HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 27 dicembre 2016

Articolo di

Lo sai che? Come chiedere un trasferimento d’ufficio

> Lo sai che? Pubblicato il 27 dicembre 2016

Trasferimento: in quali casi il dipendente ha il diritto di essere trasferito in un’altra sede di lavoro e come può richiederlo?

 

Mio marito è stato trasferito lontano dalla mia sede di lavoro e vorrei raggiungerlo: posso chiedere un trasferimento d’ufficio?

Il trasferimento, cioè lo spostamento definitivo del dipendente da una sede di lavoro a un’altra, può avvenire sia dietro iniziativa del datore di lavoro che del dipendente: nel primo caso parliamo di trasferimento d’ufficio, nel secondo caso di trasferimento su richiesta. Nei casi in cui il trasferimento avviene dietro apposita domanda del lavoratore è comunque necessario che sia l’azienda a disporre lo spostamento, perché il lavoratore non può cambiare sede “di testa propria”.

Ci si chiede, però, se, in mancanza di accordo con l’azienda, esistano dei casi in cui il lavoratore abbia diritto al trasferimento: vediamo, a questo proposito, che cosa prevede la legge.

Trasferimento dipendenti pubblici con figli minori di 3 anni

Se il lavoratore è un dipendente pubblico con un figlio minore di 3 anni, il cui coniuge abbia una sede di lavoro distante dalla propria, può essere trasferito grazie a un particolare istituto previsto dalla legge [1], il ricongiungimento familiare, meglio noto come mobilità temporanea. Si tratta, in pratica, di un’assegnazione temporanea, per un periodo non superiore a tre anni, presso una sede di servizio situata nella stessa provincia o regione nella quale l’altro genitore esercita la propria attività lavorativa.

Il ricongiungimento familiare non è, comunque, un vero e proprio diritto al trasferimento, ma un semplice interesse legittimo, in quanto, perché il dipendente possa essere spostato, è necessario:

  • che esista un posto vacante disponibile con una posizione retributiva corrispondente a quella del lavoratore, nella sede in cui vuole essere trasferito;
  • il parere positivo delle amministrazioni di provenienza e destinazione: se l’amministrazione rilascia un parere negativo, deve però motivare il diniego.

Trasferimento e Legge 104

I lavoratori che assistono una persona con disabilità grave, secondo la Legge 104, o i lavoratori disabili gravi non hanno diritto ad essere trasferiti, ma possono scegliere, quando possibile, la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio. Anche in questo caso, come per il ricongiungimento familiare, non esiste un diritto al trasferimento, ma si tratta di un interesse legittimo. Secondo le più recenti sentenze in materia [2], ad ogni modo, l’azienda, per opporsi alla scelta della sede di lavoro preferita dal dipendente, non può utilizzare qualsiasi motivazione, ma deve giustificare il rifiuto con esigenze produttive straordinarie: se non esistono ragioni produttive alla base del diniego, dunque, o se queste motivazioni non sono straordinarie, il lavoratore disabile o beneficiario della Legge 104 ha diritto al trasferimento.

È invece un vero e proprio diritto senza condizioni, per i dipendenti disabili o beneficiari della Legge 104, quello di opporsi al trasferimento in un’altra sede: l’unico caso in cui il dipendente non può opporsi si verifica quando la sua permanenza causa tensioni e contrasti con i colleghi, con rilevanti ripercussioni anche sul regolare svolgimento dell’attività lavorativa [3].

Trasferimento e incompatibilità coi colleghi

Capita di frequente, a questo proposito, che un dipendente sia trasferito di sede per incompatibilità con i colleghi: nella maggioranza dei casi, però, si tratta di un provvedimento disposto dal datore di lavoro, quando la condotta del lavoratore (rilevante sotto il profilo disciplinare) causa problemi tecnici, organizzativi e produttivi.

In pratica, se esiste un’incompatibilità fra il dipendente ed i suoi colleghi ed è il lavoratore a volersi trasferire, il datore valuta l’opportunità, o meno, dello spostamento.

Quando, invece, l’incompatibilità è tale da determinare conseguenze gravi, cioè quando tensioni e contrasti causano disorganizzazione e disfunzioni nell’unità produttiva, il datore di lavoro può trasferire il dipendente senza il suo consenso, perché si realizza un’obiettiva esigenza aziendale di modificare il luogo di lavoro.

Trasferimento e maternità

Nell’attuale normativa, non esiste né un diritto al trasferimento, né un vero e proprio diritto a rifiutare il trasferimento, per le lavoratrici in maternità. Tuttavia, una recente sentenza della Cassazione [4] ha ritenuto legittimo il rifiuto al cambiamento definitivo della sede da parte di una lavoratrice rientrata dal periodo di congedo per maternità, annullando il suo licenziamento: la Suprema Corte ha dunque riconosciuto, implicitamente, il diritto a rifiutare il trasferimento per le lavoratrici da poco diventate madri, ampliando così la tutela per questa categoria.

Trasferimento: altri motivi

Al di fuori delle ipotesi esaminate, il dipendente è libero di domandare il trasferimento, senza giustificarlo con particolari motivazioni, ma questo può essere disposto solo con l’accordo del datore di lavoro.

Viceversa, quando è il datore di lavoro a voler trasferire il dipendente, deve motivare il cambio di sede con  comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive.

Trasferimento: come si fa la domanda

Per la domanda di trasferimento da parte del lavoratore non esiste una particolare forma da rispettare. È comunque opportuno redigere una domanda per iscritto, indicando in modo completo le motivazioni del trasferimento.

Di seguito, ecco un facsimile della domanda di trasferimento del lavoratore

Nome Cognome lavoratore

Indirizzo

Spett. le (ragione sociale azienda)

Indirizzo azienda

Oggetto: richiesta di trasferimento

Alla C.A. del Sig. (indicare il datore di lavoro o il responsabile dell’amministrazione del personale).

Egregio Sig. …,
con la presente intendo cortesemente formulare richiesta di trasferimento presso l’unità produttiva di (indicare la sede di lavoro in cui si vuole essere trasferiti) per (indicare dettagliatamente i motivi per cui si richiede il trasferimento).

A tal fine Le ricordo che sono impiegato presso la Sua azienda / l’azienda…. dal …. con qualifica di …. livello …. con le seguenti mansioni ….

Confidando in un suo cortese riscontro colgo l’occasione per porgere cordiali saluti

Luogo e data

Firma

note

[1] Art. 42 bis D.lgs. 151/2001.

[2]Cass. sent. n. 5900/2016.

[3] Cass. sent. n. 24775/2013.

[4] Cass. sent. n. 15435/2016.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK