Per la separazione in Comune posso delegare qualcuno?
Lo sai che?
28 Nov 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Per la separazione in Comune posso delegare qualcuno?

Chi intende separarsi in Comune, a differenza di quanto avviene in tribunale, non può affidare una delega a un soggetto che lo rappresenti, consentendogli di non presentarsi.

 

Chi intende separarsi in Comune deve per forza andare di persona e incontrarsi, faccia a faccia, con il suo ex coniuge: marito o moglie che sia, infatti, non può delegare un soggetto terzo a rappresentarlo davanti all’ufficiale di Stato civile. È quanto ha chiarito il Ministero degli Interni in una recente circolare [1]. Ma procediamo con ordine.

 

Le procedure di separazione e divorzio sono state di recente profondamente modificate: la legge [2] ora consente – in alternativa alla separazione e al divorzio consensuale pronunciato dal Presidente del Tribunale – di sciogliere l’unione e il matrimonio anche in Comune. Le parti si presentano davanti al Sindaco o, su sua delega, davanti all’ufficiale di Stato civile. Questi sente una prima volta le parti e raccoglie le loro volontà; poi dà loro un secondo appuntamento dopo non meno di 30 giorni, in modo da consentire una più attenta e ponderata meditazione. All’esito del secondo incontro viene pronunciata la separazione o il divorzio. Il tutto senza avvocati e senza costi (salvo 16 euro di diritti). Per maggiori informazioni su come si procede leggi la nostra scheda: Separazione e divorzio in Comune: come si fa.

 

Condizioni per potersi separare o divorziare in Comune sono le seguenti:

  • si deve trattare di una separazione o di un divorzio consensuale: marito e moglie, cioè, devono aver trovato un’intesa su ogni aspetto economico e personale della separazione. La procedura davanti all’ufficiale di Stato civile è infatti alternativa solo alla separazione consensuale giudiziale o al divorzio consensuale giudiziale (procedure che si esauriscono, di norma, in una sola udienza davanti al Presidente del tribunale);
  • la coppia non deve avere figli minori o maggiorenni non autosufficienti o portatori di handicap. Se i figli della coppia hanno già una loro autonomia economica, i genitori possono optare per la separazione o il divorzio in Comune;
  • negli accordi non devono essere previsti trasferimenti di patrimoni: così, ad esempio, l’intestazione di una casa o anche la divisione dell’arredo. Non si considera «trasferimento di patrimonio» la previsione del pagamento dell’assegno di mantenimento [3]: per cui la coppia che abbia stabilito una somma periodica da corrispondersi a titolo di mantenimento può ugualmente separarsi o divorziare in Comune.

 

Se mancano la seconda e/o la terza delle condizioni appena viste, la coppia può optare – in alternativa al Tribunale – di separarsi con un accordo redatto dai rispettivi avvocati: la cosiddetta negoziazione assistita (leggi la nostra guida sulla Negoziazione assistita per le separazioni e i divorzi).

 

 

Ci si può separare o divorziare su delega?

Non resta che da trattare l’ultimo importante aspetto: quello della presenza personale dei coniugi davanti al Sindaco o all’Ufficiale di Stato civile. Secondo il Ministero, come abbiamo detto in apertura, non è possibile separarsi o divorziare su delega, ossia incaricando una persona di propria fiducia di presentarsi – anche se munita di procura notarile – davanti al Comune per firmare l’atto di scioglimento del matrimonio. È necessaria, invece, la presenza personale sia del marito che della moglie.

Solo in materia di divorzio la legge [4] consente tale modalità di comparizione dinanzi al Presidente del tribunale: in particolare, solo se ricorrono «gravi e comprovati motivi» è possibile farsi rappresentare da un proprio delegato. Il giudice è tenuto a controllare la sussistenza dei «gravi» impedimenti.

 

Al contrario, nel caso di procedimento davanti all’ufficiale dello Stato civile è richiesta chiaramente la comparizione personale delle parti, al precipuo scopo che siano garantite la genuinità e l’attualità delle loro dichiarazioni.


[1] Min. Interno, circolare n. 19/2016.

[2] Art. 12 Dl n. 132/2014, convertito dalla legge 162/2014.

[3] Così deciso, di recente, dal Cons. St. sent. n. 4478/2016.

[4] L. n. 898/1970.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti