Professionisti Pubblicato il 7 dicembre 2016

Articolo di

Professionisti Gruppi parlamentari

> Professionisti Pubblicato il 7 dicembre 2016

Tutti i parlamentari sono obbligati ad iscriversi ad un gruppo parlamentare.

I Gruppi parlamentari sono associazioni volontarie di deputati o senatori volte a promuovere una più agile, incisiva ed efficace azione delle diverse forze politiche all’interno delle Camere e rappresentano il riflesso istituzionale del pluralismo politico (Corte Cost. 174/2009).

Secondo parte della dottrina (BARILE) i gruppi parlamentari sono «organi di collegamento tra lo Stato-Comunità e lo Stato-persona», rappresentando la proiezione dei partiti politici (istituto tipico dello Stato-comunità) in seno al Parlamento (principale istituto dello Stato-persona). Altra parte (MORTATI), invece, pone in rilievo il loro duplice ruolo: da un lato fanno capo ai partiti politici di cui sono espressione; dall’altro sono organi interni delle Camere con funzioni preparatorie delle decisioni spettanti in proprio alle Camere stesse.

Tutti i parlamentari sono obbligati – per motivi organizzativi – ad iscriversi ad un gruppo parlamentare.

Alla Camera, entro due giorni dalla prima seduta, ciascun deputato deve dichiarare al Segretario generale a quale gruppo intende appartenere (art. 14 Reg. Camera); al Senato, invece, entro tre giorni dalla prima seduta, ogni senatore è tenuto ad indicare alla Presidenza del Senato il Gruppo del quale intende far parte (art. 14 Reg. Senato). Tale pratica è doverosa in quanto l’elezione di un parlamentare nella lista di un partito non comporta l’automatica iscrizione nel corrispondente Gruppo parlamentare.

Qualora i singoli parlamentari non esercitino questa loro facoltà i Parlamentari sono iscritti d’ufficio nel cd. «Gruppo misto».

Per la valida costituzione di un gruppo parlamentare occorrono almeno 10 senatori e 20 deputati (salvo deroghe autorizzate dall’Ufficio di Presidenza).

Ciascun gruppo è tenuto a nominare un Presidente, uno o più vice e un comitato direttivo.

Particolare rilievo assume la Conferenza dei Presidenti di gruppo (art. 13 Reg. Camera; artt. 53 e 55 Reg. Senato), organismi collegiali (uno per ciascuna Camera) presieduti dal Presidente dell’Assemblea e costituiti da tutti i Presidenti dei Gruppi parlamentari.

A tali Conferenze i regolamenti parlamentari attribuiscono tre poteri:

  • deliberazione del programma di attività (di norma per non più di due mesi);
  • deliberazione del calendario dei lavori;
  • organizzazione della discussione in aula.

Ai gruppi viene assegnato un tempo d’aula cospicuo, mentre gli interventi concessi ai singoli parlamentari a titolo personale non possono durare, per statuizione dei regolamenti parlamentari, più di due minuti.

manuale diritto costituzionale 2016

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK