monete in rete. Ma, in tal caso, serve un certificato di autenticità per convincere i compratori a pagare la cifra giusta. Si tratta, infatti, di un settore in cui l’affare potrebbe raggiungere cifre molto alte data la presenza di numerosi collezionisti disposti a pagare cifre considerevoli in presenza di oggetti autentici.

Oro: come determinarne il peso in grammi?

Il secondo metodo consiste nello stabilire il peso dell’oro in grammi. A tal fine, è necessario procurarsi una bilancia. Il numero che si otterrà non rappresenterà necessariamente la cifra che ti sarà offerta, ma è un valore di riferimento per iniziare le negoziazioni.

Attenzione alla bilancia: non si tratta di quelle normali che abbiamo in casa per pesare gli alimenti. Sono bilancini specifici che vanno acquistati, per meno di 50 euro, da un gioielliere. Gli oggetti vanno pesati in gruppi, divisi per carati, posizionandoli sulla bilancia e lasciando che si stabilizzino prima di registrare la misura.

Oro: come determinarne il valore attuale?

A questo punto, possiamo calcolare il valore del nostro oro, per fare questo basterà documentarci anche su internet o su un qualsiasi quotidiano. Si può trovare fin da subito il prezzo al grammo oppure, se lo troviamo al kilo, bisognerà dividere il valore per 1000. È sempre meglio dividere gli oggetti in gruppi e dividere i carati di ciascun gruppo per 24; a questo punto, possiamo moltiplicare il risultato per i grammi di ciascun gruppo.  Per esempio, se ho 10 grammi di oro usato 18 carati e il prezzo dell’oro 18 carati è pari a 20 euro al grammo, dovrai guadagnare 200 euro.

Oro: cosa accade in un compro-oro?

Sempre più persone decidono di vendere vecchi gioielli in oro usato, piuttosto che tenerli chiusi in un cassetto perché ormai fuori moda. I compro oro pagano al momento in contanti, trasformando in pochi minuti vecchie catenine, bracciali in oro, anelli, orecchini in nuovi investimenti. Tuttavia, bisogna fare molta attenzione alle truffe: e il modo migliore è quello di recarsi in negozio informati e consapevoli del valore effettivo del nostro oro, seguendo le indicazioni che abbiamo appena dato. È, poi, necessario ricordare che l’oro usato viene pagato il 75% in meno rispetto all’oro nuovo: si capisce che è altamente sconsigliabile andare a comprare un anello in oro al prezzo di 100 euro e poi correre a rivenderlo, poiché si avrebbe un’amara sorpresa scoprendo che la cifra ottenuta dalla vendita si aggirerebbe intorno ai 25 euro (con una perdita di 75 euro).Una volta entrati nel negozio, la persona incaricata dovrà valutare il nostro oro: per prima cosa lo guarderà e, per capire se si tratta di oro vero e per calcolare i carati, farà degli esami con il metodo degli acidi di cui abbiamo parlato. Ci verrà richiesto un documento di identità ed il codice fiscale. Per concludere la vendita, inoltre, sarà compilato un apposito modulo con la descrizione degli oggetti. Si tratta di adempimenti necessari per consentire alle forze dell’ordine di eseguire eventuali controlli. L’oro venduto viene conservato 10 giorni dal negozio che l’ha acquistato prima di essere destinato alla distruzione, sempre per consentire le verifiche sulla sua origine.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK