Terreni agricoli e aree fabbricabili: chi non paga Imu e Tasi
Lo sai che?
30 Nov 2016
 
L'autore
Maria Monteleone
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Terreni agricoli e aree fabbricabili: chi non paga Imu e Tasi

Esenzioni Imu e Tasi 2016 terreni agricoli e aree edificabili: requisiti.

 

Il 16 dicembre scade il termine per il saldo Imu e Tasi 2016. Vediamo le regole particolari previste per i terreni agricoli.

 

La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto l’esenzione Imu per i terreni agricoli:

  • posseduti e condotti da coltivatore diretto o IAP (imprenditore agricolo professionale), ovunque ubicati: in caso di comproprietà, è sufficiente, ai fini dell’esenzione, che anche uno solo dei comproprietari sia coltivatore diretto/IAP e contestualmente conduca il fondo. Se, invece, il terreno è detenuto e condotto in affitto da un coltivatore diretto o IAP, il proprietario deve pagare l’Imu, a meno che non vi siano gli altri casi di esenzione (che seguono);
  • da chiunque posseduti, purché ubicati nei comuni delle isole minori;
  • a immutabile destinazione agro-silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile;
  •  da chiunque posseduti purché ricadenti in uno dei comuni di cui all’elenco della circolare del Ministero delle Finanze n. 9 del 14 giugno 1993.

 

In ogni caso, non è dovuta la Tasi per i terreni agricoli.

 

 

Aree fabbricabili

Per le aree fabbricabili sono dovute, invece, sia Imu che Tasi.

 

La legge intende per area fabbricabile l’area utilizzabile a scopo edificatorio in base agli strumenti urbanistici generali o attuativi o in base alle possibilità effettive di edificazione determinate secondo i criteri previsti agli effetti dell’indennità di espropriazione per pubblica utilità.

 

Sono considerati, tuttavia, non fabbricabili i terreni posseduti e condotti dai coltivatori diretti o imprenditori agricoli, sui quali persiste l’utilizzazione agro-silvo-pastorale mediante l’esercizio di attività dirette alla coltivazione del fondo, alla silvicoltura, alla funghicoltura ed all’allevamento di animali. Tali aree, seppur potenzialmente fabbricabili, sono considerate come terreni agricoli e quindi esenti da Imu e Tasi per il 2016.

 

La differenza tra terreno agricolo e area fabbricabile è rilevante anche ai fini del calcolo della base imponibile Imu che:

  • per il terreno agricolo è data dal reddito dominicale (valore catastale) rivalutato del 25% e moltiplicato per 135.
  • per l’area fabbricabile, invece, è data dal valore venale in comune commercio del terreno alla data del 1° gennaio.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti