I figli devono aiutare i genitori anziani e malati
Lo sai che?
1 Dic 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

I figli devono aiutare i genitori anziani e malati

In caso di handicap grave, invalidità fisica o malattia mentale, il figlio che lasci il padre o la madre da solo senza poter badare a sé stesso commette reato.

 

Il figlio che volontariamente non presta assistenza e non aiuta il genitore malato o disabile, commette reato. A dirlo è una recente sentenza del tribunale di Firenze [1].

Secondo la sentenza, i figli non possono sottrarsi all’obbligo di curare e assistere il genitore in difficoltà: se lo fanno volontariamente, pur sapendo che il padre o la madre, ormai anziano, non può provvedere a se stesso, commettono il reato di abbandono di persone incapaci.

 

 

Il reato per chi abbandona i genitori malati

In particolare la legge sanziona chiunque abbandona una persona minore di 14 anni o una persona incapace, per malattia di mente o di corpo, per vecchiaia, o per altra causa, di provvedere a se stessa, e della quale abbia la custodia o debba avere la cura. La pena è la reclusione da sei mesi a cinque anni.

Se nel caso dei minorenni lo stato di incapacità si presume sempre e non va provata, negli anziani invece vale la regola inversa: quindi solo se la pubblica accusa riesce a dimostrare che vi sia stata una condizione di incapacità effettiva, che abbia – anche solo potenzialmente – esposto l’anziano a un rischio per la propria sicurezza, allora si può avere il reato. Il che equivale a dire che il comportamento del figlio indifferente va valutato in relazione alle capacità del genitore, alla gravità della malattia, alla sua autonomia materiale e mentale.

 

In virtù degli obblighi di solidarietà che si instaurano all’interno della famiglia, come i genitori sono tenuti a mantenere i figli fino alla indipendenza economica, perché versano in condizione di incapacità, anche i figli, una volta diventati adulti, rivestono una posizione di garanzia nei confronti del genitore ormai invalido o incapace, e quindi devono accudirli.

 

Ma cosa si considera «abbandono»? Costituisce “abbandono” qualsiasi azione od omissione che contrasti con l’obbligo della custodia o della cura; per la sussistenza del reato in esame occorre inoltre che, in dipendenza dell’abbandono, si crei uno stato, sia pure potenziale, di pericolo per la incolumità della persona abbandonata. Pertanto, l’abbandono integra in tal caso gli estremi della condotta criminosa, da cui dipende l’evento di pericolo penalmente sanzionato.

 

 

Il diritto agli alimenti

Quanto invece all’obbligo di dare i soldi ai genitori anziani incapaci economicamente, il codice civile impone solo la prestazione dei cosiddetti alimenti, ossia lo stretto indispensabile per mangiare e vivere (quindi anche le spese di medicine e della casa). Ma ciò solo a condizione che il genitore non abbia ancora il coniuge in grado di provvedere al suo mantenimento. Solo infatti quando il marito o la moglie non ha più le possibilità di prendersi cura del consorte (anche quindi nel caso di morte), scatta l’obbligo per i figli. Obbligo che non va ripartito in parti uguali tra la prole: ciascuno infatti è tenuto in base alle proprie possibilità economiche. In pratica, in presenza di più obbligati di pari grado, il giudice non prevede una ripartizione, in egual misura, tra questi ultimi della somma necessaria al sostentamento del bisognoso, ma provvede in proporzione alla disponibilità economica di ciascuno di essi. Il giudice deve, quindi, procedere nel rispetto del principio della proporzionalità dell’obbligazione alle rispettive condizioni economiche. Dall’applicazione di questo principio consegue che ciascun obbligato sarà chiamato a corrispondere l’importo relativo alla sua quota, senza poter essere condannato al pagamento di una quota altrui.

 

La disciplina dettata dal codice civile [3] si riferisce alla sola obbligazione alimentare legale e quindi all’obbligazione di prestare aiuto economico alla persona che versa in stato di bisogno da parte di chi vi è legato da particolari vincoli familiari. Il diritto agli alimenti comprende non solo gli alimenti naturali, quali vitto, alloggio, cure mediche, ma anche i cosiddetti doveri civili, connessi invece ai bisogni di natura morale e sociale.

 

Obbligati per legge a corrispondere gli alimenti sono: il coniuge; i figli legittimi o legittimati o naturali e adottivi e, in loro mancanza, i discendenti prossimi anche naturali; i genitori e, in loro mancanza, gli ascendenti prossimi, anche naturali; gli adottanti; i generi e le nuore; il suocero e la suocera; i fratelli e le sorelle germani o unilaterali, con precedenza dei germani sugli unilaterali.

 

Per quanto concerne i discendenti, la norma prevede un riferimento ai figli legittimi, legittimati, naturali e adottivi o, in assenza, ai discendenti prossimi, anche naturali. La legge di riforma del diritto di famiglia ha eliminato ogni distinzione tra figli legittimi e figli naturali. L’obbligo alimentare fa quindi carico ai discendenti quale che sia il rapporto di filiazione che lega il figlio al genitore. L’equiparazione non sussiste pienamente in ordine ai figli adottivi, i quali sono obbligati alla pari con gli altri figli nei confronti dell’adottante, ma non lo sono nei confronti dei genitori di quest’ultimo.

 

 

La vicenda

Un uomo si era disinteressato completamente della madre affetta da psicosi cronica con deficit cognitivo che si trovava a vivere isolata ed in stato di degrado materiale e morale. Il tribunale ha giudicato colpevole il figlio per il suo volontario e totale disinteresse nei confronti del genitore.


La sentenza

OBBLIGO DI ALIMENTI

 

Cassazione civ., Sez. I, 6 ottobre 2006, n. 21572

Il diritto agli alimenti è legato alla prova non solo dello stato di bisogno, ma anche della impossibilità di provvedere, in tutto o in parte, al proprio sostentamento mediante l’esplicazione di un’attività lavorativa. Ove, pertanto, l’alimentando non provi la propria invalidità al lavoro per incapacità fisica o l’impossibilità, per circostanze a lui non imputabili, di trovarsi un’occupazione confacente alle proprie attitudini e alle proprie condizioni sociali, la relativa domanda deve essere rigettata. (Giust. civ., 2007, 5 1142)

 

Tribunale di Trieste 23 maggio 2005

L’amministratore di sostegno ha l’obbligo di svolgere i propri compiti con diligenza e fedeltà, tenendo conto anche dei bisogni e delle aspirazioni del beneficiario. (www.personeedanno.it)

 

T.A.R. Veneto, Sez. I, 3 novembre 1999, n. 1785

Non sussiste un obbligo di natura alimentare, posto a carico dei parenti del malato (nella specie, i fratelli di soggetto portatore di handicap affetto da sindrome di Down e interdetto), di versare la quota di compartecipazione alla spesa per il ricovero presso una comunità alloggio convenzionata del

Mostra tutto

[1] Trib. Firenze sent. n. 3964/2016 del 27.08.2016.

[2] Art. 591 cod. pen.

[3] Art. 433 cod. civ.

 

Autore immagine: Pixabay.com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti