Professionisti Pubblicato il 2 dicembre 2016

Articolo di

Professionisti Libertà di manifestazione del pensiero e l’art. 21 Costituzione

> Professionisti Pubblicato il 2 dicembre 2016

Limiti alla libertà di manifestazione di pensiero, libertà e pluralismo dell’informazione, la televisione.

Cosa stabilisce l’articolo 21 Costituzione?

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l’indicazione dei responsabili.

In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell’autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all’autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s’intende revocato e privo d’ogni effetto.

La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni.

Nozione

L’espressione più pregnante del principio personalista e del pluralismo è la libertà di manifestazione del pensiero che costituisce un valore centrale nell’ordinamento costituzionale (sent. C. Cost. 9/1965) purché si attui il principio democratico.

Tale libertà è sancita dall’art. 21 della Costituzione che garantisce ad ogni individuo tutti») la facoltà di divulgare il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione, cioè di poter liberamente comunicare con i propri simili [1].

È stato l’art. 11 della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino del 26 agosto 1789 a definire quanto segue: «la libera manifestazione dei pensieri e delle opinioni è uno dei diritti più preziosi dell’uomo; ogni cittadino può dunque parlare, scrivere, stampare liberamente, salvo a rispondere dell’abuso di questa libertà nei casi determinati dalla Legge».

La garanzia della libertà di pensiero e della sua manifestazione costituisce una condizione imprescindibile per la stessa vita e sopravvivenza di un regime democratico perché assicura la formazione di un libero convincimento personale da parte di ciascun cittadino e di una opinione pubblica libera e criticamente fondata e, perciò, è considerata la «pietra angolare» della democrazia.

È significativo, infatti, che la libertà maggiormente violata dai regimi autoritari sia proprio la libertà di manifestazione del pensiero, che viene compressa soprattutto attraverso la censura politica e il controllo di stampa, radio e TV, mezzi di comunicazione di massa tradizionalmente più diffusi utilizzati per diffondere le idee.

Il diritto alla propria opinione è il presupposto fondante del pluralismo ideologico tutelato dall’art. 21 Cost.:

  • nel momento statico: ciascuno può liberamente crearsi un proprio patrimonio di idee e non può essere discriminato in base ad esse;
  • nel momento dinamico: ogni individuo può manifestare liberamente (salvo i limiti di cui si dirà) le proprie idee in qualsiasi luogo, con qualsiasi mezzo (parola, scritto etc.) ed in qualsiasi campo (politico, religioso etc.);
  • nel momento negativo: ogni individuo è libero di tenere segrete le proprie opinioni e non può essere costretto a divulgarle (salvo in casi particolari come per i testimoni nei processi

Sotto il profilo negativo tale libertà si estrinseca nella pretesa del titolare che gli altri soggetti (pubblici o privati) si astengano dal turbare, con ogni mezzo diverso da quelli costituzionalmente riconosciuti, il libero esercizio della manifestazione del proprio pensiero.

 

Differenze

La manifestazione del pensiero (art. 21) si distingue dalla comunicazione del pensiero (art. 15 Cost.) in quanto:

— con la manifestazione il soggetto intende diffondere il proprio pensiero divulgandolo ad una pluralità di soggetti (es. attraverso un libro);

— la comunicazione, tutelata nell’art. 15, è invece la trasmissione del proprio pensiero ad una o più persone determinate (es. attraverso un telegramma).

 

 

Limiti alla libertà di manifestazione del pensiero

Pur presentando una notevole ampiezza, la libertà di manifestazione del pensiero incontra specifici limiti fissati non solo nell’art. 21 Cost., ma desumibili anche da altre norme costituzionali a tutela di diritti che possono essere in conflitto con le concrete modalità d’esercizio di tale libertà.

Tali limiti sono:

– la riservatezza e l’onorabilità della persona: in base agli artt. 2 e 3 Cost., il diritto di ciascuno a manifestare il proprio pensiero non deve essere esercitato in modo tale da ledere la dignità, l’onore, la privacy altrui.

Il rispetto della persona è, infatti, tutelato da norme penali che puniscono i reati di diffamazione, ingiuria e oltraggio, e da norme civili che prevedono misure preventive e sanzionatorie di salvaguardia dei diritti della personalità.

Peraltro, il codice in materia di protezione della privacy (all’uopo è stato istituito il «Garante della privacy») tende a ridurre l’impatto delle regole dettate a garanzia della riservatezza sull’esercizio dell’attività giornalistica, escludendo tale attività da alcune delle limitazioni previste in generale per il trattamento dei dati personali e anche di quelli sensibili, pur nel rispetto dell’essenzialità dell’informazione riguardo a fatti di interesse pubblico e ferma restando la possibilità di trattare i dati relativi a circostanze o a fatti resi noti direttamente dall’interessato o attraverso suoi comportamenti in pubblico (art. 137 D.Lgs. 196/2003);

– il buon costume: secondo la dottrina prevalente devono considerarsi vietate, a norma dell’art. 21 ult. comma Cost., quelle manifestazioni di pensiero che, secondo il sentimento medio della collettività, offendono il comune senso del pudore e la pubblica decenza; non si deve, comunque, tenere conto solo della cd. prevalente «morale corrente» (come afferma il codice civile), in quanto in tal caso si penalizzerebbe astrattamente la libertà di pensiero anticonformista, tutelata, comunque, dall’art. 21 (BARBERA, FUSARO) finché tale particolare forma di pensiero non apra la strada al malcostume e alla perversione;

– il segreto giudiziario: per garantire il buon andamento dell’amministrazione della giustizia e per proteggere la reputazione degli imputati, è vietata la pubblicazione degli atti che, per previsione legislativa, sono destinati a rimanere segreti. Pertanto, non sussiste un segreto generalizzato ed assoluto per ciò che attiene alla fase delle indagini preliminari, bensì l’individuazione puntuale di atti e documenti secretati e la previsione del venir meno della secretazione nel momento in cui l’imputato acquisisca il diritto di venirne a conoscenza;

– il segreto di Stato: in base all’art. 39 della L. 3 ottobre 2007, n. 124 sono coperti dal segreto di Stato, atti, documenti, notizie, attività la cui divulgazione potrebbe recar danno alla sicurezza dello Stato democratico. Il segreto di Stato può essere imposto a tutela di interessi militari, diplomatici o di sicurezza. È il Presidente del Consiglio che ha la competenza a decidere in via esclusiva sull’opposizione del segreto all’autorità giudiziaria;

– l’apologia di reato: come ha affermato la Corte costituzionale (sent. 65/1970), l’apologia non costituisce una forma di manifestazione di pensiero, ma rappresenta solo un comportamento che suscita un sentimento ostile che, come tale, è idoneo a provocare delitti e pertanto non è ammissibile nel nostro ordinamento.

I reati di opinione

Sono rappresentati da alcune figure criminali, molte delle quali dichiarate già da anni contrari alla Costituzione. In particolare, continuano ad essere considerati «reati» tutti gli atteggiamenti che varcano la soglia del solo «pensiero» e stimolano azioni positive illecite (es.: istigazione al reato,apologia di reato etc.).

Spetta a ciascun giudice, nel corso dei giudizi a lui sottoposti, valutare se la condotta concreta del singolo abbia sconfinato nell’azione positiva o si sia arrestata al solo pensiero.

 

 

La libertà e il pluralismo dell’informazione

La libertà di manifestazione del pensiero viene concretamente esercitata attraverso il libero esercizio che una eterogenea pluralità di mezzi di informazione, tra i quali rientrano la stampa, la telediffusione e la radiodiffusione, la pubblica affissione, gli spettacoli pubblici e, soprattutto, le nuove tecnologie applicate alla comunicazione (Internet etc.).

Peraltro, con la diffusione capillare di Internet e dei nuovi media, ciascun individuo può diventare editore di se stesso pubblicando e diffondendo liberamente la sua parola e il suo pensiero e il suo scritto sia in formato cartaceo che elettronico.

La manifestazione del pensiero, attraverso l’uso di tali strumenti divulgativi, rappresenta quel particolare aspetto del diritto sancito dall’art. 21 Cost., che viene denominato come «libertà d’informazione» che si articola in una pluralità di diritti: di informare, di informarsi e di essere informati.

La libertà di informazione, che rientra nella più generale libertà di manifestazione del pensiero, trova il suo fondamento costituzionale oltre che nell’art. 21 Cost., anche in tutte quelle libertà che garantiscono una scelta (in quanto per scegliere occorre prima «conoscere»), nonché nelle disposizioni che garantiscono il pieno sviluppo della persona umana (artt. 2 e 3 Cost.), l’uguaglianza dei cittadini (art. 3 Cost.) e la partecipazione all’organizzazione del Paese (art. 3, comma 2 Cost.).

Il principio della libertà di informazione deve, inoltre, considerarsi giuridicamente vigente anche per effetto dell’art. 19 della «Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo» (adottata dall’Assemblea generale dell’ONU il 10 dicembre 1948) nel quale si riconosce ad ogni individuo il diritto di ricercare informazioni e notizie servendosi di qualsiasi mezzo, anche oltrepassando le frontiere nazionali (LOIODICE).

 

 

La radiotelevisionee

Nell’ultimo mezzo secolo un importante mezzo di manifestazione del pensiero, nonché strumento di diffusione di idee e notizie, è stata la radiotelevisione.

La disciplina fondamentale di tale mezzo di comunicazione è contenuta nel D.Lgs. 31 luglio 2005, n. 177 che istituiva il Testo unico della radiotelevisione e che, ai sensi dell’art. 1, comma 1, D.Lgs. 15 marzo 2010, n. 44, reca il nuovo titolo di «testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici».

L’art. 3 del D.Lgs. 177/2005, così come modificato dall’art. 17, comma 1, lett. a), D.Lgs. 44/2010, elenca i seguenti principi fondamentali del sistema dei servizi di media audiovisivi e della radiofonia:

  • la garanzia della libertà e del pluralismo dei mezzi di comunicazione radiotelevisiva;
  • la tutela della libertà di espressione di ogni individuo, inclusa la libertà di opinione e quella di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza limiti di frontiere;
  • l’obiettività, la completezza, la lealtà e l’imparzialità dell’informazione;
  • la tutela dei diritti d’autore e di proprietà intellettuale;
  • l’apertura alle diverse opinioni e tendenze politiche, sociali, culturali e religiose;
  • la salvaguardia delle diversità etniche e del patrimonio culturale, artistico e ambientale, a livello nazionale e locale, nel rispetto delle libertà e dei diritti, in particolare della dignità della persona, della promozione e tutela del benessere, della salute e dell’armonico sviluppo fisico, psichico e morale del minore, garantiti dalla Costituzione, dal diritto dell’Unione europea, dalle norme internazionali vigenti nell’ordinamento italiano e dalle leggi statali e regionali.

Si tratta di principi faticosamente affermatisi negli ultimi decenni, frutto di un assetto del sistema radiotelevisivo italiano che ha conosciuto una evoluzione del tutto particolare.

manuale diritto costituzionale 2016

note

[1]    Tale libertà, anche se trova uno specifico fondamento costituzionale per alcune libertà [es.: per la fede religiosa (art. 19), per l’arte e la scienza (art. 39, co. 1)], può e deve applicarsi a tutti i campi (politico, filosofico etc.).

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK